Trasporti, basta con la distanza|L'ordinanza di Musumeci - Live Sicilia

Trasporti, basta con la distanza|L’ordinanza di Musumeci

Nuova ordinanza del Presidente della Regione. Cosa cambia per chi viaggia.
AUTOBUS E PULLMAN
di
6 Commenti Condividi

PALERMO- L’ordinanza ‘contigibile e urgente’ del Presidente della Regione, Nello Musumeci, parla chiaro e cambia ancora le condizioni di viaggio sui mezzi siciliani, da sabato 4 luglio.

Si legge all’articolo uno: “Nel rispetto delle misure di carattere sanitario finalizzate alla prevenzione e al contenimento dell’infezione da Covid-19, è consentita l’occupazione del 100% dei posti a sedere e in piedi per i quali il mezzo è omologato, in deroga all’obbligo di distanziamento intepersonale di almeno un metro e al coefficiente di riempimento dei mezzi fissato dal DPCM dell’11 giugno 2020”. Ma la regola nell’incipit è chiara, non si abbandona del tutto la prudenza. “Gli spostamenti infra ed interregionali non sono soggetti ad alcuna limitazione, permanendo l’obbligo di osservanza delle misure di contenimento del contagio”.

“Tali misure – si legge ancora – si applicano anche al trasporto pubblico regionale, locale di linea ferroviario, automobilistico extraurbano, nonché al trasporto pubblico non di linea e servizi autorizzati (taxi, noleggio con conducente, noleggio senza conducente sia automobilistico che bus, autobus a fini turistici), trasporto pubblico funiviario”.

Un provvedimento che arriva dopo le notizie di cronaca circa le difficoltà degli spostamenti in autobus, con conseguente nervosismo sfogato soprattutto nei confronti degli autisti. Per esempio, le cronache a Palermo sono state caratterizzate da episodi di violenza, anche nel recente passato.

Il presidente dell’Amat, Michele Cimino, parlando con LiveSicilia.it, era stato esplicito sul punto e sulle norme di contenimento stretto: “La verità? E’ impossibile fare rispettare queste regole, specialmente su certe linee affollate, come quelle che vanno a Mondello. Ma non si tratta di un disagio soltanto palermitano, succede ovunque”. Adesso, bisognerà vedere quali saranno le situazioni concrete che scaturiranno dalle decisioni di Palazzo d’Orleans.

Il provvedimento di Musumeci è stato salutato positivamente dall’Asstra Sicilia (associazione dei trasportatori): “Apprezzamento e soddisfazione per la nuova ordinanza che di fatto permette la ripartenza del trasporto pubblico in Sicilia”, recita una nota. “Con questo importante provvedimento l’amministrazione regionale dimostra capacità di ascolto e di intervento e pone le basi per una vera ripartenza della Sicilia in piena sicurezza visto che sono disposte un’altra serie di misure anti contagio”. Claudio Iozzi, presidente di Asstra Sicilia, sorride: “Per il trasporto pubblico in generale si tratta di una notizia attesa e sperata e di questa attenzione al settore contemperando le esigenze di sicurezza a quelle di mobilità, ringrazio l’amministrazione siciliana tutta”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

6 Commenti Condividi

Commenti

    Quindi al chiuso dei mezzi pubblici, con la folla e l’aria viziata non si deve stare distanziati, mentre in spiaggia, in riva al mare, al sole, al vento, all’aria aperta, nei parchi, nelle arene, nelle discoteche all’aperto, nei pub all’aperto, nei bar all’aperto, nei circoli sportivi e nei ristoranti all’aperto si deve stare distanziati???? Sembra di stare su scherzi a parte!

    A Nullo lo ha consigliato Scilipoti. Dopo samona’ ci mancava Scilipoti. Praticamente tutta l’Italia ci ride dietro.

    Siamo in mano di nessuno, ma non da ora. Ora, visto che spettacoli e concerti sono vietati, li diamo noi. Povera Italia e povera Sicilia, ma abbiamo molte speranze, diventerà bellissima.

    Il ig. Musumeci metterà in seria difficoltà tutto il popolo siciliano

    mi auguro per il bene di tutti che la decisione presidenziale di deroga della norma sul distanziamento sia basata su una attenta valutazione dei rischi per la salute pubblica.

    Bravo Musumeci prendiamo iniziative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.