Allevatore morto a Francofonte, per l'autopsia "fu strangolato" - Live Sicilia

Allevatore morto a Francofonte, per l’autopsia “fu strangolato”

Svolta dopo tre anni nelle indagini sulla morte di Luigi Montagno
SIRACUSA
di
0 Commenti Condividi

SIRACUSA – Asfissia da strangolamento. Questo l’esito dell’autopsia eseguita sul corpo di Luigi Montagno, allevatore di bestiame, trovato morto il 4 dicembre 2018 a Francofonte, nel Siracusano.

Lo ha reso noto la Procura di Siracusa che alcuni mesi fa ha riesumato il cadavere del 70enne dopo aver riaperto le indagini inizialmente archiviate come morte naturale. Il medico legale aveva constatato la morte per arresto cardio-circolatorio.

L’inchiesta, diretta dai sostituti Gaetano Bono e Francesca Eva e coordinate dal procuratore capo Sabrina Gambino, era cominciata dopo gli esposti dei familiari della vittima che chiedevano di far luce su due assegni per 41mila euro incassati in momenti successivi alla sua morte di Montagno, che non aveva eredi diretti. I sospetti, spiega la Procura, sono sorti anche “dalla lettura del testamento olografo, risultato palesemente falso, che destinava il patrimonio della vittima, verosimilmente di circa 700 mila euro, ad un unico erede”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *