Ap a un passo dalla scissione | Chi sta con chi in Sicilia - Live Sicilia

Ap a un passo dalla scissione | Chi sta con chi in Sicilia

La riunione dei siciliani a Roma dopo l'annuncio choc di Alfano. Ecco cosa si sono detti.

Il retroscena
di
17 Commenti Condividi

PALERMO – E ora che ne sarà di Alternativa popolare, il partito con più poltrone che voti? I centristi di Angelino Alfano – quotati intorno al due per cento dai sondaggi – sono sotto choc dopo l’annuncio dell’eterno ministro di non ricandidarsi. E adesso, la già malconcia barca di Ap naviga senza guida in acque sempre più agitate.

Da settimane, gli alfaniani rinviano una decisione sulle future alleanze per le Politiche. La direzione è stata rinviata più volte e il partito è rimasto in mezzo al guado. Il redde rationem ci sarà lunedì e sarà davvero difficile evitare una scissione.

Alfano, annunciando il suo ritiro dalla scena, ha cercato di distendere gli animi in vista del complicato appuntamento. Ma incontrando i parlamentari nazionali eletti in Sicilia mercoledì sera, dopo aver lanciato la bomba a Porta a Porta, il ministro si è espresso in favore della linea “governativa”, cioè tirare dritto sull’alleanza con il Pd. “Si potrebbe arrivare anche a una lista unica”, ha detto ai suoi nel corso della lunga riunione serale nella sede di Ap in via del Governo vecchio a Roma.

Lo smarrimento tra gli alfaniani è comprensibile. Quelli che da un pezzo avevano scelto la strada del patto col Pd si stringono sempre di più a Renzi. Sono Beatrice Lorenzin e Fabrizio Cicchitto, pronti a confluire nella lista dei moderati alleata del Pd a cui lavora da qualche settimana Pierferdinando Casini. Sperando di raggranellare quel 3 per cento che serve a non restare fori dal Parlamento. Maurizio Lupi potrebbe portare il partito lombardo verso il centrodestra, magari unendosi alla “quarta gamba” centrista della coalizione che dovrebbe mettere insieme – ma le difficoltà non mancano – l’Udc di Cesa, Raffaele Fitto, Saverio Romano e altri moderati.

E i siciliani? La riunione di mercoledì, dopo l’annuncio choc di Angelino, è stata drammatica. Sulla linea di Lorenzin e Alfano, alleanza con il Pd, ci sono due big del partito come Giuseppe Castiglione e Dore Misuraca. “Noi possiamo vincere col centrosinistra. A Catania c’è un Pd forte, il collegio è alla portata della coalizione”, ragionava il primo. Mentre il secondo faceva notare come Renzi, abbassando il quorum per l’ingresso in Parlamento dal 5 al 3 abbia favorito i centristi. Di segno diverso l’intervento di Simona Vicari. L’ex sottosegretario già da qualche mese è critica sull’alleanza governativa con il Pd. “Il nostro elettorato non ci ha seguito”, ha detto ai compagni di partito Vicari, più orientata verso il centrodestra. Lo smottamento di voti verso l’area dell’Udc è stato evidenziato anche da altri presenti. Sembra guardare al centrodestra anche l’agrigentino Nino Bosco, mentre pare più possibilista su un patto col Pd il messinese Vincenzo Garofalo. Altri sono già andati via alla spicciolata, dagli ex deputati regionali passati col centrodestra in zona Cesarini (e non rieletti) ai parlamentari nazionali come Bruno Mancuso e Alessandro Pagano.

Non c’era alla riunione dell’altra sera Giovanni La Via, che al momento non si sbilancia: “Siamo tutti in attesa di capire cosa farà la direzione di Ap lunedì. Sarà il momento del confronto, vediamo se riusciamo a trovare una direzione unitaria. È chiaro che ci sono anime diverse. Io nel Parlamento europeo sto con i Popolari e continuerò a stare con i Popolari europei. Abbiamo qualche giorno per riflettere”, dice l’eurodeputato catanese. “La situazione è grave a livello nazionale, gravissima a livello regionale”, sintetizza l’ex deputato regionale Vincenzo Vinciullo, che critica l’attendismo e la mancata convocazione della direzione regionale dopo il voto. “Credo che i tempi siano scaduti, andremo a Roma e ci conteremo”, dice Vinciullo, che guarda con favore al ritorno al centrodestra e definisce “una strada tortuosa su cui siamo andati a sbattere” l’alleanza col Pd. “Ci saremmo aspettati le dimissioni dei vertici regionali dopo il disastro di Palermo, Catania e Messina”, aggiunge Vinciullo.

L’impressione è che il progetto nato sulle solide basi delle poltrone nel novembre 2013 (allora si chiamava Nuovo centrodestra) sia arrivato alla soglia dell’implosione finale. Lunedì potrebbe non restare che raccogliere i cocci.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

17 Commenti Condividi

Commenti

    Logica conseguenza di chi ha sempre pensato di occupare poltrone invece di sentire e risolvere i problemi dei cittadini. Ritirarsi dalla vita politica sarebe la soluzione migliore di tutti questi politicanti.

    Non conosco la situazione dei politici di AP fuori la Sicilia.
    Qui tranne LaVia, Castiglione ( Firrarello) e i primi degli eletti alle regionali Scarpinato gli altri non credo li voglia nessuno. Tutti dei sopravvalutati che hanno perso il contatto con il popolo da tempo.

    Non sentiremo la mancanza,

    Che peccato.
    Un grande partito. Grandi ideali. Grandi innovazioni politiche.
    Come faranno gli italiani senza questi grandi statisti?

    Ricordatevi che fate parte di quella schiera di traditori che ha consentito al >PD di rovinare l’Italia.

    stasera non mangio. Sono troppo triste. che ne sarà di questi grandi statisti.

    che dispiacere, gli italiani non mangeranno più….come facciamo senza questi….

    Sinceramente in questo caso più che di “scissione dell’atomo” sarebbe il caso di parlare di “scissione dei neutrini”….

    povero alfanino!!!!povero angelino jolie!

    Uomo coraggioso, schiena dritta, si è sacrificato per l’Italia. Lascia tristemente la poltrona per il bene degli italiani. Un vero eroe! Sarà ricordato per la sua coerenza politica.

    Questa è una grande risposta di coerenza politica……vergogna

    mi chiedo quale contributo, sia in termini elettorali che di contenuti, abbia portato alfano con d’alia ed il loro partitino ( lo chiamerei comitatino di poltronisti) ????? sono paragonabili ad una zavorra. ma cosa se ne fa il centro sinistra di tutti questi????? servono solo ad allontanare T U T T I .

    Io direi, ancora meglio, “scissione dei gluoni”, la colla delle varie parti dell’atomo! Ancora più insignificante! AHAHAH!?

    Alfano si è preoccupato esclusivamente di se stesso. Si e’ impegnato per conservare il posto di ministro quanto piu’ a lungo possibile ed e’ per questo che ha fatto da sgabello al Pd di Renzi. Per mantenere questo obiettivo tutto e’ stato sacrificabile. Ora che si torna a votare e gli italiani presenteranno il conto a questi mercenari della politica il “capitano” Alfano abbandona la nave per primo lasciando i suoi compagni di viaggio al loro destino Consapevole che non potrebbe ottenere più nulla si sfila lasciando il suo partito nel caos.

    Da figlio politico di Berlusconi a figlio di nessuno. Alfano paga l’egoismo di essere passato dal centro sx al centro dx pur di rimanere a galla. Adesso, visti i risultati delle regionali, decide di non candidarsi per non dare al popolo la possibilità’ di mandarlo a casa. (Gianfranco Fini docet)

    Ma AP esiste ancora??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *