Processo alla mafia di Brancaccio | Assolti Nunzia e Benedetto Graviano - Live Sicilia

Processo alla mafia di Brancaccio | Assolti Nunzia e Benedetto Graviano

Nunia Graviano

Condannati Giuseppe Arduino e Giuseppe Faraone.

1 Commenti Condividi

PALERMO – Almeno stavolta Nunzia, la picciridda della famiglia Graviano, non è colpevole di associazione mafiosa. È stata assolta in appello, così come il fratello Benedetto che era imputato solo di intestazione fittizia di beni. Nel processo che tornava da un rinvio della Cassazione le accuse non hanno retto. Per Nunzia è venuta meno la condanna a tre anni in continuazione con una precedente sentenza, mentre Benedetto non sconterà quattro anni. Entrambi, difesi dall’avvocato Raffaele Restinvo, sono liberi da anni.

Il processo nasceva da un blitz del 2011. Secondo l’accusa, Giuseppe e Filippo Graviano, capimafia dell’ala stragista di Cosa nostra, nonostante il 41 bis, avrebbero continuato a reggere le sorti del mandamento di Brancaccio, servendosi di Nunzia, tornata in libertà dopo avere scontato una condanna per mafia. Nunzia, soprannominata la picciridda, si era trasferita a Roma, dove gestiva un bar. Viveva in un bell’appartamento ai Parioli.

Nello stesso processo d’appello sono stati condannati Giuseppe Arduino a 10 anni (pena confermata) e Giuseppe Faraone a 8 anni e 8 mesi (ha ottenuto un leggero sconto di pena). Arduino era stato indicato come il reggente del clan per conto degli storici capimafia. Ufficialmente faceva il portiere d’albergo al San Paolo, hotel confiscato ai Graviano e oggi struttura di eccellenza sotto amministrazione giudiziari. Anche Faraone avrebbe avuto un ruolo di peso nel clan.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Fateci sapere se si ammalano in galera i soggetti incarcerati cosi organizziamo una bella petizione come quella per Dell’ Utri così li facciamo uscire dalle sbarre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.