Bus per disabili incendiati | "Vigliacchi, colpiscono i deboli" - Live Sicilia

Bus per disabili incendiati | “Vigliacchi, colpiscono i deboli”

La denuncia del sindaco De Luca. Gara di solidarietà della politica

Partinico
di
0 Commenti Condividi

PARTINICO (PALERMO) – Due pulmini utilizzati per il trasporto di disabili di proprietà del Comune di Partinico sono stati distrutti dalle fiamme. Ne dà notizia il sindaco Maurizio De Luca che accusa: “solo i vigliacchi colpiscono i più deboli!”. “In attesa delle risultanze investigative ufficiali – aggiunge – un atto così vile, non può non definirsi come un attacco al cuore di Partinico. Serve tutta la forza delle istituzioni per rispondere”.

“In questi giorni – sottolinea il sindaco – l’amministrazione comunale sta avviando il piano di risanamento che impone scelte difficili per garantire un futuro a questa comunità, ci stiamo battendo per far uscire la città dal vecchio sistema dei rifiuti e riorganizzare l’amministrazione, rompendo con i vecchi criteri che hanno portato il comune al dissesto finanziario. Abbiamo già trovato segnali intimidatori anche in altri settori dell’amministrazione. Ma questo è veramente inaccettabile. Andremo avanti – conclude De Luca – con maggiore forza. Non l’avranno vinta. Poco dopo aver appreso la notizia, ho chiamato il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci”.

(ANSA).

*Aggiornamento
“Non esistono parole per commentare un gesto così vigliacco: dare alle fiamme i bus per il trasporto dei disabili è un atto di pura malvagità”. Lo dice il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè commentando l’incendio dei due bus per il trasporto di alunni disabili di proprietà del Comune di Partinico. “Spero – ha aggiunto – che le indagini portino al più presto all’individuazione dei responsabili. La mia solidarietà all’amministrazione comunale di Partinico e alla cittadinanza. Oggi stesso, nel pomeriggio, mi recherò sul luogo per testimoniare la mia vicinanza e quella dell’istituzione che rappresento”.

“L’incendio dei due bus per disabili a Partinico è un atto doppiamente vile, poiché si tratta di un’intimidazione che prende di mira chi, invece, merita sostegno e grande considerazione. Mi recherò subito sul posto per manifestare la nostra piena solidarietà all’amministrazione comunale guidata dal sindaco Maurizio De Luca, che in questi primi mesi ha già ottenuto ottimi risultati. Contemporaneamente comunicherò l’avvio, da parte di Diventerà Bellissima, di una raccolta di fondi per contribuire all’acquisto di due nuovi bus”. Lo afferma Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di Diventerà Bellissima.

“Solo dei vigliacchi posso incendiare due pulmini che servono per il trasporto dei disabili. Vergogna senza fine prendersela con i più deboli. Però la politica non può stare con le mani in mano, non può solo stigmatizzare questi atti vergognosi. Chiedo la mobilitazione di tutte le democratiche e democratici della Sicilia, di tutti i siciliani, ci dica l’amministrazione comunale di Partinico a chi poter destinare una raccolta fondi straordinaria, una donazione solidale per acquistare i due bus. La solidarietà deve vincere”. Così su Facebook il segretario regionale del Pd, il senatore Davide Faraone, che lancia una gara di solidarietà per acquistare due nuovi bus e donarli al comune di Partinico.

“Un fatto di una gravità assoluta. Confido nelle forze dell’ordine affinché si faccia immediata chiarezza e si consegnino i colpevoli alla giustizia. Il gesto è di una violenza inaudita, specie perché rivolto a degli indifesi”. Così il Capogruppo di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana, Giuseppe Milazzo, a seguito del terribile incendio di Partinico ai danni di due nuovi pulmini destinati al trasporto dei disabili. “È inaccettabile dover commentare azioni ignobili come questa. Chi si è macchiato di tale colpa – conclude Milazzo – è un vigliacco. A nome mio e del Gruppo Parlamentare che rappresento, c’è la massima solidarietà e vicinanza affinché si possa trovare una soluzione in tempi celeri. La politica non può restare inerme in occasioni come questa”.

“L’incendio che ha distrutto i due bus per disabili di proprietà del Comune di Partinico è un atto ignobile e crudele. Piena solidarietà all’amministrazione comunale di Partinico e alla cittadinanza. Spero che le indagini portino quanto prima alla individuazione dei degli autori di tale gesto criminale”. Lo dichiara Tony Rizzotto, deputato della Lega all’Assemblea Regionale Siciliana, che aggiunge di aver apprezzato “l’iniziativa del Consiglio di Presidenza dell’ARS, per l’assegnazione di un contributo straordinario al Comune che permetta di riattivare il servizio quanto prima”.

“Coloro che hanno incendiato i due pulmini per il trasporto pubblico dei disabili, a prescindere dalla motivazione scatenante di un gesto tanto riprovevole, sono dei poveretti, oltre che criminali. Vigliacchi. Si guardi allo specchio, chi è stato capace di prendersela con i più deboli della società, e provi disgusto per sé stesso. Mezzi uomini, proviamo vergogna per voi”. Così Giuseppe Barbici, consigliere comunale della Lega a Partinico, commentando l’attentato incendiario compiuto ieri sera nel parcheggio sotterraneo della polizia municipale. “Ci auguriamo che gli autori di questo vile gesto siano al più presto assicurati alla giustizia e paghino con pene esemplari – aggiunge Igor Gelarda, responsabile regionale del Carroccio – e per questo confidiamo nelle indagini delle forze dell’ordine”. “Quello che è accaduto a Partinico ci lascia con l’amaro in bocca – dice Caterina Caravella, presidente del circolo leghista della cittadina – Non capiamo il fine di questi gesti vergognosi, che colpiscono le fasce più indifese delle popolazione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *