Cagliari, crollo all'aula magna dell'Università: poteva essere una strage - Live Sicilia

Cagliari, crollo all’aula magna dell’Università: poteva essere una strage

La struttura è collassata intorno alle 22 di ieri sera. Gli ultimi studenti erano stati lì alle 20
VIGILI DEL FUOCO
di
0 Commenti Condividi

CAGLIARI – Poteva essere una strage. Nella tarda serata di ieri, poco prima delle 22, è crollata l’aula magna della facoltà di Lingue dell’Università di Cagliari. Nessuno è rimasto ferito: i vigili del fuoco, con l’aiuto dei cani e dei droni, ma anche con ispezioni sul posto, non hanno trovato tracce che possano far pensare alla presenza di qualcuno rimasto sotto le macerie. Ora verrà messa in sicurezza l’area e si cercheranno di capire le cause del crollo. Adesso sarà necessario ispezionare tutti i fabbricati del complesso. 

L’edificio aveva ospitato sino a poco prima del crollo alcune lezioni. Gli ultimi studenti sarebbero andati via intorno alle 20 di ieri sera, poco più di due ore dopo si è verificato il crollo che ha interessato la parte retrostante l’ingresso principale del complesso che ospita le facoltà umanistiche e l’aula magna della facoltà di geologia. Della struttura collassata su se stessa sono rimaste in piedi solo la parte inferiore della facciata e le colonne portanti che tenevano la struttura attaccata ad un’altra costruzione dove è stato realizzato anche l’asilo della facoltà.

“Bisogna capire le cause prima di arrivare ad ogni ipotetica conclusione – ha detto il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu in una dichiarazione riportata dall’Ansa – facciamo tanti controlli sugli edifici e nonostante questo non sono mai sufficienti: oggi dobbiamo ringraziare che questo crollo è avvenuto a tarda sera quando le lezioni erano già concluse”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *