Castro evita la beffa | Catania-Crotone finisce 1-1 - Live Sicilia

Castro evita la beffa | Catania-Crotone finisce 1-1

Pari giusto, ma inutile. Il Catania non esce fuori dai piani bassi della classifica.

Serie B/ Ventiseiesima giornata
di
45 Commenti Condividi

CATANIA. Il Catania acciuffa negli istanti di recupero un pareggio che potrebbe, paradossalmente, sollecitare emotivamente un ulteriore rigurgito d’orgoglio in seno al team rossoazzurro. Il fanalino di coda Crotone strappa un punto al “Massimino” rischiando addirittura di fare bottino pieno se Castro non fosse riuscito a spedire in fondo al sacco un cross della disperazione di Rosina quando il cronometro segnava già il primo minuto di recupero. Partita subito in salita per gli uomini di Marcolin, palesemente impreparati in avvio quando, dopo appena tre minuti, il nisseno Torregrossa trova il varco giusto per infliggere il primo dispiacere a Gillet. I rossazzurri non hanno la stessa freschezza atletica ammirata nelle precedenti gare di questo nuovo corso ed anche l’inesperto direttore di gara ci mette del suo condizionando il risultato con alcune cervellotiche decisioni. Sciaudone e Maniero colpiscono i legni della porta crotonese e Cordaz si esalta respingendo d’istinto la deviazione ravvicinata di Schiavi su azione d’angolo mentre il signor Sacchi di Macerata nega la massima punizione al Catania in almeno un paio di occasioni per altrettanti tocchi di mano in piena area. I padroni di casa mantengono stabilmente il possesso palla ma gli ospiti erigono un vero e proprio bunker a protezione della loro area di rigore. Nella ripresa, non cambia l’inerzia del match ma la manovra del Catania si ravviva, finalmente, nei minuti finali dopo l’ingresso in campo di Martinho e Castro. Dopo l’espulsione al 90mo di Suciu (che avrebbe, però, meritato il secondo cartellino giallo già dopo un quarto d’ora di gioco) proprio Castro scaccia via le streghe trovando la deviazione vincente di testa sul cross dalla bandierina di Rosina.

Sulle ali dell’entusiasmo, il Catania getta il cuore oltre l’ostacolo ma il tempo è ormai finito. Si ripete, a parti invertite, il canovaccio già visto all’andata. Per i rossoazzurri un parziale stop che interrompe una rincorsa forse troppo tardiva. Domenica prossima a Pescara mancherà Coppola che sarà squalificato dopo l’ammonizione rimediata.

LA CRONACA

Primo Tempo (0-1)

3 Crotone inaspettatamente in vantaggio: sul cross proveniente dalla bandierina, il pallone sfila sul secondo palo dove Torregrossa e’ lesto a girarsi e a battere a rete. 1-0!

11 tiro centrale di Maiello;

15 Sciaudone colpisce in pieno la traversa con un gran tiro su assist di Rosina;

16 brutto fallo di Suciu su Maniero ma l’arbitro risparmia al numero 21 del Crotone il secondo cartellino giallo e, quindi, l’espulsione!

17 Rosina conclude a lato;

18 gran tiro di Sciaudone che Cordaz devia in angolo;

22 punizione di Calaio’ che Cordaz para facilmente;

24 il Catania protesta inutilmente per una presunta spinta in area su Maniero su azione d’angolo;

27 colpo di testa di Calaio’ che finisce a lato;

29 punizione insidiosa di Dezi che sorvola di poco l’incrocio dei pali;

34 Catania vicinissimo al pareggio: Cordaz respinge d’istinto la conclusione ravvicinata di Schiavi!

39 gran colpo di testa di Maniero ma il pallone si stampa ancora contro la traversa!

46 un difensore del Crotone tocca chiaramente il pallone con una mano in piena area di rigore ospite ma l’arbitro Sacchi, incredibilmente, non assegna il sacrosanto rigore al Catania! Le immagini televisive confermano l’abbaglio preso dall’inesperto direttore di gara di Macerata.

Il primo tempo si chiude con gli ospiti in vantaggio ed i rossazzurri che recriminano per due legni colpiti e le cervellotiche decisioni arbitrali!

Secondo Tempo (1-1)

4 tiro dalla distanza di Rinaudo senza molte pretese: fuori;

10 tiro di Rosina, alto;

17 nel Catania,Castro sostituisce Maniero;

24 Gillet esce a valanga per anticipare Torregrossa;

25 nel Crotone, Ricci prende il posto di Stoian;

27 nel Crotone, Rabusic sostituisce Torregrossa;

29 Rosina tira fuori;

30 nel Catania, Martinho rileva Sciaudone;

35 l’arbitro nega un’altra rigore al Catania dopo un tocco di mani di un difensore in piena area ospite sul cross dalla bandierina;

36 nel Catania, Capuano sostituisce Mazzotta;

39 bella percussione di Martinho ma nessuno sfrutta il suo suggerimento;

45 espulso Suciu per doppia ammonizione!

46 pareggio del Catania: Castro svetta di testa sul corner battuto da Rosina e pareggia:1-1!

47 espulso per proteste il tecnico crotonese, Drago;

Assalto all’arma bianca del Catania ma…finisce 1-1!

TABELLINO:

CATANIA – CROTONE 1 – 1

Note: serata fredda al “Massimino” e terreno di gioco in buone condizioni. Circa 15.000 spettatori con una piccola rappresentanza di sostenitori crotonesi assiepati nel settore “ospiti”.

FORMAZIONI

CATANIA (4-3-1-2) : Gillet, Belmonte, Schiavi, Ceccarelli, Mazzotta (dal 36 s.t. Capuano), Sciaudone (dal 30 s.t. Martinho), Rinaudo, Coppola, Rosina, Maniero (dal 17 s.t. Castro), Calaio’ (k). A disposizione: Terracciano, Sauro, Capuano, Escalante, Odjer, Chrapek, Barisic. Allenatore: Dario Marcolin.

CROTONE (4-3-3) – Cordaz, Balasa, Claiton (k), Gigli, Martella, Suciu, Matute, Dezi, Maiello, Torregrossa (dal 27 s.t. Rabusic), Stoian (dal 25 s.t. Ricci). A disposizione: Stojanovic, Ferrari, Modesto, Salzano, Ciano, De Giorgio, Padovan. Allenatore: Massimo Drago.

Arbitro: Juan Luca Sacchi di Macerata.

Collaboratori di linea: Valentino Paiusco (Vicenza) e Daniele Bindoni (Venezia). IV uomo: Francesco Catona (Reggio Calabria). Osservatore arbitrale: Giuseppe Anfuso (Barcellona Pozzo di Gotto).

Reti: 3 p.t. Torregrossa (Cr); 46 s.t. Castro (Ct).

Ammoniti: Suciu (Cr); Matute (Cr); Schiavi (Ct); Coppola (Ct); Cordaz (Cr); Sciaudone (Ct); Ricci (Cr);

Espulso: Suciu (Cr) al 90mo.

Diffidati: Calaio’, Coppola, Castro, Escalante, Odjer, Rosina, Castro (Ct); Balasa, Dezi, Ferrari, Maiello, Modesto, Suciu (Cr).

Indisponibili: Concetti, Cremonesi, Galardo, Zampano (Cr).

LA DIRETTA di FERNANDO MASSIMO ADONIA:

50′ Tutti a casa. Pareggio inutile.

46′ Castro sbuca di testa su calcio d’angolo. E’ gol.

44′ Doppio giallo per Suciu. Va fuori.

39′ Giallo per Ricci. Brutto fallo da dietro su Capuano.

37′ Fuori Mazzotta dentro Capuano.

36′ Rabusic forse con le mani in area. I rossoazzurri chiedono il rigore.

30′ Sciaudone esce tra gli applausi per Martinho.

26′ Torregrossa fuori, entra Rabusic.

24′ Ricci rileva Stojan per il Crotone. Intanto Gillet si sporca le mani per la prima volta bloccando l’affondo di Torregrossa.

19′ Entrano i sanitari per Malasah che riceve un calcio in faccia del tutto involontario da Calaiò.

17′ Maniero esce per Castro.

13′ E’ giallo anche per Sciaudone.

11′ Cordaz si prende il giallo per perdite di tempo sul rinvio dal fondo.

10′ Primi dieci minuti con un Catania sensibilmente più presente rispetto al Crotone. Gli episodi ci dicono però di una partita al momento non divertente.

1′ Maniero e Calaiò sulla palla. Non ci sono cambi.

SECONDO TEMPO

46′ Solo un minuto di recupero. Sacchi mandata tutti negli spogliatoi. Cosentino è infuriato con lui.

45′ Sciudone manda in crisi la difesa calabrese. Forse un mani in area. Doppio angolo per i rossoazzurri.

39′ Maniero prende di testa la traversa su cross di Sciaudone. Occasione per il Catania.

34′ Occasionissima di Schiavi. Grande risposta del portiere del Crotone sugli sviluppi del quarto calcio d’angolo del Catania. Il Catania poi rimedia una punizione dal limite che Rosina manda fuori.

32′ Giallo per Coppola. Tensione in campo, si sfiora la rissa.

28′ Schiavi ammonito.

27′ Mazzotta crossa dalla sinistra, Calaiò di testa. Fuori.

24′ Angolo per il Catania. Sugli sviluppi il Catania sfiora il gol. Ma i rossoazzurri reclamano un rigore per fallo su Gigli.

22′ Calaiò batte di prima. Tiro centrale, facile per l’estremo rossoblu.

21′ Matude mette a terra Calaiò davanti l’ingresso dell’aria. Giallo per lui.

18′ Sciaudone da fuori. Il portiere ci arriva e manda in angolo.

16′ Ci prova Rosina dal limite dell’aria. Va fuori. Non si sporca il portiere del Crotone.

15′ Sciaudone becca una traversa incredibile. Il Catania non molla.

12′ Giallo per Sociu. Entra da dietro su Rosina a centrocampo.

9′ Terzo angolo per i pitagorici. Sugli sviluppi, un tiro che si staglia a lato di Gillet.

5′ Nuovo angolo per il Crotone. Sulla battuta Rosina porta fuori con una gran cavalcata.

3′ Il primo angolo è per il Crotone. Ed è subito gol per il Crotone. Segna Torregrossa.

1′ Dezi da fuori. Ma senza alcun mordente. Va sul fondo.

1′ Parte il Crotone che gioca in maglia bianca.

L’ATTESA – E’ ancora Massimino. In casa. La squadra di Dario Marcolin è chiamata a vincere. Senza se e senza ma. Quella dei rossoazzurri è una posizione che non ammette scivoloni. Se è vero che il Catania ha ancora due partite da disputare – quella di stasera e il recupero in trasferta con il Modena -, un eventuale calo di concentrazione lo inchioderebbe alla retrocessione diretta. Ovvero, la medesima posizione in cui è al momento impantanato. C’è però che la classifica corta tiene ancora alte le speranze degli etnei. Ma i nove punti dalla zona play-off e dallo Spezia necessitano una prova di continuità sia dentro che fuori l’ex Cibali.  Anche il Crotone è in cerca di una scossa per lasciare l’ultimo posto del tabellone di B. Una sfida tutta da seguire, anche se nessuno stasera si aspetta il “bel gioco” in campo. Entrambe le squadre punteranno infatti alla concretezza. Finisse in pari, come all’andata (1-1), sarebbe un problema più che serio per tutte e due le formazioni. La buona notizia per Gillet è che quello del Crotone è il quarto peggior attacco della serie.

LE PROBABILI FORMAZIONI.

CATANIA (4-3-1-2):  Gillet,  Belmonte, Schiavi, Ceccarelli,  Mazzotta; Sciaudone, Rinaudo, Coppola, Rosina, Calaiò,  Maniero.

In panchina:  Terracciano,  Sauro,  Capuano,  Escalante,  Odjer,  Chrapek,  Martinho,  Castro,  Barisic.

Allenatore: Dario Marcolin

CROTONE (4-3-1-2):  Cordaz,  Balasa, Claiton, Gigli, Martella, Matute, Maiello, Sociu, Dezi, Torregrossa,  Stoian.

In panchina:  Stojanovic,  Ciano, Lewandowski,  Ferrari, Mataude,  Salzano,  De Giorgio,  Rabusic,  Ricci,  Padovan.

Allenatore: Massimo Drago.

Arbitra: Sacchi Juan Luca (Macerata)

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

45 Commenti Condividi

Commenti

    Caro Orazio, forse non conosci la nostra massima pitagorica: vedi Crotone …….. e poi piangi!

    Ahahhhahhhhahhahahhahhahahhahhaahahahahhahahhahhaha
    Ahhahhahahhhhahhahahhahhajhahahhahhahahha
    Ahahahahahahahahahahah

    Stic…i!!!

    Che squadrone ha fatto u prisirendi per gennaio. Ma il mercato è chiuso?? Riapritelo, quello del contadino. Andate a zappare cari liotri, e meno male che la neve ha fermato il Modena.
    AHAHHAHA che sagome che siete, ma avete ancora il coraggio di dire qualcosa? AHAHAHA

    Che fine ha fatto la remuntada ?????
    Ahahahahahahahaha
    Dai che vi potete ancora salvare …..
    Fozza fozza !!!!!

    Dai, in fondo siete solo a 60 punti dalla Eurobba ligghi. (e a 2 dalla Pro Ligghi) Io ai miracoli ci credo, dai, dai.

    Dove sono i cabarettisti etnei, Orazio , nello, turi, AGATINO e gli altri?
    Quelli che per intenderci commentano solo quando il Palermo perde ( praticamente mai) o quando il Catania vince ( solo quando gioca in casa di tanto in tanto) oggi pareggiate con l’ultima in classifica e per giunta a tempo scaduto….sbaglio o la settimana scorsa parlavate di play off???? Patetici, Ah ah ah ah siete penultimi, praticamente retrocessi , la lega pro si va sempre più materializzando, sempre che non fallite prima….
    Arrivederci provoloni..

    Questo pareggio coi defunti dopo il nostro partitone col Napoli avrà consigliato ai sigg. Saro, Turi, Camillo, agatino, iaffio, e pupazio di ammutolire definitivamente davanti all’evidenza? Credo di no. La vergogna è il rossore non appartiene a questi barzellettieri. Adios benzinaros, hasta la vista. Dimenticateci. Buon viaggio.

    Grazie Crotone, da un ” MEVUSARU” ROSANERO

    Ripartire da qui ! Il pareggio all’ultimo minuto è un chiaro segnale di speranza !!

    AhAhAhAhAhAhAh

    Auterdam, dove sei? Saro dove siete!!! Che dicevate? Volete parlare ancora? Ossessionati rosanero, ritiratevi e riflettete sulle vostre imprese da chempions ligh. Il Crotone vi ha fatto paura? Mamma mia, state ammazzando il campionato. Buona notte

    UAUUUU che squadrone!!!!!! ancora poco è siete in CCChempions

    sempre cosi’ la lega PRO vi aspetta..

    Azz! Al 90° mi sono alzato dalla poltrona e voi mi pareggiate la partita? Allora la prossima volta la guardo tutta!

    Un Gadadia pimpante e pronto a risalire la classifica… al contrario.
    Orazio ringrazia Sant’Agata al 91′ pareggio con l’ultima, chi mala fiura, muto devi stare!

    -no comment-

    Come si usa dire in quel di Belluno: ‘u catania trasìo ‘nno naturale!

    ghghghghghg

    Buongiorno,
    Volevo solo far notare che dai replay ravviginati si vede chiaramente che Maniero schiaffeggia il pallone nel tentativo di metterlo in rete e poi carambola sul braccio di Claiton. Quindi prima del netto rigore per il Catania c’è una punizione contro ed una ammonizione a Maniero per condotta scorretta.

    Saluti

    Strano, non ci sono commenti ? La cosa è preoccupante.

    ma che beffa e beffa!! siete una normale squadretta di BBB. quando si è forti non c’è arbitro che tenga!!!!! dai dai che a 86 punti ci puoi ancora arrivare…..AHHH AHHHH.

    e muri u cani!!! restrete in serie BBBBBBBBBB a vita

    Il silenzio assordante di Orazio, Agatino, Alfio, Camillo, Turi, Nello, Saro, Auterdam vale più di tutte le chiacchiere inutili che sentiamo da due anni provenire dall’Etna. Continuate così, MUTI dovete rimanere anche perché ormai è provato scientificamente: più parlate contro di noi e più la vostra armata brancaleone affonda con il vostro ineffabile prisirendi in testa. Coraggio, adesso completate l’opera e dimenticateci. In Sicilia esiste solo il PALERMO. Voi siete il nulla con l’aggravante di essere superpresuntuosi. Un bel bagno di umiltà vi ci vuole proprio, anche se contro il vostro DNA non ci sono rimedi. Vi rammento che le vostre famose 20.000 B in esposizione durante l’ultimo derby, vi costano tanti anni di malasventura, ve lo siete proprio meritato. Ve lo siete voluto voi.

    Neanche commento per oggi…non riesco a smettere di ridere…siete la barzelletta della serie cadetta. Mangiatevi il fegato e i cartelli con le B (io mi manciu un bello pane ca meusa rosellino). VI AMO CUGINI…a voi e a Ninuzzu…non fate mai la fine del Palermo, mi raccomando, continuate così! Qui si gode da impazzire e a breve sapremo se possiamo cominciare a preparare un altra mega festa per le vie della città.

    Qui non si parla di permanenza in B …si parla di lega pro..uuuah uuuahhah uuhahah

    Vabbè…tanto non servirà aa salvarli, questo è l’importante…lo dicevo io ENTELLA DOCET

    Ho letto tutto l’articolo. Una noia….. mi è venuto da ridere a crepapelle solo con questa affermazione del Sig. La Rosa:
    “un pareggio che potrebbe, paradossalmente, sollecitare emotivamente un ulteriore rigurgito d’orgoglio in seno al team rossoazzurro”
    della serie: la A è a due passi, proviamoci
    AHAHHAAHHAHAHHAHAHHAHAHAHHAHAHAHA CHE FORTI CHE SIETE! Ma dite vero? Scarsi no eh? E ve la prendete pure con gli arbitri con tutto quello che vi hanno già regalato! Ingrati, dovreste avere 16/17 punti.
    In verità nell’articolo l’unica frase da salvare era questa:
    50′ Tutti a casa. Pareggio inutile.
    Grazie, grazie, grazie di esistere calcio catania, e grazie di esistere al Sig. ORAZIO,
    No Orazio, no party
    Non ci fare mancare il tuo contributo, vogliamo ridere ancora……

    O S S E S S I O N A T I !!!!!!!

    Per l’ennesima volta: appesi come dei provoloni. Il liotru ha la proboscide in basso ormai, sconsolato. Guardatevi l’Isola dei famosi e fate il tifo per la vostra concittadina anziché fare il tifo per qualcosa che è uguale a zero (calcio Catania). Siete diventati ridicoli…siete passati dalle stelle alle stalle. Il più bel contrappasso della storia calcistica si è materializzato in meno di un anno…Cartellini con le B, festa per la città e l’anno successivo? = il vostro incessante declino, psichico, di immagine, sportivo, in genere. Siete la barzelletta della serie B…vedervi annaspare sotto e sentire qualche urlo di gioia in un Massimino vacante per un goal di un pari contro il fanalino di coda non ha prezzo. Vi amiamo…altro che rivalità…VI AMIAMO (senza di voi il calcio non avrebbe colore)

    se leggi al contrario ti dai la zappa sui piedi e se lo legge tua mamma?

    ah ah ah ah ah…buhuahuahuahuhuahuhuhaaaaa!

    Cari palermitani, è chiaro che stiamo portando la croce di questo disgraziato campionato di B solo per farvi divertire.
    Infatti ci era giunta voce che lí non avete altro modo di gioire e ci siamo sacrificati.
    Quando tornerete a godere di bacco, tabacco e venere, noi potremo smetterla.
    Ciao, speriamo a presto. . . per il bene di tutti.

    E’ stato più forte di me…alla fine ho commentato…e anche abbondantemente. Scusate cugini, ma fate ridere puru i scravagghi! UUUaahahh uauauha uauahahah

    E adesso? Tutti a Pescara! A CUOGGHIERE I LUPPINA!

    Orazio ha il cell staccato, la segreteria telefonica, è irraggiungibile. Orazio non risponde al citofono. Orazio non si sente dietro la porta né se appoggi l’orecchio nel muro dei vicini. Dicono che ha preso il volo con Wind jet ed è andato a Barcellona, per prepararsi l’anno prossimo alla ciempion ligghi del niù camp. Vuole affittare casa lì, in modo che non vi saranno problemi il prossimo anno quando molti catanesi, in massa, cercheranno posti letto nella città iberica e ci sarà il pienone e il tutto esaurito negli hotel, per assistere alle gesta della loro immensa compagine sportiva.

    I primi tre punti li avete presi. Adesso…quante erano le partite? 4 in meno di un mese? Adesso a Pescara altro bottino pieno…si materializza la risalita verso la ciempion ligghi.

    Ripropongo quì: ma perchè in viddania hanno il digitale terrestre? 😀

    E’ più forte di loro, davvero. Anche quando saranno, a breve, in lega pro e/o falliti, continueranno a parlare di ciempion ligghi e di niù camp e soprattutto di Palermo (verranno pure in città per vedere la loro Juve, il loro Milan, la loro Inter, giocare da noi). Sono davvero divertenti questi catanesi carnevaleschi.

    No, no, ti sbagli…ogni giorno a Palermo è una festa. Esattamente dal momento della mega-festa che abbiamo fatto per le vie della nostra città, in risposta (ve la siete cercata) alla sfigatissima vostra festicciola della durata di un annetto circa. E’ festa sempre quando gioca il Calcio catania

    NO NO………..O D I O

    Arazio… te l’ho detto io: occhio al Crotone che al Napoli ci pensiamo noi.
    Detto fatto :-)))

    Se la matematica non è 1 opinione il Catania deve giocare 17 partite di cui 10 in trasferta e 7 in casa considerato che in 11 trasferte il Catania ha raccolto 2 punti ed in 14 partite casalinghe 26 punti i conti sono presto fatti 13 punti in casa e 2 punti fuori x 1 classifica finale di 43 punti che significa retrocessione diretta in lega pro a meno che nel frattempo Ninuzzo non dichiara il secondo fallimento dopo Windjet Catania Calcio e così fate diversi derby Acireale, Paternò, Giarre, San Pio, Leonzio, Scordia, etc. e vista la crisi risparmiate un pò di soldoni e forse tornate a vincere qualche partita in trasferta. Ho notizia che i famosi barzellettieri sono in forte depressione e non possono rispondere agli amici rosanero dico di avere compassione x il loro stato confusionale

    lo ripeto fino alla noia: l’ossessione è solo vostra, da sempre. Non fare il furbo come cavolo ti chiami. Noi ci stiamo solo divertendo. Figurati che ce ne può fregare della vostra insignificante storia calcistica. La Longobarda di Oronzo Canà è più famosa e importante della vostra barca affondata, ricordatelo campione e cambiati il nick, sei impresentabile, come i tuoi pensieri. Che personaggi che siete!!!!!! Però in fondo ci fate sganasciare dalle risate…..

    Caro Gino, la tua ironia è gradita. Anch’io spero che tutto finisca presto, m’abbuttò pure a me di scrivere barzellette contro il catania. La colpa ce l’hanno i tuoi concittadini orazioalfioagatinocamilloturinellosaroauterdam. Io sono ossessionato dai loro encefali sottoutilizzati, non dal catania in sè. Comunque, che ci vuoi fare! Le cose si sono messe così, era destino, gioiamo noi, piangete voi. Non sarà la fine del mondo. Portate pazienza e riconoscete la nostra superiorità calcistica (per il momento, mi auguro più lungo possibile)

    Io non sono ossessionato ma cmq GODO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Noooo, vedrai che ritornano. quelli hanno la faccia come il bronzo. Sunnu spacchiusi. Pure con la loro squadra in lega pro e noi in uefa (forse) diranno che il calciocatania è la squadra più impottande della Sicilia.

    VIVA CCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCCC A TA N I A

    Speriamo… voglio vedere i cartellini con le B esposti come coreografia per la salvezza (può essere che stavolta portino bene uuuahhaha uuuhaha uhahah). Secondo me 43 punti non li faranno mai…sono troppo scarsi…non hanno più amalgama, la squadra non gira, giocatori demotivati che ne vincono una giochicchiando e solo perché la squadra perdente non gioca a pallone o è in totale giornata no. L’esempio lampante è Crotone.

    Mi spiace vedere la risposta del Catania al comunicato del Crotone.
    Se Cosentino è stato squalificato fino al 30 aprile, piu’ di due mesi ci sarà un motivo.
    Il Crotone la settimana prima aveva perso in casa con il Bologna con un goal regolare annullato e non è successo tutto questo trambusto.
    Ancora non si vuole guardare bene l’ Azione del rigore contestato.
    Sciaudone crossa forte la palla viene prima toccata dal portiere, poi con la mano da Maniero che cerca di buttarla in rete e poi carambola sul braccio di Claiton, quindi c’è prima punizione ed ammonizione per condotta scorretta di Maniero.
    Rete del pareggio del Catania Castro arriva di slancio con le mani sulle spalle di Balasa che cade per la spinta.
    Ora che si calmassero e guardassero alla cosa più bella l’amicizia delle due tifoserie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *