Catania, violenza ed estorsioni ai genitori: arrestato - Live Sicilia

Violenza ed estorsioni ai genitori, arrestato

Il 34enne aveva instaurato un autentico "regime del terrore" tra offese e minacce di morte per ottenere dei soldi
LE MISURE RESTRITTIVE
di
0 Commenti Condividi

CATANIA – Botte, schiaffi e minacce di violenza ai genitori per ottenere soldi: è il quadro ricostruito dalla procura di Catania a carico di un catanese 34enne, indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione. L’uomo è stato raggiunto da una misura di custodia cautelare in carcere, eseguita dai Carabinieri della Stazione di Aci Sant’Antonio (CT), che hanno associato l’uomo al carcere catanese di Piazza Lanza.

Il “regime di terrore”

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati specializzati sui reati che riguardano la violenza di genere, seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio con l’indagato, hanno fatto luce sulle condotte poste in essere dall’uomo, che fin dall’inizio del 2020 avrebbe reiteratamente sottoposto entrambi i genitori ad un vero e proprio “regime di terrore”, costringendoli a vivere la quotidianità in un clima vessatorio caratterizzato da offese, minacce di morte e richieste di somme di denaro.

In particolare in diverse occasioni, dopo aver assunto stupefacenti, lo stesso si sarebbe rivolto al padre e alla madre con gravi espressioni minatorie quali: ”vi taglio la testa” o “vi dugnu fuoco”, passando poi purtroppo alle vie di fatto con spintoni ad entrambi e schiaffi per la madre, colpevole di aver tentato di riportare il figlio alla calma.

Le richieste di soldi e le incursioni

Le diverse aggressioni fisiche poste in essere dal 34enne in danno dei genitori, come pure il danneggiamento delle suppellettili, sarebbero state in realtà azioni strumentali alle richieste di denaro, per importi variabili tra i 30 e i 100 euro, nella maggior parte dei casi soddisfatte dai familiari, totalmente impauriti e sottomessi.

Nonostante lo scorso luglio il soggetto, a seguito dell’intervento dei Carabinieri su richiesta dei genitori, si fosse volontariamente allontanato dall’abitazione, il clima familiare sarebbe addirittura peggiorato, poiché i due coniugi avrebbero continuato a subire incursioni notturne a casa da parte del figlio, che puntualmente, dopo averli minacciarli di morte, avrebbe continuato a chiede ad entrambi del denaro.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *