Ci pensa mago Lodi | Genoa al tappeto - Live Sicilia

Ci pensa mago Lodi | Genoa al tappeto

Il Catania conferma la buona prestazione contro la Roma imponendosi al 'Massimino' su un Genoa mai domo per 3-2. Nei rossazzurri grande gara per Gonzalo Bergessio, doppietta per lui, e Francesco Lodi (nella foto) che decide con una stupenda punizione.

CATANIA-GENOA 3-2
di
3 Commenti Condividi

Cinque reti, una girandola d’emozioni, questa è stata Catania-Genoa. Sotto una pioggia incessante i rossazzurri di Rolando Maran battono un Genoa mai domo per 3-2.
Dopo un inizio, basato sul reciproco studio, la gara esplode sull’1-0 realizzato dal genoano Kucka nella prima frazione. Nella ripresa ben quattro gol con la doppietta di Bergessio e le perle messe a segno da Jankovic e Lodi.

Primo tempo. Maran si affida agli stessi undici che si sono messi in mostra all’Olimpico di Roma una settimana fà, De Canio propone dal 1′ minuto il neo acquisto ed ex rossazzurro Vargas. Buon avvio dei padroni di casa che con Barrientos e Gomez portano un discreto pressing. Al 5′ Genoa rischia l’autogol con Granqvist che impaurito da un cross di Bergessio mette in angolo. Al 20′ arriva la prima conclusione etnea, Gomez pescato bene da Lodi in area calcia con l’esterno destro ma Frey abbranca in presa bassa. In due occasioni ravvicinate Bergessio ed Almiron sfiorano il vantaggio ma a passare in vantaggio sono gli ospiti con Kucka. Al 25′ Immobile, dopo un’ottima discesa di Vargas sulla fascia, stoppa palla in area e pesca il ceco solo soletto davanti la porta di Andujar. La reazione degli etnei è immediata, Almiron su assist di Gomez indirizza la sfera di prima intenzione in porta dal limite dell’area, Frey c’è. Il Genoa non si disunisce e riparte con un paio di contropiedi con Immobile. Incredibile la palla gol che capita sui piedi di Lodi al 42′: il numero 10 a tu per tu con Frey viene anticipato da Antonelli. La prima frazione si chiude con l’inaspettato vantaggio Genoa per 1-0.

Ripresa. Medesime formazioni anche all’inizio dei secondi 45′. Bastano pochi minuti ed il match si infiamma nuovamente con il Catania che attacca a testa bassa. Al 54′ Almiron è costretto a lasciare il posto per dei problemi muscolari, al suo posto entra Lucas Castro. I rossazzurri iniziano ad innervosirsi con il Genoa che tiene bene il campo. Dal 65′ al 68′ si scatena Gonzalo Bergessio. Il tanque argentino trova prima la rete di prepotenza su assist di Castro, poi di testa indisturbato, su calcio d’angolo pennellato da Gomez, trova il 2-1. Il Catania ribalta il match dunque in pochi giri d’orologio e scatena la gioia dei suoi sostenitori. Applausi al 76′ da parte del ‘Massimino’ per l’ex Vargas sostituito da Borriello. Quando la gara sembra avviarsi verso un successo etneo Jankovic esce dal cilindro la rete del 2-2 all’82’. L’esterno offensivo serbo trova una conclusione fantastica dal limite. Ma il Catania non muore mai e Lodi, da calcio di punizione, toglie le ragnatele dalla porta di Frey dopo appena un minuto, 3-2. Il match regala ancora emozioni al 90′ con Andujar che neutralizza una pericolosa conclusione di Borriello. Al 92′ Sampirisi stampa la sfera sulla traversa. E’ l’azione che chiude il match, il Catania si porta a casa tre punti d’oro.

CATANIA-GENOA 3-2

Catania (4-3-3): Andujar; Alvarez, Bellusci, Legrottaglie, Marchese; Biagianti (Izco 67′), Lodi, Almiron (Castro 54′); Barrientos (Sciacca 87′), Bergessio, Gomez. A disp.: Frison, Terracciano, Capuano, Spolli, Rolin, Ricchiuti, Salifu, Doukara, Morimoto. All.: Maran

Genoa (4-3-3): Frey, Sampirisi, Canini, Granqvist, Antonelli, Kucka, Seymour (Jorquera 57′), Tozser, Jankovic, Immobile, Vargas (Borriello 76′). A disp.: Tzorvas, Stillo, Ferronetti, Moretti, Bovo, Anselmo, Merkel, Bertolacci, Piscitella. All. De Canio

Marcatori: 26′ Kucka, 65′, 68′ Bergessio, 82′ Jankovic, 84′ Lodi.

Arbitro: Giannoccaro (Lecce)

Note – Ammoniti: Canini 21′, Seymour 31′, 55′ Castro, Bellusci 58′, Bergessio 62′.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Grande partita del Catania.
    Perla di Lodi.

    Ho perso la voce e insieme ad essa un anno di vita. Ho visto il programma di Ilaria D’Amico ma l’unica partita che non hanno fatto vedere, è quella del Catania. Penso che chiederò i danni. E’ talmente bello vivere queste emozioni. Però, cosa strana, non riesco a gioire pienamente perché alcuni tifosi del Palermo, che ormai considero amici, stanno subendo sensazioni opposte. Ho sentito Sannino e mi ha fatto un’ottima impressione. E’ sicuramente un uomo onesto che si è fatto da solo, spero Zamparini non lo cacci. Onestamente, dagli high lights ho visto una squadra arrendevole, che ha avuto una sola occasione da gol. Non ho però visto la partita intera, quindi potrei sbagliarmi. Lo spero.

    caro 17salas71 mi sento prima di tutto siciliano, e neutrale rispetto al campanilismo le due maggiori città, anche perchè sono agrigentino di nascita. Ho però un trascorso giovanile di accanito tifoso rosanero, squadra che continuo a tifare nonostante tutto, ma ciò non mi impedisce di congratularmi con voi amici etnei per l’OTTIMO CATANIA che quest’anno promette di mantenere altro l’onore della Sicilia e l’orgoglio di appartenere a questa terra per chi, come me, vive molto lontano… VIVA IL CATANIA, VIVA LA SICILIA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *