Da Orlando a Lagalla: questa Palermo cade a pezzi

Da Orlando a Lagalla: questa Palermo cade a pezzi

Cronache da una città disperata.
PALAZZO DELLE AQUILE
di
12 Commenti Condividi

Premessa naturale e obbligatoria. Leoluca Orlando è stato il monarca indiscusso di un lungo regno democratico. Ha fatto cose buone e cose meno buone, come sovente accade. Ma l’ultimo periodo di governo è stato gravemente deficitario. Roberto Lagalla, invece, arriva adesso, dopo essersi sperimentato in altri settori. Dal punto di vista delle responsabilità, il paragone non regge. Le ferite di Palermo sono ancora orlandiane, come sono orlandiani i traguardi che taluni rivendicano e che altri non vedono.

Ma è proprio la desolazione del panorama a provocare la proverbiale caduta delle braccia, nella città che casca a pezzi. Lo scandalo supremo e nauseabondo del cimitero dei Rotoli. L’inemendabile munnizza. La sovrabbondanza di ciaffico e la penuria di polizia municipale per le strade. La viabilità sconnessa. I marciapiedi rotti… Non c’è un angolo, in cui lo sguardo si posi, che non riveli il disastro, che non racconti un capolinea, che non componga un inno all’invivibilità. Sì, da Orlando a Lagalla, con tutti i distinguo del mondo, i tempi necessari e gli accorgimenti della narrazione, Palermo cade a pezzi, in un clima cupo di rabbiosa rassegnazione. Ed è difficile perfino pensare a un futuro migliore.

Dunque, come sospettiamo che sia noto, c’è un nuovo sindaco, dopo l’epoca dell’Orlandismo. E’ un moderato di destra e porta con sé una fama non unanime, ma diffusa, di amministratore accorto. Né si può dire che il professore Lagalla sia stato manchevole nel riferire la drammaticità delle circostanze. Che è riassumibile, in sintesi, così: senza soldi non si può vincere a Monopoli, figuriamoci se si può governare. La criticità è lampante.

Tuttavia, non vorremmo trovarci davanti a un’altra forma di retorica. Una sorta di spirito depresso, opposto alla ‘visione orlandiana’, intarsiata di sfolgorio e annunci. Un sindaco deve trovare delle soluzioni con il materiale disponibile, con il poco o il nulla che c’è. E Palermo ha bisogno di un sindaco. Per nominare un contabile del disastro non serve nemmeno votare. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    caro puglisi, quando il campo di battaglia è pieno di uomini a terra, è facile sparare sui soccorritori, unici in piedi. fuor di metafora, a palermo vince la guerra il cialtronismo, a qualunque livello: dalla sigaretta buttata a terra, all’orgiastica presunzione d’essere unico; dalla mobilità di benigniana memoria, alla scientifica applicazione dell’arraffare; dall’essere abusivo per necessità primaria (vita o morte), all’abusivismo strafottente. potrei continuare per secoli, ma preferisco fermarmi, dopo due ultime chicche finali: dipendenti del comune lamentano una sindrome di burn-out (stress da fatica…), altri, con sindacati che usano toni apocalittici, si oppongono al momentaneo trasferimento da palazzo delle aquile causa ristrutturazione.

    Orlando ha distrutto tutto quello che poteva distruggere e non ha pagato nulla per quello che ha fatto ,adesso Lagalla deve ricostruire una citta’ che Orlando ha lasciato senza quattrini.

    Nel centro storico , patrimonio dell’umanità, sito UNESCO , nel percorso arabo
    normanno , forse più degradato arabo , che normanno , persistono ancora
    gli edifici bombardati durante l’ultima guerra mondiale , parliamo di quasi
    80 anni fa’ , poi gli edifici da svariati decenni abbandonati , degradati , la
    precedente amministrazione non è riuscita nel suo trentennio di presenza
    ad intervenire . Bravi , poi per tappare i buchi e nascondere alla vista tali
    immagini, offerti gratuitamente agli obbiettivi dei turisti che li immortalano,
    hanno fatto sì che con le pedonalizzazioni , e le tavolinizzazioni selvaggie
    che con gli ombrelloni coprono la vista di tali obbrobri , tutto fosse risolto.
    Quindi riuscirà la nuova amministrazione a togliere queste ferite che prima di
    tutto offendono i Palermitani ? ? ?

    Orlando ha lasciato solo rovine e rogne,aggiungendo anche un quasi dissesto finanziario, Lagalla dovrà scendere in campo cioè deve realmente sbracciarsi e lavorare per strada…..

    Mi sarei aspettato molto di più almeno nei primi 100 giorni! Almeno per “attuppare “gli occhi ai palermitani.
    invece nulla niente assoluto! Anzi quasi peggio del precedente! Ma vorrei chiedere al sindaco e al capo dei vigili urbani (me esiste ?dove è?? Anche Lei peggio dei predecessori). A Lagalla dico partiamo da una cosa semplice semplice ,senza sforzo , ho figli che vanno a scuola , siamo vissuti anche fuori (Milano Bergamo, Firenze) ma possibile che siamo l’unica città al mondo che non mette la polizia municipale in prossimità di scuole ( elementari/ medie) incroci ad alta densità ?zone tipo rotonda ex motel agip? intanto rassicuro tutti che non sono interessi “privati “ mi chiedo come sia possibile che non esista un vigile in prossimità di scuole dove la mattina è anarchia totale .Ma i vigili nelle vicinanze delle scuole sono ovunque tranne a Palermo dove genitori (palermitani maleducati) fanno il bello e il cattivo tempo. La mattina per raggiungere il lavoro sono obbligato a passare da via trinacria e via ausonia ( zona con almeno 3 scuole tra elementari e medie ) scene da far west !!!vetture abbandonate al centro della carreggiata su via trinacria e ausonia per lasciare i figli a scuola. Macchine dappertutto e noi in fila incolonnati perché non si passa .Questo anche per la “lagnusia “ congenita dei palermitani che se potessero porterebbero i figli in macchina fin dentro l’aula, anzi sul banco.( vergognoso è disgustoso) . Ma proprio sapendo di questo “vezzo “ dei palermitani , che di fare 4 passi a piedi non ne vogliono sapere neanche se li paghi ,mi domando come sia possibile che la città venga abbandonata e non presidiata dai vigili urbani.Davvero vergognoso , caro sindaco , ma anche per la capa dei vigili e o dovrebbe essere una vergogna. A questa signora vorrei dire che nel solco della “lagnusia “appena citata che non colpisce solo i genitori dei bambini che vanno a scuola , ecco alla capa dei vigili vorrei dire che non vedo più un vigile per strada , non faccio più riferimento alle ore di punta (entrata e uscita delle scuole) ma in generale , i vigili adesso stanno sempre seduti in macchina e non scendono neanche se vedono la gente fare una infrazione al codice della strada.
    Unica cosa che vedo fare , sempre comodamente seduti , guai a scendere e sporcarsi “il fischietto” fare foto delle targhe , ribadisco, il vigile che sta lato passeggero, in maniera comoda elevare le multe magari per una doppia fila di pochi secondi , magari solo per fare scendere dalla macchina una persona anziana o più semplicemente per un’altra cosa banale che credetemi non crea alcun problema al traffico. Eppure loro sono li voglio. La loro citycar messi pronti a fare fotografie ( da seduti, senza scendere) a tradimento così da inviarti un bel verbale a casa. Caro sindaco io l’ho votato ma nei primi 3 mesi mi sarei aspettato molto molto di più a partire da quelle piccole cose che danno un segnale ai cittadini che è arrivato uno nuovo , che qualcosa anche a Palermo si può cambiare.
    E invece credo proprio….di no.
    Francesco

    mi riferisco particolarmente a chi fa e scrive critiche sul sindaco orlando. sicuramente negli ultimi anni ha abbandonato la citta’ , ma facciamoci un esame di coscienza i palermitani che si lamentano hanno in questi anni pagato le tasse al comune di palermo?!! i palermitani hanno fatto qualcosa per non buttare immondizia in ogni angolo della citta’ ? prima di giudicare guardate la cosa a 360 gradi. ricordatevi che orlando con tutti i suoi difetti ha fatto molto per la citta’ di palermo .

    Come già detto in precedenza, nessun sindaco che sarebbe venuto dopo, avrebbe potuto fare nulla o quasi, considerando il livello di degrado ed abbandono della città sotto TUTTI gli ambiti! Solo prendendo provvedimenti che risulterebbero impopolari si sarebbe potuto mettere mano alle tante criticità, ma proprio per la natura di detti provvedimenti che non sarà mai possibile!

    La città si ritrova con 2 problemi principali : la precedente fallimentare gestione ed il panermosauro doc!!!

    Io ho votato Lagalla ma si sta allineando sulle scia di Orlando dal NO VERGOGNOSO AL NUOVO CIMITERO con 1000 salme da seppellire, no ai mercati generali in periferia, no all’abolizione della ztl via roma, costruire altre linee tram che nessuno vuole a Palermo,
    Lagalla e’ un ex DC come Orlando, ci siamo liberato di uno ecco il suo fotocopia e Lagalla non ha nulla di destra,

    Orlando ha lasciato terra bruciata emolti suoi uomini a reggere il nulla. Rimuoveteli.
    Ci vogliono pieni poteri ad un commissario.

    Sempre la solita storia: prima li votate e poi via con le lamentele.

    A volte basta poco per migliorare la viabilità…
    Basta sedersi in tavolo e vedere com’è la situazione!!
    Cosa che a Palermo non esiste…
    Xkè oltre al sindaco se ne fregano anche i presidenti delle circoscrizioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *