"Giù le mani dall'assessore Ippolito" | L'appello di un gruppo di lavoratori - Live Sicilia

“Giù le mani dall’assessore Ippolito” | L’appello di un gruppo di lavoratori

In una nota la difesa della responsabile della Famiglia: "Siamo pronti a scendere in piazza".

VERSO IL RIMPASTO
di
12 Commenti Condividi

“Giù le mani dall’assessore Ippolito”. L’appello viene lanciato in una nota firmata da alcune categorie di lavoratori del mondo del disagio sociale e associazionismo: Disabili, Ex lavoratori Grande Migliore, Ex Lavoratori Max Living, Ex Lavoratori Brico, Formazione Professionale, Ex Sportelli Multifunzionali, Disoccupati Organizzati, Ex PIP e le Associazioni Femminili, “auspicano – si legge nella nota – che le indiscrezioni apprese dai quotidiani su eventuali rimpasti nel governo regionale, non riguardino l’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro.

Queste categorie, si legge nel comunicato – hanno apprezzato “nella conduzione dell’Assessore Mariella Ippolito, tanto il valore umano con cui ha affrontato le varie situazioni ed emergenze, quanto la volontà di trovare soluzioni adeguate con impegno vero e tangibile senza mai utilizzare il tipico gergo politichese, ammirandone la genuinità tipica di chi ha a cuore le sorti dei siciliani, del quale suo assessorato è stato chiamato ad agire. Ciò che risulta intollerabile – prosegue la nota – è la possibilità che l’attuale assessore sia rimossa, dopo aver seguito delicate vertenze che hanno visto coinvolti categorie di siciliani con particolare disagio economico e sociale, dai disabili ai disoccupati, passando per la delicata situazione della formazione professionale interventi e servizi. L’azione dell’assessore Ippolito, giudicata incautamente tiepida per intuibili motivazioni politiche o meglio da becere spartizioni di bottega, ha invece gettato le basi per risolvere i tanti problemi economici e sociali che vedono coinvolte innumerevoli famiglie siciliane”.

E la nota prosegue: “Non si esclude, se le indiscrezioni dovessero essere confermate, che le citate categorie potrebbero intraprendere iniziative per fare sentire la loro voce a lungo ignorata, che ha trovato rispetto, ascolto e attenzione da parte dell’Assessore Ippolito. Sarebbe deleterio sentirsi dire, da quello che sarebbe il settimo assessore in cinque anni, che gli serve tempo per capire le varie situazioni. I siciliani colpiti dalla morsa del disagio, non hanno più tempo. Sarebbe la prima volta – si chiude la nota – che se dovessero maturare le condizioni di un rimpasto non auspicabile, le sopra categorie e in generale i siciliani, scenderebbero in piazza in difesa di un assessore. Sapranno far rumore anche oltre lo stretto. #giulemanidallassessoreippolito”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

12 Commenti Condividi

Commenti

    Perchè non si scende in strada,si fanno le barricate anche per il sig. Orlando?

    Scusatemi potreste fare vedere il comunicato dei lavoratoti talmente affezionati alla signora Ippolito con le firme di chi lo ha scritto, mi meraviglia veramente che ci siano lavoratri pronto ad alzare le barricate e a scendere in piazza per il mantenimento della poltrona da assessore della signora Ippolito, addirittura leggo che non solo le citate categorie ma l l’intera Sicilia scenderebbe in piazza per mantenere la poltrona alla signora Ippolito, ne prendo atto ma in ogni caso mi sembrerebbe opportuno dare un viso è un nome , ovviamente non a tutti perché parrebbe trattasi di decine di migliaia di siciliani che magari la voteranno alle prossime elezioni europee o altro , ma magari ripeto dare un nome e un volto ai leader di questo movimento pro mantenimento poltrona assessoriale signora Ippolito per consentire loro di spiegare meglio l operato della signora in favore di sportelli multifunzionali e formazione professionale aparte un incatenamento ai cancelli dell inps di Roma poco prima delle elezioni nazionali che sembrerebbe non abbiano mostrato tale consenso di piazza a favore della signora Ippolito ma magari ancora queste decine di migliaia di persone o magari centinaia di migliaia non si erano acora rese conto del grande operato di tale assessorato sotto la sua illuminata guida

    Tutto riporta al 29 marzo 2004

    Ex elettore pd il capostipite, inizia a mettere il tuo nome prima di pretendere i nomi degli altri, non ti pare?

    ma perchè l’assessore esiste? esiste un governo regionale???

    Io sono come un super eroe che ha una identità segreta e si batte per i più deboli e mi aspetto di vedere orde di siciliani , che finalmente avremo il piacere di conoscere e ci spiegheranno elle piazze sul sacro fuoco che li anima, in piazza per la tutela della poltrona della sig.ra Ippolito, certo se poi tutt’e queste orde non invadono le piazze , orde che dovrebbero manifestare la loro protesta anche oltre lo stretto foreste intentare una novella marcia su Roma non si vedranno …………

    E quindi i problemi di questi lavoratori, ex sportellisti in testa, è stato brillantemente risolto dalla capace assessore? Non me ne sono accorto, che velocità! Pensa ero rimasto che facevano sciopero in piazza

    La punteggiaturaaaa!!!

    Ci sarà stata qualche promessa di troppo che non può esser mantenuta….

    Io vado a braccio non scrivo trattati letterari o di grammatica non mi interessa la punteggiatura a me interessa esprimere un concetto

    Quando si dice il nulla

    Già è fuori. Il posto è di Figuccia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *