I dipendenti del Pd siciliano | chiedono la verità sui conti - Live Sicilia

I dipendenti del Pd siciliano | chiedono la verità sui conti

Un gruppo di lavoratori della sede regionale del partito ha chiesto di fare chiarezza sulla gestione delle risorse. (nella foto la sede regionale del Partito democratico)

Il caso
di
11 Commenti Condividi

PALERMO – Una verifica dei conti del partito siciliano per fare chiarezza sulla gestione delle risorse. E’ una delle richieste del gruppo dei dipendenti della sede regionale del Pd, che contesta la decisione del tesoriere, Teresa Piccione, di avviare le procedure per la richiesta della cassa integrazione. Nel mirino ci sarebbero alcune spese di rappresentanza fatte dal 2008 a oggi, anche se ugualmente il Pd ha approvato gli esercizi contabili fino al 2011, gli ultimi due a maggioranza. Mancano ancora il consuntivo del 2012 e il bilancio preventivo del 2013 che doveva essere approvato entro aprile.

Il sospetto di alcuni dipendenti del Pd siciliano è che la situazione finanziaria del partito abbia risentito di alcune spese “folli”, come soggiorni di dirigenti in hotel di lusso e viaggi. Dal momento della costituzione del Pd nelle casse del partito in Sicilia sono arrivati come rimborsi elettorali quasi 5 milioni di euro, a queste somme si aggiungono i versamenti fatti dai deputati regionali a partire dalla scorsa legislatura pari a 1,2 milioni (erano 27 i componenti del gruppo); ogni parlamentare versa 750 euro al mese alla federazione regionale. L’operazione verità potrebbe riguardare anche le modalità di assunzione del personale fatte durante la gestione di Francantonio Genovese retribuito con cifre differenti e in alcuni casi con stipendi lordi vicino ai 6 mila euro al mese.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Controlliamo……e mettiamoci in regola…..!!!

    Se il “Piccione” è viaggiatore, è ovvio che i soldi finiscono! Basterà fermarlo (il Piccione) e dirgli di non spendere per i soliti motivi……… che ……, non prendiamoci in giro, conosciamo tutti! Viva l’onesta di chi, soltanto a parole, la professa!

    La stirpe dei piccioni continua a volare in stormo: piccione, picciona e… piccioncino turistico, non starebbero tutti chiusi in una bella piccionaia???

    oh Romeo….ma non è “solo” l’operato della colomba!!!! ma anche del lupino….forse soprattutto!!!

    Ancora di genovese si parla….lupo è segretario dal 2009……non scaricate le colpe su genovese………da 4 anni la gestione è lupo-piccione!!!!!!!

    Facile parlare per una che prende stipendio da parlamentare, stipendio da consigliere comunale ed in più gestisce i tanti soldi di un partito.

    Io non li conosco i “soliti motivi…. che….conosciamo tutti”. Chi ne fosse al corrente dovrebbe avere il coraggio di circostanziarli apertamente assumendosi la responsabilità di ciò che sostiene. Altrimenti è solo inutile fango………

    logico che si parla di genovese……li ha messi lui in quel posto.

    Avete visto la cisl… Solidarizza col datore di lavoro eppure divrebbe essere un sindacato!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.