Il Covid rallenta in Sicilia: meno ricoverati ma spuntano altri 72 morti

Il Covid rallenta in Sicilia: meno ricoverati ma spuntano 72 morti

I dati del report ministeriale
CORONAVIRUS
di
5 Commenti Condividi

PALERMO – Rallenta la corsa del Covid in Sicilia. I nuovi casi si attestano a quota 8.606 in 24 ore (con 42.698 tamponi processati), mentre per la prima volta dopo settimane si segnala un calo, seppur lieve, dei ricoverati negli ospedali: dai 1.562 di ieri ai 1.559 di oggi. Un dato, quest’ultimo, che contribuisce ad allontanare lo spauracchio della zona arancione per l’Isola anche se il tasso di positività sale al 20% (ieri era al 16%). L’isola è al nono posto per contagi, al primo posto c’è la Lombardia con 37.823 casi. Gli attuali positivi sono 184.138 con un aumento di 7.384 casi.

Nel bollettino nuovo ricalcolo dei decessi

Sono alcuni dei dati del monitoraggio quotidiano elaborato dal ministero della Salute e dalla protezione civile nazionale. Da segnalare, però, un dato che appare drammatico: le vittime segnalate nel bollettino di oggi sono 72 (anche se 25 appartengono alle ultime 24 ore e le altre provengono dall’ennesimo ricalcolo della Regione) e portano il totale dei decessi a 8.010.

Il contagio nelle province

Sul fronte del contagio nelle singole province Palermo con 1.688 casi, Catania 1.990, Messina 583, Siracusa 996, Trapani 603, Ragusa 852, Caltanissetta 735, Agrigento 961, Enna, 198. I guariti sono 1.150.

I dati nazionali

I dati nazionali, invece, parlano di oltre 228mila casi e di un triste primato riguardante il numero di morti. Un numero così alto di vittime (434) non si registrava in Italia dall’aprile del 2021. I tamponi processati sono 1.481.349, ieri erano stati 541.298. Invariato il tasso di positività che, così come ieri, resta al 15,4%.

Trasporti e scuola, si cambia

Tutto questo mentre sul fronte delle norme è stata una giornata cruciale in Sicilia. Con una unica ordinanza il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha messo mano alla vicenda dell’attraversamento sullo stretto di Messina, autorizzando al passaggio anche chi non è munito di super Green pass, che sulla scuola: in questo caso è stata revocata per i sindaci dei Comuni in zona arancione la possibilità di chiudere gli istituti: molti i sindaci che hanno revocato le loro ordinanza (ecco l’elenco) e da domani, quindi, tutti a scuola in presenza.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Non sono neanche in grado di aggiornare il bollettino delle povere vittime. Che Razza di sanità abbiamo!

    ma i morti che sono, noccioline???? come fanno a non saperlo dopo quasi 3 anni di pandemia!!

    Pochi vaccinati, molti morti. Purtroppo ne conterete ancora tanti in Sicilia!

    Conteggiare il tutto in questa situazione non è affatto semplice. Per tanti motivi.. e poi questi conteggi lasciano il tempo che trovano.. per esempio ci sono un sacco di persone che muoiono per altre complicazioni.. ma essendo positive li calcolano nel conteggio.

    Non sembra che il cambio del Dirigente generale (esterno) abbia portato i benefici attesi nel Dipartimento. Inefficienti prima ed inefficienti adesso. E la Sicilia affonda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *