Il Csm trasferisce il giudice | E a Gela scoppia la rivolta - Live Sicilia

Il Csm trasferisce il giudice | E a Gela scoppia la rivolta

La decisione è stata presa dal Csm nonostante il parere contrario del presidente del tribunale gelese, Paolo Fiore, e del presidente della Corte d'appello di Caltanissetta Salvatore Cardinale. Scende in campo anche il sindaco Messinese (nella foto).

Il provvedimento
di
0 Commenti Condividi

GELA (CALTANISSETTA) – Con un tribunale popolato da giovani magistrati, Gela si mobilita contro il trasferimento a Catania dell’unico magistrato anziano, Manuela Matta, presidente di sezione e giudice monocratico, la cui partenza rischia di bloccare centinaia di processi penali in corso. La decisione, volta a colmare i vuoti d’organico degli uffici giudiziari di Catania, è stata presa dal Csm nonostante il parere contrario del presidente del tribunale gelese, Paolo Fiore, e del presidente della Corte d’appello di Caltanissetta Salvatore Cardinale.

“Gela non assisterà impassibile all’ennesimo tentativo di scippare la città di un diritto di Stato”, dice il sindaco Domenico Messinese. “Colpire la sede del distretto giudiziario maggiormente compromessa dalla carenza d’organico – aggiunge Messinese – apparirebbe come uno dei peggiori sabotaggi all’azione inquirente della nostra procura in tema di ambiente e lavoro, in una terra che grida giustizia. Uno stop a centinaia di importanti procedimenti penali ci allontana dallo Stato di diritto e ci rende orfani delle dovute tutele giudiziarie”. “Da oggi annunciamo una serie di iniziative di mobilitazione – conclude – per ottenere dal Csm un’istanza di revoca dell’applicazione extradistrettuale, coinvolgendo anche le sensibilità della deputazione del territorio”. (ANSA).

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.