Il ricordo del maxi processo | Giordano: "Ha segnato una svolta" - Live Sicilia

Il ricordo del maxi processo | Giordano: “Ha segnato una svolta”

L'allora presidente della Corte d'Assise del Tribunale di Palermo (nella foto): "Quel processo fu una pietra miliare nella storia d'Italia".

mafia
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – “Sentivamo addosso il peso e la responsabilità, eravamo consapevoli che era un momento storico”. Così Alfonso Giordano, Presidente della Corte d’Assise del Tribunale di Palermo nel maxiprocesso alla mafia siciliana, racconta in un’intervista a Storiacce su Radio 24, le emozioni provate esattamente 30 anni fa, quando il 10 febbraio 1986 iniziò l’ormai celebre processo. “Il maxiprocesso ha segnato una svolta – ha aggiunto Giordano – Lo dobbiamo all’intuizione di Giovanni Falcone. Pretese un giudizio coinvolgendo circa 500 persone, un giudizio cumulativo che oggi forse non si potrebbe nemmeno più fare con questo nuovo codice di procedura penale”. Giordano, nell’intervista ha anche parlato delle analogie tra il maxiprocesso di Palermo e quello a Mafia Capitale: “Qualche analogia c’è certamente – ha detto – Non solo, ma ci sono forse difficoltà analoghe. Non identiche, intendiamoci, ma analoghe”. Ad esempio “per il fatto che questa mafia è fatta anche di persone di una certa influenza e quindi faranno di tutto per sfuggire a una sentenza veramente giusta”. “Quel processo fu una pietra miliare nella storia d’Italia. Il maxiprocesso ha determinato l’inizio della fine di Cosa Nostra”, aggiunge il presidente Giordano, che racconta anche di “essere ancora fermato per strada dalla gente, come testimonianza di gratitudine”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Brava persona e bravo giudice, roba d’altri tempi

    Ovvio che oggi quel processo non si potrebbe fare, perchè il nuovo codice di procedura penale riconosce in parte, che i processi di associazioni sono anomali e non garentscono la sicurezza e la libertà del cittadino imputato.
    Infatti questo reato esiste solo in Italia e basta, quindi chiunque abbia preteso processo e condanne con un procedimento simile di massa ha sbagliato.

    sicuramente un magistrato di valore, ma a parlare di inizio della fine della mafia misembra esagerato! oggi la mafia è forte come prima e le istituzioni sempre più deboli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.