Imprenditore pestato a bastonate | Condannato un piccolo costruttore - Live Sicilia

Imprenditore pestato a bastonate | Condannato un piccolo costruttore

Il Tribunale di Palermo

Era convinto che la vittima si fosse allacciato abusivamente al suo contatore elettrico.

1 Commenti Condividi

L’aggressione fu brutale. L’imprenditore Franco Bacchi restò vivo per miracolo. Antonino Porcasi, pure lui imprenditore, è stato condannato a 9 anni per tentato omicidio.

La sentenza è del giudice per l’udienza preliminare Lorenzo Iannelli. La pena è stata scontata di un terzo come previsto dal rito abbreviato. Riconosciuta una provvisionale di 50 mila euro a Bacchi, che si era costituito parte civile con l’assistenza dell’avvocato Claudio Gallina Montana, e di cinque mila euro ciascuno per i figli della vittima, assistititi dall’avvocato Valeria Minà. Il danno definitivo sarà stabilito in sede civile.

Fu nelle campagne di Partinico che l’estate scorsa esplose la violenza. Porcasi, titolare di una piccola azienda edile, era convinto che bacchi rubasse la luce dal suo contatore per illuminare la fabbrica di muletti industriali. E così lo seguì, gli taglio la strada con la macchina e una volta scesi dal mezzo iniziò a picchiarlo con un grosso bastone. Il referto era impietoso: trauma cranico, frattura di tibia, perone, polso, urna e radio.

La furia si fermò solo quando un contadino vide la scena e iniziò ad urlare. I difensori di Porcasi hanno sostenuto che si trattasse di lesioni e non di tentato omicidio. La parte civile e il giudice la pensano in maniera diversa.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Convinto? sarebbe bastato richiedere un controllo dei tecnici Enel, è un servizio previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *