Ars, approvata la mozione per la revoca dell'incarico a D'Urso - Live Sicilia

Ars, approvata la mozione per la revoca dell’incarico a D’Urso

L'atto riguarda il primo collaboratore del presidente Musumeci nella struttura commissariale per l'emergenza Coronavirus
PALAZZO DEI NORMANNI
di
3 Commenti Condividi

PALERMO – L’Ars ha approvato la mozione, presentata dal capogruppo di Fi Tommaso Calderone e poi sottoscritta anche dalle opposizioni, che impegna il governo Musumeci a revocare l’incarico a Tuccio D’Urso, commissario attuatore per l’emergenza Covid.

Diventeràbellissima, col deputato Giorgio Assenza, il voto segreto ma dopo un botta e riposta col presidente Gianfranco Miccichè, l’aula ha votato per alzata e seduta approvando l’atto parlamentare.

D’Urso era stato difeso in aula, oltre che da Giorgio Assenza, anche dal capogruppo di Db Alessandro Aricò e dai deputati Elena Pagana e Sergio Tancredi di Attiva Sicilia.

IL VIDEO DELLA SEDUTA

Non sono bastate così all’Assemblea le scuse che D’Urso aveva inviato al parlamento dopo le frasi ritenute offensive nei confronti dei parlamentari. Contro D’Urso sono intervenuti in aula il deputato Calderone e diversi parlamentari di Pd, M5s, ma anche la capogruppo Udc, Eleonora Lo Curto.

Durante la seduta, intervento chiave è provenuto dai banchi del governo con l’assessore Razza che ha invocato la necessità dell’esecutivo di far prevalere su tutto il principio di continuità amministrativa. Una posizione che ha fatto quindi emergere il fatto che malgrado la valenza politica del voto, il presidente della Regione potrebbe non revocare l’incarico.

CONTINUA A LEGGERE LIVE SICILIA.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    ma razza invocando la continuità amministrativa, si è fatto autorizzare da Musumeci? ricordo come questi la definì durante la parifica alla Corte dei Conti:un accidente della storia!!!

    Dovrebbero censurare l’assessore regionale Cordaro e sostituirlo immediatamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *