Ecco i tagli alla Finanziaria | Stop al credito d'imposta - Live Sicilia

Ecco i tagli alla Finanziaria | Stop al credito d’imposta

L'impugnativa del Commissario dello Stato
di
11 Commenti Condividi

Una mezza stangata per la manovra del governo regionale. Gli articoli che in tutto o in parte il Commissario dello Stato per la Regione Siciliana Michele Lepri Gallerano ha impugnato oggi dinanzi alla Corte Costituzionale sono 27. Sotto la scure del commissario cadono l’aumento delle tariffe della motorizzazione, l’introduzione di nuove tasse sulle concessioni governative, tre dei cinque commi della norma sul ritorno alla gestione pubblica dell’acqua (che secondo il Pd manterrebbe però il suo impianto) e gran parte della normativa sul credito di imposta. Ma anche la norma che avrebbe aperto le porte alla stabilizzazione di 22 mila precari degli enti locali riceve un disco rosso. Sono alcuni degli articoli “vittime” dell’impugnativa.

*Nuove tasse e ricovero per i minori*
Impugnata la norma (art.4 comma 11) che dispone che una riserva del fondo per i comuni rimanga nella disponibilità dell’Assessore regionale per le autonomie locali e la funzione pubblica, per finanziare le spese relative ai ricoveri di minori extracomunitari clandestini non accompagnati in comunità o strutture disposte dall’autorità amministrativa. “La disposizione seppure lodevole e condivisibile nel merito — si legge nel documento del commissario dello Stato – appare tuttavia viziata da irragionevolezza intrinseca laddove non determina alcun limite alla quota di riserva”. Impugnati davanti alla Consulta anche gli articoli 6,8 e 9 che istituiscono la tassa annuale di concessione regionale per fondo chiuso, modificano le tariffe in materia di motorizzazione e istituiscono nuove voci della tassa sulle concessioni governative regionali per violazione, tra l’altro, del Patto di stabilità.

*Terme e beni confiscati*
Impugnata anche la norma che prevede di “assicurare l’occupazione del personale” delle società termali di Sciacca e Acireale, perché ” affetta da irragionevolezza oltre che lesiva del principio costituzionale del buon andamento della Pubblica Amministrazione”, perché non tiene conto di una valutazione sull’effettiva utilità dell’avvalersi di queste prestazioni lavorative. Sollevata davanti alla Consulta anche la questione relativa “all’istituzione di un fondo speciale cui confluiscono nella misura del 30% , i beni mobili ed immobili confiscati alla mafia”, prevista dall’articolo 44. “La possibilità di disporre autonomamente dei beni confiscati alla mafia non appare avere alcun fondamento nello Statuto Speciale”, scrive il Commissario dello Stato Lepri.

*Acqua e precari *
Dell’articolo 49, in materia di gestione integrata del servizio idrico, sono stati impugnati tre commi. Si tratta della parte che rinvia, ad un separato provvedimento l’organizzazione della gestione integrata del servizio idrico e del comma che prevede che, nel caso in cui la percentuale di mancata realizzazione degli investimenti sia superiore al 40 per cento, l’autorità d’ambito può risolvere il contratto per inadempimento. Impugnati anche due commi dell’articolo 51 che disegna la pianta organica della Regione prevedendo la stabilizzazione di personale precario. “Non appare invero conforme al principio di buon andamento della pubblica amministrazione — scrive il Commissario dello Stato – ampliare “ope legis” la dotazione organica di un cospicuo numero di unità di personale”. In particolare il comma 4 riguarda i catalogatori. Il commissario sul comma 5 contesta la violazione del “principio del  pubblico concorso” delle procedure fissate dalla finanziaria per la stabilizzazione dei precari. E sempre in tema di precari è stato impugnato il comma 7 dell’articolo 16 che consentiva di non computare nel patto di stabilità le stabilizzazioni dei precari degli enti locali.

*Credito di imposta travolto*
L’impugnativa travolge anche la normativa sul credito di imposta, una delle parti della Finanziaria più care al Partito democratico, che prevede degli sgravi per le aziende che assumono. La misura è impugnata in una serie di sue parti perché la materia dei tributi erariali è “riservata alla competenza legislativa dello Stato”. Invade la competenza legislativa statale, secondo il commissario, anche l’articolo 75 sul sistema aeroportuale siciliano. Alt anche all’obbligo “ai comuni e agli enti locali, che forniscono servizi di mense scolastiche, universitarie ed ospedaliere, di assicurare e verificare che almeno il 50% dei prodotti alimentari somministrati sia prodotto in Sicilia”: la norma, tra l’altro, altererebbe la concorrenza. Impugnato anche l’articolo che prevede il passaggio del personale dell’Ente Autonomo Fiera del Mediterraneo (35 dipendenti in servizio più 6 da assumere) alla società Multiservizi: la norma prescinde dall’effettiva funzionalità dell’utilizzo di questo personale.

*Le altre norme*
Disco rosso anche al trasferimento da parte dell’assessorato regionale alle Risorse agricole di strutture, aree di pertinenza e macchinari del mercato del fiore di contrada Spinello al comune di Scicli e alla cessione dell’area attrezzata di Punta Cugno all’Asi di Siracusa. Cassata la parte finale del comma 2 dell’art. 21 sul personale delle Terme di Sciacca e Acireale Stop anche alla norma sul sostegno all’editoria locale e al “fondo speciale regionale di compartecipazione ai fondi speciali per la sicurezza”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    adesso ci si mette anche in commissario della stato ( ma quale stato? ) ha impugnato tutto quello che non serve impungare e GUARDA CASO NON HA IMPUGNATO NULLA SULLE ASSUNZIONI DEGLI ESERCITI DEI NULLAFACENTI CHIAMATI PRECARI. e VERO IL MONDO E LE PERSONE ORMAI FANNO TUTTO IL CONTRARIO DI TUTTO CHE SCHIFOOOO!

    Adesso dopo la vergogna della scure del Commissario, l’innovativo presidente dirà che è stata salvata tutta la parte migliore. Il cracolici dirà che lui non c’entra nulla. Cimino già dice che le norme da lui proposte reggone. Anche quelle di Musotto . L’Adamo è soddisfatta.
    VERGOGNATEVI TUTTI E’ ANDATE A CASA A STUDIARE.

    @giancarlo,

    proprio le assunzioni dei precari sono state bloccate.

    Posa l’elmetto, appoggia il fucile, rilassati, questa (PER TE OVVIAMENTE) E’ UNA BELLISSIMA NOTIZIA.

    Se ognuno evitasse di sfogare qui le proprie frustrazioni il discorso andrebbe avanti.

    Per una legge comprensiva di 120 e più articoli, l’impugnativa parziale di 27 articoli da parte del commissario dello Stato, le cui argomentazioni devono, comunque, anch’esse passare il vaglio della suprema Corte, non pare poi così pesante.
    Concordo, poi, con quanti affermano che il merito dei rilievi non risulti inficiante per la natura complessiva del provvedimento, considerando che, inoltre, l’ARS ha sempre il diritto di intervenire sul testo con modifiche formali, aggiustamenti o provvedimenti integrativi in grado di far passare la legge attraverso il vaglio dei giudici costituzionali.

    che magra figura dell’innovativo presidente e della sua moderna maggioranza

    sono tutti brutti e cattivi, c’è l’hanno con Lombardo e soci, sono così bravi che si fanno impugnare la mettà della finanziaria, ma finitela non è cosa non siete in grado di governare non c’è niente di male andate a casa.
    saluti
    P.S. il dramma è che I danni che state creando per la vostra incompetenza li paga la gente.

    gliel’ha smontata totalmente!
    mai visto una bocciatura così eclatante da parte del commissario dello stato di norme, peraltro, proposte ed elaborate dal governo e non frutto di un voto estemporaneo,notturno di emendamenti di aula
    Come si difenderanno da questo disastroso fallimento? Ipotizeranno un’altra congiura mediatica?
    sono dei pierini

    Se il presidente della regione fosse stato in buoni rapporti con tutti a Palermo e a Roma, chissà se la finanziaria avrebbe avuto un altro giudizio……

    Credo ci sia poco da commentare, se non definire avvocati ammazzacabugli dal romanzo dei promessi sposi, grandissima parte di chi occupa le seggiole del Parlamento Regionale Siciliana e tecnici giuristi, dovrebbero tornarsena a scuola a studiare invece di ……………………………..

    Complimenti al Sig.Commissario dello Stato e complimenti davvero al Governo Regionale che figura…!!!, ma ci sono abituati, mi chiedo da cittadino siciliano: ma tutti gli scienziati giuristi che fanno parte del Governo a vario titolo :
    fannulloni, e-Sperti, etc…,non si sono accorti di tutte queste irregolarità…!!!, sono troppo affaccendati dal quotidiano lavoro di alto profilo che svolgono ed i risultati sono piuttosto evidenti…!!!
    Prendendo a prestito un detto americano/inglese non resta cari concittadini siciliani che dire a questi onorevoli signori ?! .” Go Home ” …for ever…!!!
    Ricordiamocelo a breve non appena si riproporranno le Elezioni.

    Le finanziarie degli anni passati pure hanno subito dei tagli da parte del commissario dello Stato. Finiamolla di piangerci addosso, la parte più importante è rimasta, su 127 articoli ne sono stati impugnati, tra articoli e commi, 27, tutto sommato, bene. Comunque ora quello che conta e che incominciano ad applicare le leggi finora fatte, in modo tale da metttere in funzione la regione Siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *