Lo Bello da eroe a indagato |Confindustria, altro mito caduto - Live Sicilia

Lo Bello da eroe a indagato |Confindustria, altro mito caduto

Il leader degli industriali si è detto pronto a chiarire tutto ai pm. Solo pochi giorni fa il Corriere rievocava la sua svolta.

L'indagine d Potenza
di
13 Commenti Condividi

PALERMO – Il suo nome riportava a una sorta di epoca d’oro della riscossa legalitaria confindustriale. Quella celebrata in lungo e in largo in tutta Italia, ai tempi della presidenza Montezemolo, che lo volle giovanissimo a capo degli industriali siciliani. Ma i mesi del lungo calvario dei simboli antimafia non hanno risparmiato un dolore nemmeno a Ivan Lo Bello.

Dapprima, il nome del vicepresidente nazionale di Confindustria era solo stato citato nell’inchiesta di Potenza che ha portato alle dimissioni del ministro Federica Guidi. Sabato si è appreso che Lo Bello è anche lui indagato. L’ipotesi di reato ipotizzata dai magistrati potentini (e ovviamente tutta da dimostrare) è quella dell’associazione a delinquere, che lo vedrebbe come “partecipante”, insieme ad altri tra cui il presunto “ideatore”, cioè il suo ex socio Gianluca Gemelli, l’imprenditore compagno della Guidi personaggio centrale di questa branca dell’inchiesta lucana che si concentra parecchio sulla Sicilia e in particolare su Augusta.

E pensare che solo una decina di giorni fa sul Corriere della sera in un robusto articolo sull’antimafia legalitaria usata come paravento per il malaffare, una firma di peso come l’ex direttore Paolo Mieli auspicava tra l’altro che il presidente uscente di Confindustria Giorgio Squinzi spingesse Antonello Montante (che replicò), sotto indagine da quasi due anni a Caltanissetta per concorso esterno in mafia, a farsi da parte, lasciando “al presidente che verrà dopo di lui una Confindustria simile a quella di dieci anni fa quando Ivan Lo Bello, proprio in Sicilia, avviò una campagna di pulizia che ebbe un’eco di approvazione in tutto il Paese”. Solo pochi giorni dopo, per una sfortunata coincidenza di tempi, lo stesso Lo Bello – protagonista della golden age nostalgicamente vocata dal Corriere – finiva suo malgrado nelle cronache giudiziarie.

“Ho sempre avuto piena fiducia nell’operato dei magistrati. Chiederò alla Procura di Potenza di poter essere sentito quanto prima per chiarire ogni cosa”, ha commentato sabato sera Lo Bello, che solo qualche giorno prima, rompendo il suo tradizionale riserbo su questo genere di argomenti, in un’intervista a Repubblica si era detto “molto infastidito per essere stato tirato dentro una storia di cui sono ignaro”, prendendo le distanze da Gemelli. Secondo gli investigatori, il presidente di Unioncamere avrebbe “perorato” presso il governo nazionale – e nella fattispecie il ministro Graziano Delrio, che nega – la nomina (poi di fatto avvenuta) di Alberto Cozzo a commissario straordinario del porto di Augusta. Cozzo stesso oggi conferma la “sponsorizzazione” di Lo Bello in un’intervista (“esercitò una normale prerogativa che gli derivava dal suo ruolo di presidente della Camera di commercio di Siracusa”, dice). Una nomina che, secondo gli investigatori, avrebbe consentito al gruppo di interessi ribattezzato “il quartierino” di “ottenere una concessione demaniale relativa al pontile consortile e annessi serbatoi di stoccaggio del petrolio esistenti nel porto”. Secondo altre notizie riportate oggi dalla stampa nazionale, il gruppo vicino a Gemelli si sarebbe adoperato anche per favorire la nomina di Lo Bello alla presidenza di Unioncamere.

Lo Bello ora chiede di essere ascoltato dai magistrati per fornire ogni spiegazione a sua difesa in una vicenda giudiziaria che a dispense quotidiane viene svelata dai quotidiani nazionali e che dopo aver preso le mosse dal presunto disastro ambientale si va progressivamente trasformando in un passare ai raggi ics apparenti attività di (ordinaria?) lobby, i cui eventuali profili di illiceità dovranno essere dimostrati dagli inquirenti.

Intanto, anche all’imprenditore siracusano tocca ora sperimentare la spiacevole posizione di indagato, lui che con Montante, Marco Venturi e altri fu il promotore di quella svolta “legalitaria” di Confindustria (codice etico contro i collusi e in sostegno di chi denunciava il racket) che una decina d’anni fa raccolse grandi consensi e che consolidò l’ascesa della lobby degli industriali (in precedenza per un lungo periodo piuttosto marginale) nei Palazzi siciliani. Dai quali Lo Bello, che è vicepresidente nazionale di Confindustria e presidente nazionale di Unioncamere, ripete da tempo di aver preso le distanze. Come anche – seppur senza mai dichiararlo ufficialmente – dall’ex “gemello” Montante, che Lo Bello difese quando divenne di pubblico dominio la notizia dell’indagine per mafia a carico dell’imprenditore nisseno proprio in quei giorni nominato ai vertici della strategica Agenzia per i beni confiscati. Un paio di uscite pubbliche sul tema a difesa del collega, poi un lungo silenzio, sintomo di gelo sostenevano i bene informati. Che sarebbe sfociato in uno scontro nella guerra per i rinnovi e gli accorpamenti delle camere di commercio siciliane, guerra combattuta anche a colpi di esposti in procura e finita al centro di un’interrogazione parlamentare dei Cinque Stelle.

Elegante, colto, infaticabile lettore, Ivanhoe (per tutti Ivan) Lo Bello s’è districato fin qui con proverbiale prudenza, scansando insidie e trappole. “Influente e mai appariscente, un talento innato per la giusta distanza”, scriveva di lui ieri Repubblica. Estimatore del renzismo, inflessibile nel declinare gli inviti della politica (più volte si è parlato di lui come di un papabile per Palazzo d’Orleans), con lui alla presidenza Confindustria Sicilia mise piede nella giunta regionale: l’assessore era Marco Venturi, il governatore Raffaele Lombardo, che successivamente con lo stesso Lo Bello si scontrò aspramente quando il leader confindustriale evocò lo spettro del default per la Regione. Sembra passato un secolo da allora e dalle battaglie contro il racket che attirarono i riflettori nazionali sull’associazione degli imprenditori siciliani guidata dall’imprenditore e banchiere siracusano. A quei tempi seguirono poi quelli dell’irrobustirsi dell’attività di lobby con ottime e robuste entrature romane. Se in quel genere d’attività s’annidassero comportamenti illeciti spetterà agli inquirenti appurarlo. Difficile è però immaginare che in generale gli scenari del potere economico-politico siciliano non subiranno dei sensibili assestamenti dopo i fatti degli ultimi mesi.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

13 Commenti Condividi

Commenti

    ho sempre sostenuto la necessità che questo signore avesse a far conoscere di quali industrie è titolare, quante famiglie campano grazie ad esse ecc.ecc. non è mai stato dato a conoscere il che significa che trattasi di industrie di capitale, per cui è normale che prima o poi incomincino ad uscire verità nascoste dietro il paravento dell’antimafia. Quando questi ultimi 30 anni passeranno alla storia, sarei curioso di sapere cosa ne penseranno i posteri, dei modi di fare della mafia e dell’antimafia…….

    A questo squallido quadro siciliano mancano ancora altri soggetti che hanno distrutto la Sicilia per i loro meschini interessi. Sappiano che la giustizia, anche se lentamente, fa il suo corso.

    la stagione delle stragi e del martirio di tanti uomini e donne, doveva indurre ogni italiano a una profonda revisione interiore e adottare condotte comportamentali di testimonianza con la osservanza della Costituzione e delle leggi volta alla riduzione dei fattori favorenti la proliferazione della corruzione e a rendere piu’ agevole l’azione di contrasto contro le mafie.
    Di tutto questo non e’ accaduto nulla!
    si e’ continuato impavidamente a farsi i casi propri e pur di raggiungere i propri obiettivi, disposti a intrallazzi vari, in tutti i livelli della societa’ !
    e’ questo il contesto squallido che e’ emerso!

    andate a vedere gli appalti milionari aggiudicati durante la gestione Cozzo….. ai soliti noti paladini dell’antimafia…..

    Si stanno rompendo gli argini.
    Il timore reverenziale è finito.
    Ora ne usciranno tante e tante su questo personaggio tanto tanto potente ma soprattutto arrogante e dispensatore di bluff con i piccoli mentre si faceva gli affari ed interessi suoi personali con la ristretta cerchia dei potenti.
    Magistratura muoviti!

    SINCERAMENTE ,CREDI CHE GLI OPERATORI DI GIUSTIZIA SIANO ESTRANEI A QUESTO SQUALLIDO QUADRO SICILIANO?????IO NON MI FIDO PIU’ DI NIENTE E DI NESSUNO E PENSO CHE SIANO SOLO GUERRE PER ACCAPARRARSI SOLDI E POSTI DI POTERE.

    Una sola domanda:
    Perchè, per gli altri, un avviso di garanzia è UN AVVISO DI GARANZIA a seguito del quale chiedere a destra e a manca le dimissioni degli indagati, mentre per loro è “solo” un avviso di garanzia, per il quale “chiariranno tutto” e non si schiodano dalle poltrone?

    Credo che bisogna squarciare il velo anche in Sicilia. Montante e Lo Bello appoggiarono fortemente Crocetta alle elezioni regionali (dopo aver appoggiato e mollato Lombardo). Nel Governo Crocetta Confindustria ottenne l’Assessorato alle attività Produttive che, con Lombardo e Crocetta ha tenuto, mi pare, per 6 anni di fila. Attraverso l’Assessorato hanno controllato l’Irsap e le Camere di Commercio commissariate e attraverso queste ultime hanno avuto una grande influenza spesso decisiva negli aeroporti, nelle autorità portuali, etc.. Ormai è chiaro anche all’opinione pubblica meno accorta che l’antimafia di facciata era solo un raffinato strumento per gestire potere, amicizie influenti e carriere personali. Sembra non essersene accorto solo Crocetta che sulla legalità è evidentemente affetto da strabismo politico. Io credo che, almeno per ragioni di opportunità, Montante e Lo Bello debbano dimettersi da Presidenti delle Camere di Commercio di Caltanissetta e Siracusa. Vorrei sentire il parere di Crocetta in proposito, ma ho forti dubbi che ciò avverrà mai.

    MITO PER I FALLOCCHI, DI QUESTI PROFESSIONISTI DELL’ANTIMAFIA SONO STUFO, I MORTI, QUELLI CHE HANNO FATTO LA LOTTA ALLA MAFIA, SI RIVOLTANO NELLE TOMBE. MANDATELI A LAVORARE INVECE DI RIEMPIRE I TALK SHOW DI CHIACCHIERE E CORBELLERIE, NON DATE PIU’ SPAZIO AI “PROFESSINISTI DELL’ANTIMAFIA”, MA DATELO A QUELLI CHE LA FANNO VERAMENTE.

    Un signore che inizia la scalata del potere in Confindustria, passando dalla presidenza del Banco di Sicilia, prima di chiudere i battenti, alla presidenza di UnionCamere senza essersi mai sporcate le mani con l’impresa. Quell’impresa che produce lavoro, che presuppone fatica, rischio e una buona dose di ingegno.
    Si faceva chiamare banchiere ed era appena un biscottaro. Vedi quanto sono fortunati i siciliani e quali miracoli ha prodotto l’antimafia gridata di questi anni. Alla Sicilia, in questi anni di crisi, è venuto a mancare il lavoro ed i confindustriali si sono mostrati essere dei mestieranti, interessati alla scalata del potere, a piegare le istituzioni e la politica regionale ai loro interessi. E le massime istituzionali della Regione relegate al ruolo di comparse…. semplici pupazzi. Povera Sicilia…!

    Ho l’impressione che l’AD di SAC GAETANO Mancini può definitivamente considerare conclusa la sua esperienza in SAC.

    E’ interessante leggere cosa recita il codice etico di Sicindustria:

    Paragrafo 2 – Vertici associativi
    …..I nominati si impegnano a:
    assumere gli incarichi per spirito di servizio verso gli associati, il Sistema confederale ed il mondo esterno, senza avvalersene per vantaggi diretti o indiretti…..

    …..rimettere il proprio mandato qualora per motivi personali, professionali o oggettivi la loro permanenza possa essere dannosa all’immagine dell’imprenditoria e dell’Associazione….

    Chissà per chi vale questo codice etico, questi non li schiodi dalle sedie nemmeno con il martello pneumatico; imbarazzante il silenzio di Confindustria Nazionale, del vecchio presidente Squinzi e del nuovo presidente Boccia.

    Perché meravigliarsi?
    La sua splendida attività è già tutta scritta !!
    E’ sufficiente fare una semplice visura della sua “scheda personale” presso la Camera di Commercio , digitare il suo nome (Ivanhoe !!) e cognome (Lo Bello), e morire dal ridere per tutte le cariche di consigliere che assume di continuo, (oltre 30!!!).
    Cariche all’interno di una moltitudine di svariate altisonanti e non società italiane , in arco temporale ridottissimo….appena il tempo di una assemblea.
    E ancora, leggere in quante società non attive (ma pronte per essere utilizzate!!) ha varie cariche sociali , e che le stesse sono tutte in sonno ma pronte all’uso, e tutte presso l’indirizzo dello studio della consorte a Catania.
    Un bel capolavoro, solo un cinese non capirebbe.
    Possibile che nessuno vigila o si interroga?
    Non c’è più nulla da immaginare….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *