Marcello Caruso:|"Pronto a dimettermi" - Live Sicilia

Marcello Caruso:|”Pronto a dimettermi”

Il presidente dell'Amia
di
3 Commenti Condividi

“Se il Cda non verrà dotato dei mezzi per ripristinare l’ordinario e ristrutturare i conti dell’azienda, sono pronto a dimettermi”. Lo ha detto il presidente dell’Amia, azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti a Palermo, Marcello Caruso, giunto in Prefettura, per partecipare ad un vertice con il sottosegretario Guido Bertolaso.
“Questo  – ha spiegato Caruso – è un tavolo tecnico per capire quali sono gli strumenti più idonei. Auspico un rinato senso di responsabilita’ dei lavoratori. Fino ad oggi le maestranze sono state pagate”.
“Finché esisterà la mia disponibilita’ di presiedere questa azienda – ha aggiunto – non ci sarà nessun licenziamento, nessun abbattimento del livello di occupazione di una sola ora lavorativa nei confronti dei lavoratori dell’Amia. Qualora questo fosse stato prospettato ci sarà un solo licenziamento – ha sottolineato Caruso – il mio. Questo lo dico a salvaguardia degli operatori dell’Amia. Ma oggi il loro senso di dovere e responsabilita’ deve trovare esecuzione. Devono ripristinare al più presto il loro lavoro. Quello che stiamo facendo è un cattivo servizio per la città e non ce lo possiamo permettere”.

Caruso, poi, ha anche aggiunto che “sono state presentate diverse istanze di fallimento e di pignoramento nei confronti dell’Amia. Le istanze – ha concluso- sono state reintegrate attraverso il pagamento da parte dell’azienda. E’ per questo che abbiamo chiesto nuove risorse, non lo abbiamo fatto per attività bucoliche”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

3 Commenti Condividi

Commenti

    Sapete cosa perdono… i palermitani se si dimette dall’AMIA Marcello Caruso?
    Potrebbe tornare ad occuparsi di sagre, schiticchi ed “educazione alimentare”
    che lui non ha mai osservato(talmente educata che al governo nazionale è costata 700 mila euro fattigli pervenire da Renato Schifani: che lui ha speso senza pudore e con l’avallo del presidentissimo). Basta guardare quanto è ciccione!!!

    Perché, cosa ha contro i ciccioni? Saluti

    Lei è astioso. In un momento del genere lei pensa a mangiare e creare nuovi rifiuti! Ma la smetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.