Maria Grazia faceva sogni bellissimi | "Ti stregava col suo sorriso" - Live Sicilia

Maria Grazia faceva sogni bellissimi | “Ti stregava col suo sorriso”

Era molto amata Maria Grazia Modesto, la ragazza di venticinque anni morta all'Addaura in un incidente. In tanti la piangono alla camera ardente.

9 Commenti Condividi

PALERMO– Ma tu perché sei qui, Maria Grazia? Maria Grazia è qui, in una bara bianca, al cimitero dei Rotoli, perché è morta in un incidente stradale. E pare addormentata. Ed è bellissima, anche nell’ultimo sonno. Di quella bellezza che viene da un cuore speciale, così anche il corpo, quando si arrende, conserva intatto il segno di un’anima amata da tutti. Maria Grazia Modesto si è arresa in un maledetto giorno d’agosto, a venticinque anni, con l’estate che le correva nelle vene. Estate su estate. Risate a piena gola su risate a piena gola. E poi la morte, oltre una curva dell’Addaura, a Mondello. Chi è intervenuto sta cercando di capire cosa sia successo. Forse un malore. Forse un colpo di sonno. Nel punto dell’impatto c’è una striscia bianca e rossa che copre cose disperse, pezzi di cose che avevano un nome. La gente ha fretta e urgenza del tuffo. “Scusi, si può scostare, dobbiamo andare a mare”. Il mare è lì, sullo sfondo. Una striscia blu che luccica e si muove. Qualcuno ne approfitta per un elogio del posteggiatore abusivo della zona che, adesso, non controlla più il suo gregge di macchine, perché è a sua volta controllato. Ne discenderebbe un deficit di sicurezza. Il marketing estremo dell’illegalità non ha pudore.

Chi era Maria Grazia? Quello che si può fare è cercare le sue tracce, seguendo le orme di chi le vuole bene, la linea d’oro della sua bellezza che conduce alla vena principale. Un amico di Facebook la racconta così: “Era una persona magnifica, brillante, dolce e tenera. Educata e garbata nei modi. Con una forza vitale unica, che le avrebbe permesso di affrontare qualsiasi cosa. Che Dio l’abbia in pace”. Un’amica alla camera ardente dei Rotoli digita la pienezza del suo affetto con un sms: “Si era laureata in Scienze delle Formazione un anno fa. Insegnava a Palermo. Faceva la maestra ed era felice. Il suo sorriso ti stregava. Amava Robbie Williams e ogni volta che lo ascoltava diventava rossa. E noi la prendevamo in giro quando eravamo più piccoli”. Segue un 🙂 sul display. Nel linguaggio visivo che sostituisce la sintassi delle parole, è un sorriso. Una goccia di sole in un mare di pioggia.

Maria Grazia è qui. Dove non dovrebbe essere. In mezzo a foto vecchie e dolcissime su lapidi scrostate. Espressioni compunte, abiti tagliati sui canoni estetici del secolo scorso. Nomi scolpiti sul cemento, in povere tombe appena abbozzate. Cipigli severi, facce scure. Sono i morti. I vivi che li hanno sepolti al cimitero dei Rotoli hanno spesso scelto un’immagine ufficiale a corredo del cordoglio. Il cimitero è una cosa seria, con le frasi d’occasione che i superstiti hanno messo in bocca ai defunti: “Vi voglio bene…. Vi penso dal cielo… Mi mancate…”. E’ un trucco, uno stratagemma del dolore. La promessa di incontrarsi ancora sulla fisionomia scultorea di chi non c’è più, apposta da chi c’è ancora per limitare i morsi dell’assenza.

Non ci sono parole per Maria Grazia. C’è una processione in lacrime. Salgono gli scalini della camera ardente. Sfiorano la bara. In silenzio tornano giù. Perfino il seppellitore di turno – uno per cui il trapasso è la normalità – si commuove. Sussurra: “A’ picciridda…”. Maria Grazia Modesto indossa una camicetta verde. Le mani in croce sul rosario. E pare addormentata. Pare che debba alzarsi da un momento all’altro, tanto incongrua è la sua presenza nel passaggio di non ritorno.

Aveva sogni luminosi e chiari, questa ragazza amata. Li conservava nel suo diario su fb. Scriveva: “Non è vero che le maestre hanno sempre ragione, ma ad ogni modo … loro, gli insegnanti, o almeno alcuni di essi, tracciano solchi che segnano il nostro cammino, imprimono direzioni al nostro movimento, aggiungono ingredienti decisivi alla pasta di cui siamo fatti…”. Era una citazione, entrata dentro e maturata, diventata ragione di un impegno e di gioia. Era una vita fa. Era un solco tracciato, prima della curva dell’Addaura. Eppure Maria Grazia è ancora estate che non smette di dare coraggio, nell’inverno che avanza. Lo dicono le molliche d’amore sparse sul cammino. Goccia di sole che resiste, in questo mare di pioggia.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

9 Commenti Condividi

Commenti

    L’unica consolazione è pensare che sia andata in un mondo di gran lunga migliore del nostro. Riposi in pace.

    Anche oggi una foglia è caduta, staccatasi per sbaglio dall’Albero della Vita
    Nei cuori dei più, che dura han la corteccia, era riusciuta ad aprire una breccia.
    Scorgiamo una bimba, ai piedi, all’improvviso, raccoglie la foglia ed accenna un sorriso
    siamo sicuri ..è già in Paradiso!
    Addio Mari!
    Ci mancheranno i tuoi sorrisi, l’allegria che infondevi, i piccoli gesti come pure quei dispetti che ci facevano sorridere, anche nel contendersi una patatina, i giochi con la piccola Samu e tutti quei bei momenti che riempivano le giornate trascorse assieme e che solo tu potevi donarci…
    Riposa in pace.

    non si puo’ annullare un’ esistenza in questo modo, che tristezza, quanti incidenti mortali, non se ne puo’ piu’, troppi figli in pericolo…………. riposa in pace maria grazia . condoglianze ai familiari che dio sia con voi.

    ho abitato in via annibale x qualche hanno,tanti gli incidenti dopo la famosa curva della “morte”,causati da velocita alta sorpassi azzardati estati di ubriachezza,nonsembra il caso di Maria grazia,chissa forse Dio sveva bisogno di Lei.mi dispiace troppo giovane x andarsene cosi!

    Che il signore ti accolga nel suo regno e sia la consolazione al cuore dei familiari.

    un’altra giovane vita spezzata da incidenti stradali…in questi casi,non ci sono parole….

    E’ brutto vedere notizie così tragiche in una strada così poco veloce. Non so cosa sia successo. Dalle foto non vedo segni di frenata. Mi auguro che qualche imbecille, con qualche manovra azzardata, non la abbia costretta a fare un’improvvisa sterzata e spero che non era con il cellulare in mano. Lo dico per far riflettere i tanti che, alla guida, vedo spesso ralllentare e procedere con manovre pericolose e indisponenti per guardare il cellulare.

    Non la conoscevo..ma sono state usate bellissime parole ..bravo lo scrittore ..ciao mariagrazia

    Non ho parole!solo un grande dolore che mi ha profondamente colpito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *