Neonato morto per infezione| “Omicidio colposo”, indagati 8 medici - Live Sicilia

Neonato morto per infezione| “Omicidio colposo”, indagati 8 medici

Dopo essere stato dimesso in apparenti buone condizioni, come ha replicato l'azienda, i medici del Santo Bambino non avrebbero diagnosticato, durante un successivo ricovero, il germe che ha portato alla morte il neonato tra atroci sofferenze. Oggi l'autopsia.

0 Commenti Condividi

CATANIA- La Procura di Giovanni Salvi vuole vederci chiaro sulla morte di F.D., neonato strappato alla vita, secondo le prime ipotesi, da un batterio tipicamente ospedaliero.

Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia del cadavere del piccolo bambino, sepolto all’interno di una bara bianca nel cimitero di Catania.

Al momento l’ipotesi d’accusa degli inquirenti è di omicidio colposo a carico di 8 medici del Santo Bambino, noto centro di eccellenza in cui F.D. era nato ed era stato dimesso apparentemente in buone condizioni, come ha sottolineato l’azienda.

Gli inquirenti stanno ricostruendo ogni attimo succeccivo alla nascita; il batterio avrebbe continuato a diffondersi indisturbato nel corpo del neonato anche durante un secondo ricovero al Santo Bambino, quando l’infezione in corso avanzato non veniva diagnosticata.

Il batterio è stato scoperto soltanto dopo il trasferimento nel reparto di terapia intensiva del Policlinico di Catania, mentre il bimbo era intubato e lottava, tra atroci sofferenze, tra la vita e la morte. A quel punto gli antibiotici non sono riusciti a bloccare l’infezione.

Due sono i profili in corso di verifica: le scarse condizioni igieniche che potrebbero aver fatto proliferare il batterio e la presunta negligenza dei medici, accusati di non aver diagnosticato l’infezione che ha ucciso il bambino.

La battaglia dei genitori, inconsolabili, si è trasferita nelle aule del tribunale, dove è iniziata la guerra fatta di perizie e consulenze di parte.

L’Osservatorio dei diritti del malato, guidato da Manfredi Zammataro, ha annunciato di essere pronto a costituirsi parte civile nel processo.

I legali di alcuni medici indagati, intervistati da Antenna Sicilia, hanno dichiarato di essere in attesa del responso delle perizie.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.