Non si ferma l'iter | per le trivellazioni - Live Sicilia

Non si ferma l’iter | per le trivellazioni

A denunciarlo il “Comitato no alle trivellazioni nella Valle del Belice”. Ed il grillino Mangiacavallo annuncia che verrà fatta un'interrogazione all'assessore Marino.

valle del belice
di
1 Commenti Condividi

PALERMO – Prosegue a passi spediti il percorso burocratico per l’avvio delle trivellazioni nella valle del Belice, dopo che nei mesi scorsi la società Enel Longanesi aveva presentato istanza di ricerca. A lanciare l’allarme è il “Comitato No alle trivelle nella Valle del Belice” tramite Mario Di Giovanna, che oggi ha incontrato Giampiero Trizzino, presidente della commissione ambiente, all’Assemblea Regionale Siciliana.

“La richiesta prevede la perforazione di un pozzo esplorativo profondo dai 2000 ai 3500 metri entro 42 mesi dall’ottenimento del permesso. – scrive Di Giovanna – Ebbene nel silenzio più assoluto lo scorso 10 ottobre viene dato il primo via libera”. La zona interessata copre quasi 700 chilometri quadri, toccando i territori dei comuni di Montevago e Santa Margherita Belice nell’Agrigentino; di Bisacquino, Campofìorito, Camporeale, Contessa Entellina, Corleone, Monreale, Partinico, Piana degli Albanesi, Roccamena,San Cipirello e San Giuseppe Jato nel Palermitano; di Alcamo, Gibellina, Poggioreale e Salaparuta nel Trapanese.

Il via libera è stato dato dall’Ufficio Regionale per gli Idrocarburi e la Geotermia (Urig) che presentato una relazione positiva, nonostante l’opposizione di alcuni movimenti e di diverse amministrazioni comunali che verrebbero coinvolte, fra cui il comune di Montevago. E gli stessi hanno chiesto le carte della relazione. “Abbiamo ricevuto una documentazione incompleta – prosegue Di Giovanna – , visto che mancano il programma dei lavori, la sintesi della relazioni geologico-mineraria e la corrispondenza fra l’Urig e il comune di Santa Margherita”. L’ente che fa riferimento all’assessorato all’Energia ha però risposto al Comitato no trivelle che quelle informazioni “non possono essere resi pubbliche senza il consenso degli interessati”.

La questione approderà presto all’Ars. Almeno così promette il deputato regionale Matteo Mangiacavallo del M5S. “Ci sarà un’interrogazione all’assessore – dice –. Siamo parecchio attenti alle istanze dei cittadini nel contrasto alle trivellazioni e quindi metteremo in evidenza la questione”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Si continua imperterriti alla distruzione dell’ambiente. Invece di promuovere le fonti rinnovabili come il fotovoltaico “diffuso” si continua a far crescere il petrolio! E bravo al nostro “nuovo governo”regionale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *