Norme sugli accertamenti fiscali | Consulta: "Somme alla Regione" - Live Sicilia

Norme sugli accertamenti fiscali | Consulta: “Somme alla Regione”

La decisione della Corte Costituzionale: "Alcune somme che fanno riferimento a norme contenute nella manovra finanziaria del Governo nazionale dello scorso agosto, in quanto riscosse in Sicilia, sono di spettanza della Regione".

La sentenza
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – “La Corte Costituzionale ha stabilito che alcune somme che fanno riferimento a norme contenute nella manovra finanziaria del Governo nazionale dello scorso agosto, in quanto riscosse in Sicilia, sono di spettanza della Regione”. Lo afferma una nota dell’ufficio stampa presidenza della Regione. “Ciò, in base allo Statuto autonomista e a specifiche norme di legge, cancellando di conseguenza – prosegue – le previsioni normative che prevedevano diversamente”.

Nello specifico i due commi impugnati fanno riferimento alle attività di ricognizione e di accertamento fiscale svolte dall’agente della riscossione competente per la Sicilia (Riscossione Sicilia), esercitate per recuperare all’entrata del bilancio dello Stato l’intero ammontare sia delle somme dichiarate e non versate dai contribuenti che si sono avvalsi dei condoni e delle sanatorie previsti dalla legge 289 del 2002, sia delle nuove sanzioni previste per il ritardo di tali pagamenti, sia di quanto accertato per effetto dei nuovi controlli e della proroga del termine di accertamento dell’Iva.

Per le altre disposizioni impugnate la Consulta ha poi dichiarato – con pronuncia interpretativa di rigetto – l’inammissibilità dei ricorsi, nel presupposto che le clausole di salvaguardia previste dagli statuti garantiscano comunque l’autonomia finanziaria regionale. Quest’ultima sentenza si aggiunge così alle altre quattro che nel 2012 hanno riconosciuto alla Regione siciliana le prerogative statutarie in materia finanziaria, con il sostanziale accoglimento delle tesi prospettate nei ricorsi.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.