Dall'amianto ai rifiuti ingombranti | Residenti di corso Tukory disperati - Live Sicilia

Dall’amianto ai rifiuti ingombranti | Residenti di corso Tukory disperati

La villetta Vitocolonna di corso Tukory

La villetta Vitocolonna di nuovo al centro delle proteste: "Situazione insostenibile".

PALERMO
di
18 Commenti Condividi

PALERMO – Tubi di amianto, cumuli di rifiuti tra le aiuole, divani, materassi, mobili di ogni tipo circondano l’area ormai diventata dormitorio. Residenti e commercianti sono esasperati, le condizioni della villetta Vitocolonna vengono quasi quotidianamente immortalate sui social con foto e video: “Ma nessuno fa nulla – dice Rosario Marretta, che abita in corso Tukory – e non riusciamo a spiegarci come sia possibile non prendere in considerazione le decine di richieste che arrivano dal nostro quartiere”.

Da mesi, l’area verde dedicata all’ex prefetto di Palermo, è nuovamente piombata nel degrado. Il Comune nel 2017 l’aveva affidata ai privati che si sono occupati della manutenzione e della pulizia per un anno, ma alla scadenza della concessione tutto è tornato come prima: “Ricordo ancora quando quando marito e moglie hanno dormito qui per mesi – dice Francesco Pantaleo, un altro residente -. Avevano creato una sorta di accampamento, poi con la gestione privata la situazione era migliorata”.

Già nelle scorse settimane, chi si era preso cura della villetta che si trova tra il museo Gemmellaro e la storica Porta Sant’Agata, aveva spiegato di essersi sentito abbandonato: “Eravamo felici di poter far rinascere un’area che da sempre vediamo trascurata, ma purtroppo siamo poi rimasti delusi. Per diversi mesi abbiamo pagato di tasca nostra il personale per effettuare la pulizia quotidiana e avevamo anche realizzato un progetto per rivalutare la villa, in cui avremmo voluto realizzare un’area ristoro e una zona dedicata ai giochi per i più piccoli. Non siamo stati ascoltati dall’Amministrazione e in più, qualcuno ha continuato a gettare rifiuti ingombranti tra le aiuole ed è anche stato manomesso il motorino dell’acqua. Ci siamo sentiti abbandonati, quindi quest’anno abbiamo rinunciato alla gestione. Così è impossibile cambiare lo stato delle cose”.

I cassonetti che si trovano lungo parte del perimetro sono meta quotidiana degli ambulanti che vendono la propria merce all’Albergheria. “Questi contenitori sono vuoti soltanto al mattino presto – racconta il titolare di un negozio di telefonia -. Già dopo mezzogiorno vengono utilizzati per gettare vecchi abiti, mobili, divani, rifiuti ingombranti e pericolosi. Quella che viene ogni giorno fuori è una immensa discarica che rende pericolosa la zona anche soltanto per far passeggiare i propri cani”.

E al tramonto, una volta smontate le bancarelle nei dintorni e conservata la merce nei furgoni che restano parcheggiati nella zona, la villetta ospita clochard e senzatetto. Arredi di fortuna, una brandina vicino alla lapide in cui si trovava la targa dedicata a Vitocolonna, sedie e tavoli, invadono l’area: “Questo non è un bagno pubblico – dice Ruggero Maniscalco – l’aria è ormai irrespirabile, è diventata la villetta della vergogna. In che modo si intende amministrare una città se non si riesce nemmeno a gestire un’area così piccola? Noi residenti chiediamo ancora una volta all’Amministrazione un provvedimento concreto. E’ necessario regolamentare questo mercatino, fulcro dell’illegalità. Poi bisogna spostare questi cassonetti e fare sgomberare coloro che si sono accampati nell’area. Siamo stanchi e delusi, ci aspettiamo una volta e per tutte delle risposte”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

18 Commenti Condividi

Commenti

    Il sindaco lo sa fare? Le ruspe ci vogliono…e deportazione di clandestini.e una vergogna.

    I consiglieri di quartieri cosa fanno?ha già? Lo stipendio è sicuro.

    Salvini e la tua ruspa…. Ti aspettiamo con ansia

    Oramai Palermo è nel degrado più totale

    I razzisti non li vogliamo.

    Ma che cavolo c’entrano i clandestini??? I palermitani sono ingrasciati, però la colpa è di Orlando e i clandestini. Semplicemente ridicolo.

    Salvini una bella ruspaaaaaaaa Palermo e’ un letamaio di tutti i colori…

    Perchè protestano? Hanno rivotato questa amministrazione oppure non sono andati a votare,adesso stiamo muti.

    Menomale che alcuni anni fa Orlando doveva regolarizzare il mercatino dei poveracci e del male affare.vergognati Orlando basta che intaschi lo stipendio

    UNA SOLA SOLUZIONE VIDEOCAMERE E FORTISSIME MULTE, SUI RECIDIVI DENUNZIA PENALE.
    SE COSI` SI FACESSE VIVREMMO IN UNA CITTA ` PULITA.

    Salvini di qua e Salvini di la.
    Non farà nulla come gli altri.
    Mai uno che invia foto della gente che posa la munnizza … maiiiii. I Palermitani sono lordi, lamintusi e danno sempre la colpa agli altri.
    Certe volte si dovrebbe tacere e fare, invece si preferisce scrivere e dare colpa agli altri.

    Quante perle di saggezza! Tutti giustificano tutto. La colpa é del Sindaco. I “sfriggiusi” che buttano spazzatura ovunque sono giustificati e tollerati.

    Si ricordi che il portiere di via Isidoro La Lumia ha rimproverato un giovane che sporcava ed é finito in ospedale. C’é chi é pagato per controllare e sanzionare, ma spesso sta seduto in macchina con gli occhi sul tablet. Non vedo e non ho rogne.

    Ma mancano i controlli.

    Cosa frega a loro.

    Fringale e Paolo,vero è che molti incivili buttano la spazzatura quando e come vogliono loro, altrettanto vero è che non sono stati ancora rimossi,dopo quasi un anno,la quantità di amianto depositata in via Antonino Agostino (Zisa) delimitata dal Comune quindi,sentendo voi anche in questo caso il Sindaco non ha nessuna colpa?

    QUA I CLANDESTINI NON C’ENTRANO NULLA .SONO I PALERMITANI SENZA CULTURA E SPORCHI CHE REDONO LA CITTA’ UNA NETTURBE

    I RAZZISTI LI VOGLIAMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *