Palermo, annullato l'arresto del boss: "Disprezza la droga"

Palermo, annullato l’arresto del boss: “Disprezza la droga”

Il Tribunale del Riesame ha accolto il ricorso dei legali di Giuseppe Calvaruso
L'INCHIESTA
di
1 Commenti Condividi

PALERMO- L’ordinanza di custodia cautelare è stata annullata. Il boss Giuseppe Calvaruso resta in carcere solo perché è coinvolto in un’altra inchiesta. Non si conoscono ancora le motivazioni, ma il tribunale del Riesame ha accolto la richiesta degli avvocati Giovanna Priano e Michele Giovinco.

Calvaruso lo scorso 14 dicembre fu raggiunto da un nuovo ordine di arresto insieme ad altre sette persone. Al boss del mandamento di Pagliarelli veniva contestato il ruolo di regista di una grossa fetta dei traffici di droga organizzati a Palermo.

La cocaina arrivava dalla Calabria, mentre l’hashish dai corrieri della Campania che la compravano a malaga in Spagna. Una volta a Palermo la droga veniva stoccata all’interno di magazzini. Il più grande era in via Ernesto Basile, nella zona dell’Università degli studi.

I legali hanno sostenuto che non c’è alcuna prova del coinvolgimento di Calvaruso nei traffici di droga. Al contrario in alcune conversazioni intercettate altri indagati dicevano che il boss andava tenuto all’oscuro perché disprezzava coloro che facevano affari con gli stupefacenti. E poi nel periodo degli episodi contestati Calvaruso, che del mandamento di Pagliarelli, sarebbe stato il reggente, si trovava in Brasile.

Di sicuro, però, le piazze dello spaccio venivano rifornite. Vi lavorano e vi continuano a lavorare centinaia di persone, interi nuclei familiari. Gli spacciatori fanno il lavoro sporco, i boss non intervengono, ma è la mafia che gestisce gli approvvigionamenti. Conviene a tutti perché ci guadagnano tutti.

Calvaruso resta detenuto per l’ordinanza di custodia cautelare che gli è stato notificata lo scorso aprile. Tornava dal Brasile per Pasqua e fu arrestato per mafia. Un nuovo arresto visto che ha già scontato una condanna.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Queste “perle” solo dal Tribunale di Palermo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *