Piove, Palermo si allaga: ma il sindaco non è più Orlando

Piove, Palermo si allaga: ma il sindaco non è più Orlando

Allagamenti in città. Vecchie scene di disagio in attesa dell'autunno (foto di Francesco Orlando)
MONDELLO E ALTRO
di
5 Commenti Condividi

Mondello è la borgata delle emozioni violentissime. Alle sei di stamattina, l’acquazzone che allaga, inonda pezzi di strada e rende diverse zone simili a una immensa pozzanghera, da Partanna a Valdesi. Poi esce il sole – prima uno spicchio, infine tutto – e la spiaggia si anima di bagnanti, mentre pozze d’acqua, dal supermercato ai parcheggi, ricordano cosa era appena successo.

Piove su Palermo

La pioggia ha creato disagi anche altrove, a Palermo. E’ durata mezz’ora e si è visto un anticipo dell’autunno. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire in viale dell’Olimpo, in viale Cesare Brandi, in via Lanza di Scalea, in via San Lorenzo, nella zona dell’ospedale Cervello per soccorrere gli automobilisti in panne. E’ stato chiuso il sottopasso di viale Regione Siciliana all’altezza di viale Lazio. Il meteo? La Protezione civile regionale, ieri, ha diffuso un avviso per rischio meteo-idrogeologico e idraulico per temporali, valido fino alle 24 di oggi per condizioni meteo avverse in tutta la regione.

Torna la normalità

Un breve giro di perlustrazione intorno a mezzogiorno. A Mondello è tornata la normalità, con le suddette allegre comitive che si dirigono verso il bagnasciuga, complice la giornata che si è rasserenata. Nel frattempo, sui social, si commenta. Tra luoghi virtuali più attivi, su Facebook, c’è il gruppo ‘Insieme per Mondello’ che è un prezioso occhio puntato sulla borgata, con foto e contributi di qualità, come questa immagine di Francesco Orlando. Ed è anche un’occasione per registrare gli umori dei residenti.

Di chi è la colpa?

Scrive un utente: “Il problema resta lo stesso. L’incuria totale da parte delle amministrazioni. Una città pulita tende a rimanere tale (vi sono diversi esperimenti in tal senso). La nuova giunta non mi sembra che si stia discostando tanto dalla precedente. Abbandono della città. Nessuno spazzamento strade in maniera costante e giornaliera. Nessuna cura del verde. Nessuna cura delle strade. Continuo?”. Qualcun altro chiede tempo e pazienza, perché i problemi – dice – non possono essere risolti con la bacchetta magica. Colpa dei cittadini che buttano i rifiuti ovunque? Colpa di chi non provvede? Di sicuro, da questo momento in poi, non sarà più colpa di Leoluca Orlando. (Roberto Puglisi)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    La privatizzazione delle aziende comunali ha messo in crisi tutti i comuni d’Italia in particolare di quelli del sud dove non vie è una mentalità imprenditoriale e dove tutti i comuni riscontrano difficoltà nel trasferire il personale dove vi sono le criticità. Un Sindaco ho qualsiasi imprenditore deve avere personale capace, intuitivo, volenteroso che ama il proprio lavoro perchè utile alla comunità. Sicuramente alcune cose sono migliorate, dobbiamo considerare che siamo nel mese di agosto e sono 100 anni che in estate non fà un caldo così pesante da sopportare per i lavoratori e per tutti i cittadini. Alcuni cittadini purtroppo continuano ad abbandonare rifiuti organizzare una pulizia capillare non è facile ma ci vuole collaborazione e fiducia fra l’Amministrazione Pubblica e i cittadini virtuosi.

    State tranquilli che ci sarà sempre chi darà la colpa di tutto a Leoluca Orlando, intanto però godetevi il nuovo sindaco di centro-destra che avete votato.

    Orlando non è più sindaco,ma la colpa è sempre sua! Se per anni ha abbandonato la città,adesso non si può pretendere che il nuovo sindaco in una settimana risolva tutti i problemi

    Si infatti non è Hollando , ma molto peggio…. si ringrazia elettorato bavoso del 10%…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *