Palermo: si insedia la nuova giunta | Undici assessori, ecco i volti nuovi - Live Sicilia

Palermo: si insedia la nuova giunta | Undici assessori, ecco i volti nuovi

La presentazione della squadra. Cosa cambia.

Palazzo delle Aquile
di
19 Commenti Condividi

PALERMO – Si è insediata la nuova giunta del Comune di Palermo, dopo l’allargamento a 11 componenti deciso dal sindaco Leoluca Orlando. Agli otto assessori già esistenti si sono aggiunti i tre volti nuovi scelti da Orlando: Vincenzo Di Dio, Paolo Petralia e Sergio Marino. I tre nuovi assessori hanno giurato insieme con i colleghi in sala Giunta, a Palazzo delle Aquile, e ora, stanno incontrando la stampa. Queste le deleghe assegnate da Orlando ai tre nuovi assessori: a Vincenzo Di Dio Edlizia privata, Sue, Città storica-condono; a Paolo Petralia Politiche Giovanili, Sport, Innovazione, Rapporti funzionale con Sispi,Relazioni internazionali all’interno dei progetti strategici di competenza del Sindaco; a Sergio Marino Ville e giardini-verde-aree protette, Parchi, Riserve terrestri e marine e di interesse naturalistico, Rapporti funzionali con Reset, Rap e Srr. Queste le deleghe degli altri otto assessori: a Fabio Giambrone, che resta vicesindaco, Organizzazione, Personale, Polizia municipale, Coime, Cantiere, Decoro Urbano e Servizi demografici; a Giusto Catania Urbanistica, Ambiente, Mobilità e Rapporti funzionali con Amat; a Roberto D’Agostino Bilancio consolidato, Fondi comunitari, Tributi, Patrimonio, Beni confiscati e Cimiteri; ad Adham Darawsha Culture, Spazi museali ed espositivi, Toponomastica, Partecipazione democratica e Consulte; a Giovanna Marano Scuola, Lavoro, Parità di genere, Decentramento, Partecipazione istituzionale e Circoscrizioni; a Giuseppe Mattina Cittadinanza Solidale, Dignità dell’abitare, Edilizia residenziale pubblica e Rapporti con Iacp; a Leopoldo Piampiano Attività economiche, Mercati, Suap, Diritti degli animali, Sanità e Igiene; a Maria Prertigiacomo Rigenerazione urbana, Mare e coste, Lavori pubblici, Protezione civile, Sicurezza luoghi di lavoro, Manutenzione immobili comunali, Scuole e impianti sportivi, Rapporti funzionali con Amap e Amg Energia.

“Forse abbiamo fatto degli errori ma vorrei capire perchè la settima vasca della discarica di Bellolampo non vede ancora la luce. Noi stiamo pagando un dazio enorme rispetto a questi ritardi della Regione”. Ad affermarlo è stato il neo assessore ai Rapporti funzionali con Rap del Comune di Palermo, Sergio Marino. “La settima vasca non è un nostro problema – ha aggiunto Marino -, non lo è mai stato”.

“Non credo che il mio ruolo di presidente dell’Ordine degli ingegneri di Palermo possa essere un limite: si mette un tecnico in un posto ‘tecnico’”. Ad affermarlo è stato il neo assessore all’Edilizia privata del Comune di Palermo, Vincenzo Di Dio, in conferenza stampa a Palazzo delle Aquile. Di Dio, che è anche docente universitario, è stato scelto dal sindaco, Leoluca Orlando, dopo il passo indietro di Emilio Arcuri legato all’inchiesta ‘Giano bifronte’ che ha portato in arresto funzionari comunali, imprenditori e due consiglieri comunali. “I professionisti sono una risorsa per questo assessorato e lo saranno sempre di più con la mia presenza – ha aggiunto -. Ci saranno sempre di più sinergie di carattere squisitamente professionale tra l’assessorato e i professionisti, ognuno per i propri compiti e ruoli con correttezza e professionalità”. E a una domanda dei cronisti sulla gestione degli uffici dell’Edilizia privata, anche alla luce degli arresti di sabato che li hanno travolti, Di Dio ha aggiunto: “Sul piano della gestione non sono un forcaiolo per carattere. Lasciatemi arrivare in via Ausonia, è chiaro che mi aspetta un compito delicato e complicato, e dove ci sono compiti complicati si possono mettere in atto anche misure straordinarie. Il mio accordo con il sindaco va in questa direzione. Se mi sento più un ‘tecnico’ o più un ‘politico’? Non c’è alcun problema, mi sento molto politico se per ‘politico’ si intende il governo della ‘polis’. Legare il governo della ‘polis’ ai partiti, come ha detto il sindaco nei giorni scorsi, è un fatto archeologicamente distante”.

 

“Il sindaco risponde sempre di tutto quello che accade in città e risponde alla propria coscienza politica se ha rispettato il proprio programma e la propria visione: io li ho talmente rispettati che ho fatto sbattere la faccia al muro a chi cercava di speculare sugli interessi di questa città. Hanno sbattuto la faccia al muro e adesso dovranno spiegare ai magistrati se sono anche criminali”. Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, a margine della presentazione della nuova giunta a Palazzo delle Aquile, rispondendo alle opposizioni secondo cui il terremoto giudiziario negli uffici dell’Edilizia privata del Comune, con l’inchiesta ‘Giano bifronte’, sarebbe responsabilità politica del primo cittadino.

 

(DIRE)


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

19 Commenti Condividi

Commenti

    La sola ed unica cosa che cambia è che con i soldi dei contribuenti elettori palermitani si andranno a pagare gli allargamenti della nuova giunta poi per il resto non cambierà assolutamente nulla almeno sino alle prossime amministrative

    Che pena. Palermo ancora più in basso, ancora più presa dal vortice dell’immobilismo e del gattoparardismo orlandiano.

    Ma chi è Petralia? Alla Procura c’è un giudice che si chiama Petralia, è forse un parente? Che ha fatto nella vita per essere oggi nominato assessore? Orlando ha presentato il suo curriculum? Gli altri due li conosciamo. Uno per avere già fatto l’assessore e l’altro in quanto presidente dell’ordine degli ingegneri. Hanno comunque presentato un programma relativamente agli uffici e alle materie di cui diventano capi politici?

    Un caloroso augurio di buon lavoro alla nuova Giunta, sono sicuro che continuerete a lavorare per il bene dei cittadini palermitani così come è stato finora.

    U megghiu avi a spugna.

    Alle prossime elezioni tutti a DESTRAAAA

    Stasera alle 21:00 su Chewin-gum TV un programma di attualità:
    “Il Gattopardismo nel tempo del coronavirus!
    In studio Tomasi di Lampedusa e tanti ospiti d’eccezione.

    Non cambierà nulla ,sono tutti incompetenti.

    La gente vota come se andasse a fare una scampagnata alla Favorita. Questo è il risultato…

    Premesso che Di Dio è una persona per bene, resta il fatto che e’ un elettrotecnico “puro” (credo non sia ne’ ordinario ne’ associato a ingegneria ma solo un ricercatore confermato) che non si è mai cimentato nel mondo delle concessioni edili, delle sanatorie, dei piani urbanistici e relative norme di attuazione…mondo per lui totalmente sconosciuto. Mi sfugge allora il tipo di svolta che dovrebbe/potrebbe imprimere…temo invece il tipo di rischio che potrebbe incombere…
    Premesso che Marino è una persona per bene, resta il fatto che conosciamo già le sue caratteristiche decisionali nulle e le sue altrettanto nulle doti gestionali. Mi sfugge allora il tipo di svolta che dovrebbe/potrebbe imprimere….lui, per si e per no, ha già preso le distanze dal caos dei rifiuti ricordando che la VII vasca di bello lampo è responsabilità della Regione..
    L’unica nota di interesse, in relazione alle 3 new entry, è che non ci costano nulla di più visto che il totale dei corrispettivi per gli assessori rimane costante (i precedenti 8 assessori cioè guadagneranno qualcosa di meno).
    Forse varrebbe la pena chiuderla qua anziché un accanimento terapeutico sino al 2022….

    come no? dalla padella alla brace o, anche, l’ogghiu fitusu e a paredda sfunnata

    È il papà.

    Eccezzziunale veramente!!!Il miglior Sindaco degli ultimi SETTE ANNI!

    Specialmente quella che ancora non ha detto una parola sugli accadimenti al Comune!!!

    Stessa storia stesso film,the end

    Tutto cambia per non cambiare nulla. Aspettiamo l’ennesima riorganizzazione degli uffici creando ancor più confusione e al solo scopo di piazzare gli amici negli uffici giusti.

    Complimenti per la tua sottilissima ironia

    Una amministrazione a chiudere. Orlando è l’ombra di se stesso, non c’è slancio o volontà di dare svolte a questo scorcio di sindacatura. Non ci aspettiamo grandi svolte ma c’è da dire che ha avuto 30 anni per riformare la città ed invece c’è lo schifo che vediamo. Addio Orly.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *