Processo Montante, Crocetta: "Una croce che devo portare" - Live Sicilia

Processo Montante, Crocetta: “Una croce che devo portare”

L'ex governatore commenta il suo rinvio a giudizio
LA REAZIONE
di
4 Commenti Condividi

“Il processo? E’ una croce che debbo portare, ma sono sereno e tranquillo perché sono innocente e ho fiducia nella Giustizia”. Così l’ex presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta, commenta il suo rinvio a giudizio disposto dal Gup di Caltanissetta, assieme ad altri 12 imputati, nell’ambito dell’inchiesta bis sul cosiddetto ‘Sistema Montante’.

LEGGI ANCHE: Caltanissetta: Montante, Crocetta e gli imprenditori a giudizio

“Sembra una cronaca annunciata – sostiene l’ex governatore – in oltre tre anni di indagini non sono mai stato sentito dai magistrati, non hanno ascoltato le mie ragioni. Il processo sarà l’occasione per fare chiarezza. Nell’inchiesta non ci sono prove, ma soltanto dei ‘sentito dire’ del finanziamento illecito: la mia campagna elettorale per le Regionali in Sicilia è stata trasparente ed è tutta documentata. Io – aggiunge Crocetta – sono completamente estraneo alle accuse che mi contestano. Non esiste alcun reato, né tantomeno, il fantomatico e inesistente video hard. Io ho la coscienza a posto e la consapevolezza che un innocente non può essere condannato. Porterò questa croce con assoluta serenità”


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    La croce è nostra che possibilmente ancora paghiamo le scorte per questi personaggi

    Ha licenziato lavoratori precari del bacino ex pip e lui porta una croce????

    la croce l’abbiamo portata noi siciliani quando sei stato al governo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.