Quattro gatti contro la Ztl | La manifestazione è un flop - Live Sicilia

Quattro gatti contro la Ztl | La manifestazione è un flop

Presenti non più di cinquanta persone.

Palermo
di
30 Commenti Condividi

PALERMO- Si sono dati appuntamento alle 11 in punto per manifestare ancora una volta contro la zona a traffico limitato che, tra le altre cose, limita l’accesso in auto in via Roma. Circa 50 persone – non di più – guidate dall’avvocato Vincenzo Sparti di Forza del Popolo, stanno urlando a pieni polmoni il loro dissenso al provvedimento del sindaco Orlando che, dallo scorso 10 ottobre, ha istituito la prima Ztl cittadina.

Grandi assenti i firmatari del ricorso al TAR contro la Ztl, tra cui associazioni di categoria, Vivo Civile e Cobas, e anche i commercianti che hanno preso parte alla manifestazione dello scorso 25 ottobre. “Ci dissociamo da questo tipo di sit-in e non partecipiamo a questa protesta – spiegano Mangano e Sirchia, portavoce dei commercianti di via Roma -. Non accettiamo di essere coinvolti in una disputa che possa sfociare in atti illegali”.

Una manifestazione che, a detta degli organizzatori, è stata parzialmente boicottata dalle forze dell’ordine. “Conosco l’immobilismo di questa città e so che il popolo palermitano non è pronto a gesti eclatanti – racconta Sparti a Livesicilia -. Siamo stati parzialmente boicottati dalle forze dell’ordine. Il questore ha dato queste prescrizioni e questa cosa ha abbattuto il nucleo vero della protesta. La violazione in massa della Ztl sarebbe stata un’occasione di riflessione e di libertà che ci è stata vietata. Dobbiamo dunque rispettare la legge sia per ragioni professionali e personali, sia perché il cambiamento che vogliamo attuare in questa società malata deve essere pacifico e non violento nello spirito”.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
30 Commenti Condividi

Commenti

    Mi sa che i Palermitani hanno capito che con la ZTL si vive meglio

    Mi sa che questi signori, sia pur involontariamente, stanno facendo campagna elettorale per Orlando.
    Comunque vedo ancora molte auto in giro per il centro storico: i vigili multano o no?

    La ztl per avrebbe senso dovrebbe valere sempre, anche di notte

    Boicottati? Cara Spallitta, prendi la macchina e viola la ZTL. Nessuno te lo impedisce. O volevi la garanzia che non ti venga fatta la multa? E allora che protesta è? Ridicoli.

    Grandi!! complimenti!

    Questi volevano fare satyagraha colla targa degli altri

    ZTL o no a Palermo rimango sempre quelli che guidano da “cani”,tipo questa mattina la signora che con la sua autevutta bianca si è fatta prima la via Bari e dopo la via Napoli in contro mano per sbucare in via Roma (vietatissimo) :/

    E con questa direi che si può chiudere e concludere la questione ZTL. E’ ormai chiaro credo a molti che la ZTL è la giusta strada da percorrere. Il cambiamento è ormai cominciato, si può migliorare ma non fermare!

    Si fermerà tutto a primavera quando voteremo. Azzereremo chi ci governa e ripartiremo con una nuova amministrazione. Cero è solo una mia previsione che baso su diverse convinzioni e sulle condizioni in cui è ridotta la nostra città. Il tempo è galantuomo vedremo se ho ragione.

    Si alla Ztl.
    i palermitani vogliono piu’ ztl, piu’ aree pedonali, piu’ aria pulita, meno traffico, meno inquinamento, meno macchine.

    Tutti gli altri erano a compulsare la tastiera

    E così muore la protesta a matula di chi vuole posteggiare davanti, anzi, dentro al negozio dove vuole andare

    Ed ora che la situazione si è chiarita subito la chiusura del collegamento tram tra stazione centrale e Notarbartolo. Ma i bus extra-urbani devono rimanere alla stazione centrale.

    Mi sa che non hai capito che questa manifestazione non è stata organizzata x come si deve,che la passata manifestazione contro le Ztl ebbe successo.

    Il 99,99% dei cittadini palermitani sta dalla parte del Sindaco Leoluca Orlando, è questa l’unica ed incontrovertibile verità. E c’è ancora chi sostiene che non verrà rieletto…

    Ed essere estesa sin da subito e senza alcun indugio a tutta la città fino ai limiti del territorio comunale.

    Amico mio ma al resto della città quella fuori dalla ztl chi pensa?? lei si rende conto che questisignori al comando hanno spaccato la città?

    infatti oggi in viale lazio un tappeto di auto ma dove vive lei??

    Voglio Skrillex prossimo sindaco.

    Skrillex simpatico umorista!

    Se devi protestare devi farlo bene. In questo caso:
    Primo: oggetto della protesta la ZTL . La motivazione non è condivisa da tutti. Il centro storico è afflitto da mali più gravi che determinano il livello di abbrutimento della vita a Palermo.
    Secondo: Quanti effettivamente partecipano e chi.
    Terzo: non si fa disobbedienza civile “A gratis”. Bisogna mettere in conto di diventare martiri.
    Ammiro le persone che ancora vanno in piazza a protestare :è un Nostro diritto che dobbiamo difendere e sono felice che tali cittadini possano avere esercitato tale diritto.
    Occorre che si abbia una visione più larga del degrado della città e forse i cittadini a cui importa della presenza di prostituzione, sporcizia, munnizza, potrebbero dare vita ad una manifestazione più partecipata …. ma troppi, molti ci sguazzano dentro e quindi anche l’esito di tale manifestazione sarebbe scontato.

    Signor Fabio per successo le intende obbligare i negozianti ad aderire con minacce e violenza e distruggere cartelli stradali ?!

    Sig. Nino, anche se dovesse cambiare l’amministrazione con la nuova votazione a primavera, non credo che converebbe fermare la ztl, darebbero un segnale negativo facendo un passo indietro e non in avanti.

    Sig. Uccello, carissimo amico ognuno è libero di protestare e pensare liberamente come vuole, Palermo è una città grandissima e piena di problemi ma in questo caso stiamo parlando dell’argomento ztl e credo che molte persone sono a favore.

    A Paperopoli è perfetto.

    Signor Paolo lei intende democrazia quella di togliere il diritto di mobilità alla cittadinanza in gran parte della città? (tranne se si paga la tassa)

    Viva la Ztl 1! E speriamo non passi molto tempo prima che venga attivata anche la Ztl 2.

    Le Ztl sono un provvedimento giustissimo, ed era ora che fossero attivate anche a Palermo.

    Intanto aver raccolto 400 firme per esprimere la contrarietà alla Ztl , a fronte di 671.000 cittadini palermitani, è stato già di per sé un autentico fallimento. In secondo luogo, per spiegare questo ennesimo loro fallimento, i “contrari” non confondano le acque e non facciano bizantinismi, dicendo che “La violazione in massa della Ztl sarebbe stata un’occasione di riflessione e di libertà che ci è stata vietata”. La violazione della Ztl sarebbe stata solo un atto di vergognosa inciviltà che si sarebbe aggiunto a quelli già commessi durante la prima manifestazione. Ma questi che volevano? Che le autorità dessero il permesso a violare la Ztl?!? Assurdo.

    Non si arretri di un millimetro sulle Ztl. Si porti semmai avanti un dialogo propositivo. Per esempio i commercianti potrebbero chiedere meno tasse e affitti calmierati, nuovi arredi urbani, sistematici eventi culturali per aumentare l’attrattività della Ztl, servizi di sicurezza rafforzati, valorizzazione delle strade di collegamento tra via Roma e via Maqueda per sollecitare la gente a convergere sia nell’una che nell’altre. Cose così bisogna portare avanti e non l’assurda richiesta che si ritorni al caos di prima.

    400 ricorrenti sono in buon numero,nei ricorsi non partecipa mai la massa della gente, inoltre non fu molto pubblicizzato,quindi seguendo il suo ragionamento Orlando non puo’ fare il sindaco dato che non fu votato da una maggioranza assoluta.

    400 ricorsisti a fronte di 671.000 abitanti, equivale a meno di 3 ricorsisti in ipotetico comune di 5.000 abitanti. Si tratta dello 0,05% dell’intera cittadinanza. Un flop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.