Quindici teatri, un assessore | "La Regione sosterrà la rete" - Live Sicilia

Quindici teatri, un assessore | “La Regione sosterrà la rete”

Il teatro Donnafugata di Ibla durante lo spettacolo "I baci sono definitivi" di Pietrangelo Buttafuoco

Per un nuovo circuito di bellezza.

Intervista a Barbagallo
di
1 Commenti Condividi

“L’ottanta per certo del denaro che la regione dedica ai teatri si divide fra Catania e Palermo, il residuo venti per cento in tutto il resto della Sicilia. Direi che la rete dei piccoli teatri siciliani potrebbe eliminare questa sperequazione e offrire alla Sicilia un nuovo circuito di cultura, di turismo, di bellezza”.

Esordisce così Anthony Barbagallo, assessore regionale al turismo, quando gli si prospetta il rischio che i morsi della crisi rendano sempre più difficile la sopravvivenza di strutture gracili anche se tenacemente radicate nel territorio. Che Catania e Palermo siano i destinatari di quasi tutti i contributi dedicati ai teatri può anche essere un dato di fatto, una prassi consolidata, un riconoscimento quasi obbligato per due realtà metropolitane. Ma resta in piedi una domanda: e di tutti gli altri teatri che ne facciamo? “Alcune di queste saranno costrette a non poter svolgere una programmazione seria e conseguentemente a chiudere”, ammette Barbagallo.

Ma i piccoli teatri di Sicilia non ci stanno e nella riunione di pochi giorni fa a Enna hanno stilato il progetto di creare una “rete” che consenta di creare un cartellone itinerante e di trasformare le tante piccole realtà in un un grande “teatro stabile diffuso” in tutta l’Isola, da Marsala a Sambuca, da Ragusa a Noto fino a Caltanissetta e Petralia. Un progetto troppo ambizioso?

“L’idea di una rete di teatri siciliani è vincente”, taglia corto Barbagallo. “Unirebbe la cultura al turismo in un binomio già collaudato e in questo caso inscindibile. Uniti si può fare tanto, sono disposto ad intessere un tavolo di lavoro e parlare di questo progetto con le attenzioni che oggettivamente merita”

Se i buoni propositi non si disperderanno strada facendo, le piccole e medie realtà teatrali siciliane – se davvero riusciranno a organizzarsi in una rete – avrebbero sicuramente una voce ben più autorevole e potrebbero anche ambire a formare, con il loro pubblico e la loro forte tradizione culturale, un terzo polo rispetto a Catania e Palermo.

“Sono stato il primo assessore siciliano ad aver puntato sulla circuitazione più che sulla produzione”, sottolinea Barbagallo. “Quando mi si propone di far girare spettacoli, cultura e flussi turistici gli operatori mi trovano sempre d’accordo. Sono un uomo che vive in una piccola realtà, in una piccola città alle falde dell’Etna, e delle piccole realtà conosco potenzialità e limiti. Sono certo che questo progetto che nasce dai piccoli teatri, e quindi da piccole realtà, abbia grandissime potenzialità future. Il teatro è il fondamento della nostra cultura e i teatri minori, che di minore hanno davvero ben poco, sono il sunto della storia di ogni luogo dove sono ubicati. La Regione li rispetterà”.

 

 

 

 

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
1 Commenti Condividi

Commenti

    Certamente. Senz’altro. Come le altre numerose promesse!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *