"Lo scontro politico non è futile" | Prosciolti 4 militanti di sinistra - Live Sicilia

“Lo scontro politico non è futile” | Prosciolti 4 militanti di sinistra

La Corte di Cassazione

Il processo nasceva da una rissa fra esponenti di Anomalia e Casapound.

1 Commenti Condividi

Lo scontro di natura politica non è aggravato dai “motivi abbietti e futili”. Lo ha deciso la Cassazione. Quattro militanti del centro sociale Anomalia Palermo sono stati prosciolti per una aggressione ai danni di militanti di Casapound.

Nel 2011, dopo la contestata pubblicazione di un libro, i due gruppi arrivarono allo scontro fisico.  Ad avere la peggio gli esponenti neofascisti che presentarono una querela alla Digos.

Nel corso del processo di primo grado, i militanti di Casapound rimisero la querela, ma il Giudice pronunciò comunque una sentenza di condanna (quattro mesi con la sospensione condizionale della), perché, sebbene il reato fosse procedibile a querela, era aggravato dalla esistenza dei” motivi abbietti e futili” e come tale procedibile d’ufficio. In appello la Corte aumentò addirittura la pena, ritenendola troppo blanda.

I supremi giudici, accogliendo il ricorso dell’avvocato Giorgio Bisagna, sono giunti a conclusioni opposte. L’accertato movente politico, secondo la Cassazione, “confligge irrimediabilmente con l’aggravante dei motivi futili”.

Da qui l’annullamento con rinvio ad altra sezione della Corte di Appello di Palermo, che, pochi giorni fa, ha prosciolto gli imputati per l’insussistenza dell’aggravante contestata.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Brava la Cassazione e brava la Corte d’Appello di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *