Secchio d'urina contro un gay:| sono stati cinque ventenni - Live Sicilia

Secchio d’urina contro un gay:| sono stati cinque ventenni

"E' stata una bravata"
di
7 Commenti Condividi

La polizia ha identificato e denunciato i presunti autori dell’aggressione compiuta martedì sera ai danni di un omosessuale di 25 anni verso cui è stato lanciata l’urina contenuta in un secchio. Si tratta di 5 giovani, tutti ventenni, senza precedenti penali. Gli investigatori sono risaliti a loro grazie al numero di targa che la vittima era riuscita a prendere. I cinque hanno detto di aver fatto una bravata. Sono stati denunciati per violenza privata. La Procura sta valutando la possibilità di contestare l’aggravante della discriminazione sessuale.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Vergogna! Dovrebbero avere una pena esemplare

    So’ ragazzi…

    Cinque ventenni…mmmm…saprei io come punirli.
    PS: IO SONO GAY

    @piero fullone– so ragazzi? vergognati anche tu.. quando si tocca la discriminazioine sessuale o di razza o qualunque discriminazione, altro che ragazzi! sono belve ed evidentemente possono contare su chi li appoggia o minimizza

    Luca,
    anche io saprei come punirli…… e non sono gay.

    Piero,
    che dire? Speriamo che appena metti piede al nord Italia degli invasati leghisti facciano lo stesso a te e che altri amici invasati facciano il tuo stesso ragionamento: so’ ragazzi. Così forse sulla tua pelle capirai.

    Piero, Piero, sei sempre il solito, se non ci fossi bisognerebbe inventarti.

    Luca, sono curioso di sapere quale sarebbe la tua punizione (io, una idea, l’avrei). Giusto per farci due risate. Del resto, questi… “ragazzi… etersosessuali, bisessuali, asessuali, omofobi” se le saranno fatte a discapito dell'”omosessuale” che hanno bersagliato.
    Cara redazione, vi prego almeno voi, finiamola con queste etichette. Evitiamole! Pensiamo piuttosto al dolore, alla rabbia, all’umiliazione e all’orgoglio ferito di un essere umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.