Superbonus, l'allarme di Cna Palermo: "A rischio la tenuta delle imprese" - Live Sicilia

Superbonus, l’allarme di Cna Palermo: “A rischio la tenuta delle imprese”

L'associazione di categoria si pone fortemente critica nei confronti del Governo Nazionale
EDILIZIA
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Allarme della Cna Palermo sul tema del Superbonus. “Il rischio è altissimo: un pesante sconvolgimento per l’economia palermitana e siciliana con danni irrimediabili per l’intera filiera legata al settore dell’edilizia, compresi i progettisti, i tecnici, senza tralasciare i committenti. Il decreto approvato dal Consiglio dei ministri assesta un durissimo colpo al sistema di incentivazione per la riqualificazione e messa in sicurezza del patrimonio immobiliare privato”, si legge in una nota dell’associazione di categoria.

Cna Palermo si pone fortemente critica nei confronti del Governo Nazionale dopo la decisione, a sorpresa, di vietare, i bonus edilizi, la cessione del credito e lo sconto in fattura, oltre che la possibilità da parte degli enti locali di acquistare i crediti fiscali incagliati. “Con la nostra piattaforma ‘“’Riqualifichiamo l’Italia Cappotto Mio’ a Palermo – raccontano dalla Cna – abbiamo realizzato 194 cantieri con migliaia di posti di lavoro e circa 200 studi tecnici coinvolti. Questi sono numeri veri che in questi anni hanno alimentato economia reale e legale”.

“Questo decreto – dice Pippo Glorioso, segretario Cna della provincia di Palermo – è stato approvato ignorando qualsiasi confronto con il sistema delle imprese che da tempo sollecitano un tavolo per superare la fase di profonda incertezza intorno ai meccanismi dei bonus generata dalle continue modifiche normative. Una modalità che non è assolutamente accettabile. Il governo ha bloccato in poche ore i meccanismi fondamentali del superbonus fiscale e di tutti gli altri bonus edilizi, cioè lo sconto in fattura e la cessione del credito”.

La Cna è pronta a mobilitarsi contro una politica miope che di fatto interrompe anche il percorso virtuoso avviato, sia in termini di crescita del Pil che in termini di obiettivo legato alla transizione ecologica ma anche alla messa in sicurezza del patrimonio immobiliare.

“Il superbonus ha creato sviluppo e occupazione non può essere tolto all’improvviso – aggiunge Glorioso – le regole non possono cambiare da un giorno all’altro, questo crea profonda instabilità e incertezza per le imprese, i lavoratori e le famiglie. E’ una bomba sociale pronta ad esplodere dove ad avere la meglio possono essere solo le mafie e il malaffare”.

Da Palermo parte un urlo di dolore e un appello per il governo affinché si trovino le condizioni per mantenere questa misura e garantire livelli occupazionali. “Non esiteremo a fare sentire la nostra voce, – conclude Glorioso – in rappresentanza di una vasta platea di piccole imprese artigiane, le quali, con serietà e sacrificio, hanno investito in forza di una legge dello Stato che oggi, incomprensibilmente, diventa carta straccia”.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    Più sono asini e maggiori occasioni hanno per essere scelti a rappresentare il partito. Sono lontani anni luce dal capire l’economia e la finanza . Un suggerimento : andate a studiare e poi parlate a nome degli altri . Emilio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *