Truffa al Giglio di Cefalù| Sequestro da 20 milioni di euro - Live Sicilia

Truffa al Giglio di Cefalù| Sequestro da 20 milioni di euro

Le fiamme gialle hanno fatto scattare il sequestro per equivalente della società consortile Laboratorio di tecnologie oncologiche HSRGiglio di Cefalù, partner nel "Polo oncologico" della Fondazione Istituto San Raffaele Giglio di Cefalù. Il caso era già stato anticipato da Livesicilia due settimane fa.

l'inchiesta a palermo
di
4 Commenti Condividi

PALERMO –  Al fine di impedire l’aggravamento del reato ed il protrarsi delle sue conseguenze, sono stati sequestrati l’intero complesso aziendale e il capitale sociale, del valore di oltre 20 milioni di euro, che sono stati affidati ad un amministratore giudiziario. E’ stata inoltre “bloccata” l’erogazione, da parte del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, delle quote residuali di contributi concessi alla società (pari a circa 9 milioni), scongiurando lo sperpero di ulteriori risorse pubbliche. Lo dice la Guardia di Finanza riferendosi all’inchiesta, per truffa aggravata ai danni dello Stato e dell’Unione Europea e falso in atto pubblico, che riguarda il Laboratorio di tecnologie oncologiche (Lato) convenzionato con l’ospedale San Raffaele Giglio di Cefalu’. Nell’ambito dell’inchiesta lo scorso luglio, era stato disposto il sequestro per equivalente della societa’.

Nell’inchiesta sono coinvolti l’ex ministro Ferruccio Fazio (Legale rappresentante del Laboratorio dal 2005 al 2008), Antonio Emilio Scala (attuale Legale Rappresentante del Laboratorio) e Maria Cristina Messa (Responsabile dei progetti di ricerca e formazione), accusati di aver illecitamente percepito, attraverso la società Lato, ingenti contributi pubblici. Le indagini, avviate d’iniziativa dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e successivamente coordinate dalla Procura – dice la Gdf – di Palermo, si sono concentrate su 3 domande di finanziamento “pubblico” presentate, nell’ambito del Fondo Agevolazione Ricerca, dalla Lato di Cefalù. Il primo contributo ha per oggetto la ricerca di nuove tecnologie diagnostiche per la cura dei tumori e la formazione di ricercatori e tecnici di laboratorio da qualificare nello studio di tali tecnologie. Il secondo riguarda lo studio ed il trattamento dei tumori del seno mediante tecniche altamente innovative. Per il terzo progetto – concesso dal Miur per lo sviluppo di capacità diagnostiche e terapeutiche attraverso l’utilizzo di nuove tecnologie – nonostante la società abbia omesso di presentare la documentazione (sia di natura tecnico-scientifica sia di natura amministrativo-contabile) attestante la sua realizzazione, sono già stati erogati più di 7 milioni di euro. Relativamente ai primi due progetti, dagli accertamenti delle Fiamme Gialle è emerso che la società ha ottenuto i contributi pubblici attraverso la predisposizione e il successivo, sistematico utilizzo di documenti ideologicamente falsi.

Livesicilia aveva già anticipato l’inchiesta con un articolo del 26 luglio scorso.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    Ecco perché a mia nipote che lavora bene all’estero non hanno fatto vincere il concorsi. …!

    Ma quale concorso?? Le assunzioni avvenivano per chiamata diretta, vi ricordate la scorsa estate lo scandalo che riguardava le assunzioni direttamente od indirettamente riconducibili al famoso e bravissimo avvocato Polizzotto? Alcune di queste erano dirottare alla LATO tramite la ragioniera d”oro

    Dovrebbero anche indagare anche sul fatto che nell’ospedale lavorano soltanto dottori ragazzetti con poca esperienza e i professoroni non si cedono mai in giro per le corsie. Che fine hanno fatto??

    Ben sei anni fa hanno fatto dei colloqui a cui ha partecipato mia nipote…ma era tutto una farsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.