Università, pm chiede rinvio a giudizio per 45 imputati - Live Sicilia

Università, pm chiede rinvio a giudizio per 45 imputati

Il secondo troncone dell'inchiesta che due anni fa ha scatenato uno tsunami all'interno dell'ateneo catanese.
CONCORSOPOLI
di
1 Commenti Condividi

CATANIA – Le dichiarazioni spontanee rilasciate da alcuni degli imputati non hanno cambiato la linea della Procura di Catania. Si è conclusa ieri la requisitoria dei pm Marco Bisogni, Raffaela Vinciguerra e Santo Di Stefano che ha ribadito al gip la richiesta di rinvio a giudizio nei confronti dei 45 imputati nel secondo troncone ‘Università bandita’ sui presunti concorsi truccati nell’ateneo catanese. Tra i nomi “eccellenti”, oltre a docenti di alcune facoltà italiane, anche l’ex procuratore etneo Vincenzo D’Agata, una delle sue figlie (che è docente universitaria, ndr), il già sindaco di Catania Enzo Bianco e l’ex assessore comunale e professore Orazio Licandro. L’operazione è frutto di un’indagine della Digos della Questura di Catania – che coordinata dalla Procura di Carmelo Zuccaro e dall’aggiunto Agata Santonocito – ha portato a scoperchiare una sorta di sistema (secondo la ricostruzione dell’accusa) che sarebbe servito a “pilotare” l’andamento di alcuni concorsi accademici.

Il troncone principale

Paradigma accusatorio fermamente respinto da tutti gli imputati, compresi i dieci prof,  tra cui anche gli ex rettori Francesco Basile e Giacomo Pignataro, che stanno affrontando l’udienza preliminare davanti al gup Marina Rizza e sono accusati di ‘far parte di un’associazione a delinquere’ finalizzata proprio a mettere in campo il presunto “schema criminale”. Per la decisione sul rinvio a giudizio del troncone principale si dovrà attendere il 22 luglio: il gup dovrà decidere anche sulla richiesta di condanna a carico di Giancarlo Magnano Di San Lio, l’ex pro rettore, che ha optato per l’abbreviato. 

Il ‘maxi’ filone


Per il ‘maxi’, invece, sono state programmate cinque udienze per le arringhe difensive a partire dal prossimo 23 giugno fino al 24 settembre. 

I nomi dei 45

I nomi degli imputati del secondo troncone sono: Salvatore Cesare Amato, Pietro Baglioni, Laura Ballerini, Antonio Barone, Giovanni Barreca, Enzo Bianco, Antonio Biondi, Paolo Cavallari, Giovanni Cigliano, Umberto Cillo, Agostino Cortesi, Vera Maria Lucia D’Agata, Enzo D’Agata, Stefano De Franciscis, Francesco Di Raimondo, Marcello Angelo Alfredo Donati, Alessia Facineroso, Santi Fedele, Anna Garozzo, Sebastiano Angelo Alessandro Granata, Calogero Salvatore Guccio, Alfredo Guglielmi, Giampiero Leanza, Massimo Libra, Orazio Antonio Licandro, Luigi Mancini, Massimo Mattei, Paolo Mazzoleni, Maura Monduzzi, Marco Montorsi, Matteo Giovanni Negro, Ferdinando Nicoletti, Maria Caterina Paino, Giuseppe Maria Pappalardo, Pietro Pavone, Vincenzo Perciavalle, Giovanni Puglisi, Stefano Giovanni Puleo, Maria Alessandra Ragusa, Romilda Rizzo, Salvatore Saccone, Giovanni Schillaci, Luca Vanella, Giuseppe Vecchio, Giuseppina Lavecchia. 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    Spero che la magistratura non si faccia intimidire dai nomi altisonanti e se colpevoli mandarli in galera e dare così un segnale forte al popolo che non ne può più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.