Venturino: "Tardi per le Comunarie | M5s provato dalle firme false" - Live Sicilia

Venturino: “Tardi per le Comunarie | M5s provato dalle firme false”

Grillino "pentito", racconta in un libro il suo addio al Movimento.

Il vicepresidente dell'Ars
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – “Non credo ci sarà un grande successo dei 5 Stelle a Palermo, visto il loro coinvolgimento nello scandalo delle firme false, anzi, credo non presenteranno alcuna lista per rifarsi una sorta di verginità politica, siamo già a dicembre e francamente mi sembra tardi per le loro comunarie. In fondo, non candidare nessuno potrebbe anche essere una strategia per ribadire la propria diversità e purezza”. E’ lo scenario ipotizzato da Antonio Venturino, vice presidente vicario dell’Ars ed ex grillino a margine della presentazione a Palermo del libro “Misteri buffi” scritto da Concetto Prestifilippo ed edito da Ponte Sisto. “Non mi aspettavo questo scandalo delle firme false – aggiunge Venturino – ma non mi ha sorpreso, perché denuncia tutta la loro approssimazione e pressappochismo. Non ho nulla di personale contro i 5 stelle, ma sono interpreti di una commedia che non conoscono”. Venturino, che a più riprese si dichiara un ‘pentito’ grillino, aggiunge: “non era più un movimento per scardinare dei privilegi, ma era diventato un mezzo per accedere a quei privilegi”.


7 Commenti Condividi

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    La pagina nera per la storia della sicilia è l’ingresso della Lega nella giunta regionale, la pagina nera è dare ad un leghista l’assessorato alla Cultura. La lega è quel partito guidato da quel Salvini che nel 2012 a Milano Today dichiarò: “I siciliani non meritano l’euro”.
    E Samonà è quel giornalista che scrisse “Presente” dedicato al fascista Delle Chiaie quando morì. E samonà è quel giornalista che preferisce la canzone fascista Giovinezza (simbolo di un regime tirannico per gli italiani) alla canzone antifascista Bella Ciao (simbolo della Resistenza su cui è fondata la Democrazia, la Repubblica e la Costituzione Italiana).
    Fuori i leghisti dalla giunta regionale e dalla Sicilia!
    La Sicilia è antileghista!

    Solidarietà a Mattarella, Conte e alla Resistenza, bersaglio di commenti poco lusinghieri da parte di Samonà.
    L’Italia è antifascista, nata dalla Resistenza e fondata sulla Costituzione antifascista!
    Ne prendano atto Musumeci e Samonà!

    Le opposizioni nn hanno dove andare,lupo dimentica le assenze di crocetta e i 5 stelle quando al governo erano cn la lega

    Quindi se all’opposizione ci sono il pd e i 5 stelle si può polemizzare, accusare, sfiduciare, protestare anche al tempo del covid-19? quello che è sbagliato a Roma è giusto a Palermo?

    Cordaro vive su Facebook o nelle foto dietro Musumeci.

    Ma quannu travagghia?

    OH, OH, OH MUSUMICCI PERDE LE STAFFE!!! ALLORA E’ ALLA FRUTTA! AH, AH, AH!!!!

    Governo del nulla

    Se chi esprime il proprio dignitoso pensiero contro un partito dichiaratamente contro il sud che ha ottenuto un assessorato in Sicilia è un poveretto, sono orgoglioso di esserlo. Non voglio un assessore leghista , che si dichiara pure contrario con le sue dichiarazioni (vedi post pubblicati da una testata nazionale) ai principi della Repubblica democratica italiana ! Dove dobbiamo arrivare ?

    Forse oltre ai capi di gabinetto è necessario concedere anche qualche direttore al pci …

    Bisogna misurare le parole, sono d accordo con Cordaro. Poi non bisogna dimenticare che purtroppo anche i siciliani hanno votato la lega e di questo tutti gli altri partiti ne sono responsabili in parte.

    cari falliti di sinistra godetevi ancora per poco il governo nazionale poi di voi rimarra’solo un pessimo ricordo

    Musumeci è UNO SCERIFFO CON LA STELLA DI LATTA. INADEGUATO!!!

    Musumeci è un personaggio da operetta insieme alla sua giunta – non è più tempo dei politici che ci hanno funestato per decenni e decenni – abbiamo persino assessori palesemente borderline che vanno avanti con più mani di ducotone……

    Come giustamente è stato fatto notare da alcuni commentatori la sinistra, nella persona del ministro dei Beni Culturali Franceschini, ha invece considerato perfettamente normale affidare la direzione di alcuni dei più importanti musei e siti archeologici italiani, tra cui la Galleria degli Uffizi a Firenze, la Pinacoteca di Brera, il Parco Archeologico di Paestum, il Palazzo Ducale di Urbino e quello di Mantova, nonchè il Museo di Capodimonte a soggetti stranieri, per la maggior parte tedeschi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *