Via Roma come un autodromo| "Un pericolo per pedoni e ciclisti" - Live Sicilia

Via Roma come un autodromo| “Un pericolo per pedoni e ciclisti”

L'incidente in cui è rimasta ferita una ragazza in via Roma

L'ultimo caso ha visto una donna investita. Residenti e commercianti: "Attraversare è un'impresa".

PALERMO
di
8 Commenti Condividi

PALERMO – Un turista francese, una quarantenne che stava andando a prendere il figlio a scuola, un’anziana che stava tornando a casa dopo aver fatto la spesa. Sono soltanto alcuni dei pedoni travolti dalle auto, negli ultimi tempi, nella centralissima via Roma. Il 19 aprile l’ennesimo incidente: anche in questo caso ad avere la peggio è stata una donna, investita da un automobilista mentre stava attraversando la strada, all’altezza di via Bentivegna.

Per lei è stato necessario il trasporto in ospedale, proprio come per la studentessa colpita da un’auto di striscio, un pomeriggio di tre settimane fa, nei pressi di piazza San Domenico. “Questa strada è ormai pericolosa ad ogni ora per chi attraversa – dice il titolare di un negozio di abbigliamento -. Se un tempo era un tappeto di macchine, moto e mezzi pubblici, adesso è diventata una pista ad alta velocità”.

Per i pedoni, infatti, l’orario più rischioso era fino a poco tempo fa quello notturno, quando i negozi sono chiusi e il traffico si decongestiona. Oggi non è più così: “Con l’entrata in vigore della Ztl la strada è più libera e c’è chi preme sull’acceleratore sfiorando i cento chilometri orari anche in pieno giorno”. A dirlo è un pensionato che abita nei pressi del supermercato “Lidl”, vive lì da cinquant’anni. “Nel 2008 mio nipote è stato investito uscendo da casa mia – racconta -. L’incidente avvenne di notte, per fortuna non ci furono gravi conseguenze. Da allora prima di attraversare stiamo tutti più attenti, oggi più che mai qui le auto sfrecciano, come se fossimo in autostrada”.

Una via piena di insidie, “dove nessuno considera le strisce pedonali”, sbotta Daniela Gulì, che gestisce un b&b in via Divisi. “Ai miei ospiti consiglio sempre di attraversare la strada con cautela, per non parlare delle raccomandazioni a coloro che vogliono fare una passeggiata in bici. In quel caso le precauzioni non bastano mai”. Già, perché l’alta velocità nella strada che una volta era il fulcro dello shopping cittadino, non rende la vita facile a chi ama le due ruote. “Nell’orario in cui è attiva la Ztl – spiega Lorenzo D’Amato, residente in via Livorno – auto e moto se ne infischiano di ciclisti e pedoni e non rallentano neanche agli incroci. Io ho ancora la paura addosso, ho rischiato di essere colpito in pieno da una macchina all’altezza di via Zara mentre ero sulla mia mountan bike”.

E lo scorso marzo, un 51enne francese in visita a Palermo è finito in ospedale con codice rosso. E’ stato ricoverato con prognosi riservata, una triste replica dell’incidente avvenuto a fine novembre di fronte al Teatro Biondo, quando una donna è stata travolta da una moto. L’impatto si era rivelato molto violento, al punto da scaraventare l’anziana sull’asfalto e da farle perdere i sensi. “Chiediamo più sensibilità a chi si mette alla guida – concludono i residenti – chiediamo un esame di coscienza a coloro che al volante accelerano, parlano al cellulare, mandano messaggi. Non si guida con superficialità, ne va della vita di chi si incrocia lungo il proprio tragitto. E della propria”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

8 Commenti Condividi

Commenti

    CHE LA VIA ROMA È UN AUTODROMO È VERA VERITA’.
    DA IMPIEGATO IN UN ENTE NEL CENTRO STORICO, POSSO CONFERMARE CHE ATTRAVERSARE LA VIA ROMA LA MATTINA, NELLE ORE PRIMA CHE SCATTINO IL LIMITE DELLO 9 (LIMITE ZTL) È MOLTO RISCHIOSO, ANCHE PER UNO COME ME CHE SONO GIOVANE ED IN POSSESSO DI RIFLESSI. MI IMMAGINO IN CHE SITUAZIONE SI TROVINO ANZIANI, DONNE E BAMBINI. QUESTA È LA DIMOSTRAZIONE CHE IL SINDACO TRATTA I CITTADINI COME DEI VERI SUDDITI. NOI ABBIAMO UNA ZTL LA PIÙ GRANDE D’EUROPA, REALIZZATA PIÙ PER FARE CASSA CHE TUTELARE LA SALUTE. ALL’INTERNO DI QUESTA GRANDE AREA CI SONO STRADE COME VIA ROMA È TRATTO DI VIA MAQUEDA COME SE FOSSIMO IN UN VERO AUTIDROMO. POI MAGARI CON LO STESSO PRINCIPIO DI CASSA SI MONTANO IN VIA REGIONE SICILIANA GLI AUTOVELOX PER RIDURRE LA MELOCITA’ AL MINIMO CONSENTITO. PER POI MAGARI TOGLIERE I DISSUASORI DI VELOCITÀ DA VIA LIBERTÀ. SIAMO IN MATERIA DI ZTL, LIMITI DI VELOCITA’ ETC…. DI FRONTE AD UNO SQUILIBRIO AMMINISTRATIVO. IN FAMIGLIA GIÀ SANNO CHE SE MI DOVESSE SUCCEDERE QUALCOSA DI GRAVE NELL’ATTRAVERSARE DOVRANNO ESPORRE DENUNCIA E RICHIESTA DI DANNI ALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E CHIEDERE CONTO E RAGIONE AL SINDACO ORLANDO.

    “Chiediamo più sensibilità a chi si mette alla guida – concludono i residenti – chiediamo un esame di coscienza…”

    Cari residenti, Rudolph Giuliani non ha trasformato New York in una citta vivibile domandando sensibilità ai newyorkesi ma imponendo il rispetto delle regole.
    Capisco però che nell’assenza di un’amministrazione in grado di governare la città si può sperare solo nella sensibilità del prossimo. Ma lo si fa inutilmente.

    Le chiusure al traffico di tante strade hanno distrutto la viabilità di Palermo. Ora si iniziano a vedere le conseguenze.

    Non è solo la via Roma “autodromo”. E’ tutta Palermo e soprattutto i quartieri residenziali (Duca della Verdura, Libertà, Notarbartolo) città-autodromo!

    E perché la comoda via Notarbartolo, importante asse e snodo per immettersi lungo la via Regione Siciliana, non è stata trasformata, a causa del Tram, in una angusta e snervante conigliera?

    In effetti caro FILIPPO non hai torto, anzi !! Spesso mi chiedo in che razza di città viviamo e facciamo crescere i nostri figli! Un ambito abbandonato ed “usato” come dici tu solo per impinguare le casse comunali, ma con scelte da terzo mondo!

    @Roberta
    Esattissimo ed aggiungo che fra l’inutile, costoso e dannoso tram ed i vari cantieri aperti contemporaneamente (alcuni ormai da anni ), la città è in una morsa !!! Che schifo!

    Sono giornalmente in via Roma e posso dire che, come al solito, i palermitani fanno grosse sceneggiate.
    100 km orari in via Roma? Autodromo? Gente che vive con la paura addosso?
    Nessuno però chiede controlli serrati stradali, a tutti gli esercizi commerciali che, a quanto dice il comune, nel 90 per cento dei casi non pagano le tasse ed ogni altro tipo di controllo che possa portare legalità.
    In quel caso i Vigili fanno solo cassa.
    Vergognatevi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.