Accuse e indagini sulla 'trattativa' | Esposto, si muove la Cassazione - Live Sicilia

Accuse e indagini sulla ‘trattativa’ | Esposto, si muove la Cassazione

Denuncia del generale Mario Mori e il suo ex vice al Ros, Giuseppe De Donno. Nell'esposto, che risale a ottobre, i due ex ufficiali accusano i pm Vittorio Teresi, Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, che indagano sulla trattativa, di avere commesso illeciti.

Palermo
di
4 Commenti Condividi

PALERMO– Non si parla ancora di un procedimento disciplinare, ma la Procura generale della Cassazione, titolare dell’azione disciplinare nei confronti dei magistrati, si è già mossa. Chiedendo conto ai pm che conducono l’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia delle nuove indagini che riguardano il passato del generale Mario Mori nel Sid (Servizio Informazioni Difesa). Tutto comincia dalla denuncia che Mori e il suo ex vice al Ros, Giuseppe De Donno – entrambi sono imputati nel processo sulla trattativa – hanno inviato a una serie di autorità: dal presidente della Repubblica nella qualità di capo del Csm, alla procura di Caltanissetta, alla procura generale della Cassazione. Nell’esposto, che risale a ottobre, i due ex ufficiali lamentano che i pm Vittorio Teresi, Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, che indagano sulla trattativa, abbiano commesso illeciti delegando le nuove indagini sul passato del generale al Sid non a organi di polizia giudiziaria, bensì a un ufficiale specifico, il tenente colonnello Giraudo, esperto di inchieste sull’eversione nera che ha indagato anche sulla strage di piazza Fontana.

I due militari stigmatizzano che Giraudo non sia “inserito in organismi di polizia giudiziaria e non risulti rispondere a superiore gerarchico sulle attività svolte”. Nella denuncia si chiede di accertare inoltre se Giraudo sia stato retribuito per le attività di indagine svolte e si chiede al ministero della Giustizia di inviare gli ispettori per fare chiarezza sulla vicenda. Il pg della Cassazione non ha perso tempo e ha inviato al pg di Palermo – questa la trafila ordinaria in casi di accertamenti pre-disciplinari – di rispondere sul punto.

(Fonte ANSA)

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    È chiaro che Teresi Di Matteo et all non si fidano delle istituzioni e lavorano con mezzi e uomini propri! … La realtà a volte e’ più “complicata” della finzione , oppure il contrario!
    È ora di cambiare … I PM non possono essere indipendenti ma devono rispondere ad un organismo superiore, non solo per eventuali sanzioni disciplinari ma per la loro attività istituzionale! I PM lavorano su ipotesi su articoli di giornale su fantasie di pentiti inaffidabili, devono lavorare su fatti concreti o no? LA GIUSTIZIA E’ NEL CAOS PIÙ TOTALE !

    Accettansi scommesse sul tipo di risposta che fornirà il pg di Palermo: TUTTAPPOOOOSTO!!!
    Ma, d’altronde, non potrebbe fare diversamente, ora che è impegnato in prima persona nel parallelo processo d’appello: sarebbe come sconfessare ciò che è stato fatto in prima istanza.

    secondo me si sta cercando il pelo nell’uovo per screditare i magistrati. bisogna inoltre far presente che appunto sia Mori che De Donno dalle deposizioni sembrerebbero vicino all’estrema destra per questo i PM hanno affidato le indagini a un uomo che in passato si è occupato di eversione nera e che conosce quegli ambienti.

    vergogna infinita: giudici che indagano ufficiali dei carabinieri, ufficiali dei carabinieri che denunciano i giudici…ma in che razza di paese viviamo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *