Gli appalti all'aeroporto di Palermo | Dirigenti e imprenditori a processo - Live Sicilia

Gli appalti all’aeroporto di Palermo | Dirigenti e imprenditori a processo

In nove saranno a giudizio a partire dall'1 ottobre, tra questi l'ex direttore generale di Gesap Carmelo Scelta (nella foto)

L'inchiesta
di
4 Commenti Condividi

PALERMO – In nove finiscono sotto processo, ma davanti al giudice per l’udienza preliminare Marco Gaeta non regge l’ipotesi di associazione a delinquere. Reggono le ricostruzioni di alcune truffe, altre sono cadute, e di turbativa d’asta negli appalti all’aeroporto di Palermo. Assolto Dario Colombo (difeso dall’avvocato Giuseppe Oddo), ex amministratore delegato di Gesap, la società che gestisce l’aeroporto Falcone e Borsellino.

Il prossimo primo ottobre inizierà il processo in Tribunale per l’ex direttore generale Carmelo Scelta, per l’ex responsabile area Progettazione, Giuseppe Listro, per il professore universitario Giuseppe Giambanco, per gli gli imprenditori Stefano Flammini, Renato Chiavaroli, Sergio Gaudiano, Alessandro Mauro e Carlo Vernetti, e per il pilota Filippo Antonio Capuano.

Sotto l’amministrazione del vecchio management, la Gesap oggi è parte civile, sarebbero stati assegnati incarichi e consulenze in maniera diretta. Senza cioè bandire una gara pubblica. La parola d’ordine era “parcellizzare”. La legge prevede che se un progetto supera i 211 mila euro per affidarlo bisogna bandire una gara pubblica. Al di sotto di questa cifra può procedere con una trattativa negoziata, raccogliendo più offerte in modo da potere scegliere la più conveniente. Oppure, sotto la soglia dei 40 mila euro, si può procedere con un affidamento diretto.

È per questo che i progetti, così ricostruirono gli agenti della sezione Anticorruzione della squadra mobile, sarebbero stato spezzettati. Quello per l’ammodernamento della hall arrivi era stato diviso in 117 micro progetti per un costo complessivo di 11 milioni di euro. Quando il nuovo management di Gesap decise di azzerare tutto e ripartire da zero affidò il progetto ad un’unica società che presentò una fattura di appena 188 mila euro.

Il professore Giambanco, docente alla facoltà di Ingegneria di Palermo, è accusato di truffa perché avrebbe ottenuto consulenze da Gesap “nascondendo” all’Università di esercitare la libera professione. I legali di Scelta, gli avvocati Giovanni Di Benedetto, Enrico Sanseverino e Fabio Ferrara “prendono atto con soddisfazione del proscioglimento del loro assistito da tutte le ipotesi di truffa e dall’associazione a delinquere (resta in piedi l’ipotesi di turbativa d’asta ndr), fattispecie di reato quest’ultima utilizzata per svolgere intercettazioni per oltre cinque anni a carico di Scelta e che ha comportato il protrarsi di re mesi della custodia cautelare, rivelatasi sul punto oggi sine titolo”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

4 Commenti Condividi

Commenti

    …. e le tasse universitarie sono sempre più alte!!! questo è il risultato di una università politicizzata e schierata con sinnacollando (città liquida&melmosa del percolato e del degrado) e col PDP (PartitoDeiPerdenti) … !!!

    COMPITO DI MATEMATICA DELINQUENZIALE :
    Un consiglio di amministrazione, dovendo effettuare dei lavori edili all’aerostazione di Palermo, intitolata ai martiri Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, aguzzò l’ingegno e con l’aiuto di progettisti minacciati e compiacenti, impose loro di redigere tanti micro progetti il cui importo, sommato assieme, ammontava a ben euri 11.000.000,00 (Undicimilioni/00).
    Per fortuna intervennero forze dell’ordine e magistratura, che fecero fare a tutti qualche giorno di gattabuia, con l’esultanza, fuori luogo, di qualcuno di essi.
    Fu così nominato un nuovo consiglio di amministrazione il quale, fece eseguire i lavori ad un’altra impresa per l’importo di soli euri 188,000,00 (Centoottantottomila/00).
    Quanto aveva tentato di fott…. ooops, fregare il vecchio consiglio di amministrazione ?

    SVOLGIMENTO

    Importo dei lavori preventivato dalla banda Scelta & Co. . . . . euri 11.000.000,00
    Importo dei lavori realizzati dal nuovo management . . . . . . . euri 188.000,00
    —————–
    Importo che si volevano fotter.. ooops, Rubare . . . . euri 10.812.000,00

    E questo è solo quello che si è scoperto, chissà quante ruberie hanno preceduto quella sopra esposta.
    N.B. l’utilizzo della locuzione “EURI”, costituisce licenza poetica per sdrammatizzare l’odioso reato perpetrato nel luogo intitolato a Borsellino e Falcone

    Non ci posso credere

    Ma il processo si è affumato?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *