Bastona il dipendente romeno | È un consigliere e militante del Pd - Live Sicilia

Bastona il dipendente romeno | È un consigliere e militante del Pd

Rosario Dezio fa parte della segreteria cittadina Dem. Chi è l'imprenditore ai domiciliari.

VITTORIA (RAGUSA)
di
11 Commenti Condividi

VITTORIA (RAGUSA) – Una vita da militante in seno al Partito Democratico. Una fedeltà acclarata per i dem, tanto che nel 2016, quando la candidata Lisa Pisani non riuscì a “qualificarsi” neanche al ballottaggio per le Amministrative, fu costretto a prendere le distanze dai due competitor rimasti: Moscato, il sindaco attuale, e Aiello, per il quale “non farei mai un salto indietro e nel profondo buio”. Rosario Dezio, che ha sempre fatto “politica in modo serio e dignitoso, senza mai cambiare maglia e salire sul carro del vincitore”, da questa mattina è sottoposto a fermo per lesioni gravi e sequestro di persona. L’imprenditore agricolo 41enne, una vita in politica nonostante la giovane età, ha preso a bastonate un suo dipendente, rumeno, reo di aver sottratto dalla sua azienda una bombola del gas allo scopo di scaldarsi un po’.

Le accuse nei confronti di Dezio sono chiare e preoccupanti. Così come la scansione dei fatti e dei tempi da parte della Polizia: il consigliere avrebbe beccato il suo dipendente durante il furto in uno dei magazzini, in piena notte. Alle percosse e alle bastonate, è seguito qualche colpo di fucile sparato in area, allo scopo di terrorizzarlo e metterlo in fuga. Il giorno dopo, non contento, Dezio si presentava nel casolare in cui l’uomo aveva trovato riparo assieme a due connazionali: da lì riprendeva l’aggressione. Il lavoratore rumeno, stando al racconto della Squadra Mobile, è stato condotto all’interno di un garage, legato mani e piedi, appeso a una trave e torturato con un bastone in legno. L’uomo è stato segregato per un paio d’ore e ferito in varie parti del corpo (per una prognosi di 45 giorni). I due amici se la sono cavata con lesioni meno gravi.

Dezio ha ammesso il pestaggio e si trova ai domiciliari. La sua azienda agricola è stata in passato nel mirino delle forze dell’ordine per caporalato e sfruttamento di manodopera. Il comportamento del consigliere ha messo in imbarazzo il Pd locale, reduce da mesi difficili. Dezio, infatti, è subentrato lo scorso ottobre al consigliere Fabio Nicosia, indagato e travolto assieme al fratello ed ex sindaco Giuseppe dallo scandalo “Exit Poll”, in riferimento a un presunto scambio politico-mafioso con alcuni rappresentanti della Stidda: “Voglio adempiere al mio ruolo con tranquillità – dichiarava nel giorno del giuramento -, facendo un’opposizione costruttiva per il bene della città. Cercherò di essere propositivo e rispettare gli impegni presi con i miei elettori”.

Il consigliere-imprenditore, alle Amministrative del 2016, è risultato primo dei non eletti con la lista “Nuove idee”, collegata al Partito Democratico. Aveva portato a casa 235 preferenze. Lo stesso Dezio, nel dicembre 2017, è stato confermato dal coordinatore Scuderi all’interno della segreteria cittadina del PD, che per il momento – e in attesa di ulteriori indicazioni da parte della magistratura – ha deciso di trincerarsi nel silenzio. Anche il presidente del Consiglio comunale di Vittoria, Andrea Nicosia (lista civica “Se la ami la cambi”), sceglie di non commentare: “Ho appreso di questa vicenda, ma non avendo nulla di politico preferisco al momento non rilasciare dichiarazioni”.

Dezio era stato consigliere comunale anche nel corso delle due legislature Nicosia: dal 2006 al 2011 con i DS, nel quinquennio successivo con il Partito Democratico. Nell’ultimo periodo, e il suo profilo Facebook ne è testimone, non mancano le invettive contro l’Amministrazione di centro-destra: sia per la scarsa vicinanza ai produttori agricoli che per lo stato di degrado in cui versano il mercato della frutta (rappresentato come una discarica) e le strade del comune ipparino, spesso allagate e prive della necessaria manutenzione.

La nota del Pd di Vittoria

In merito a quanto riportato dalla stampa la segreteria sittadina del Partito Democratico di Vittoria dichiara: “Il Partito Democratico si dissocia da ogni forma di violenza pubblica o privata. Le gravi accuse riguardanti il Consigliere Dezio sono ancora oggetto di indagine e questa Segreteria non ha alcuna conoscenza diretta degli avvenimenti. Attendiamo fiduciosi il lavoro della magistratura. Ulteriori decisioni saranno oggetto di valutazione della Direzione del Partito”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

11 Commenti Condividi

Commenti

    Classico esempio di come si può predicare bene e razzolare malissimo

    E nessuno che pensi ai disperati degli sportelli multifunzionali!

    Sicuramente non gli voleva dare il voto al PD.

    Un notizia sconvolgente, i cattivi in Italia sono sempre stati quelli del Centro-Destra ed in particolare di Forza Italia, mentre tutti quelli che militano a sinistra sono da sempre angioletti buoni e timorati di Dio. Ma siete sicuri che questa notizia sia vera?…..

    Questi del PD hanno la rabbia per la perdita delle elezioni il prossimo 4 marzo 2018.
    Se la prendono con la povera gente. E poi dicono che sono solo quelli di Destra definiti Fascisti e Razzisti.

    VORREI SENTIRE PURE LA VERSIONE DELL’IMPRENDITORE COMUNQUE….

    Abbiamo perso il senso dell’umanità.

    è una pecora nera del pd?

    Le cautele della segreteria del pd sono a dir poco eccessive. Il vostro consigliere ha ammesso gli addebiti. Ancora garantisti???? Adesso potete pure promuoverlo a segretario cittadino

    Il suo commento è un eccellente esempio di qualunquismo. Chi “se la prendono” è stato uno con evidenti problemi relazionali che si è comportato in maniera spregevole, potrebbe capitare anche a lei.

    No, solo una mela marcia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.