Ars, le spese dei gruppi| Al setaccio nuovi conti correnti - Live Sicilia

Ars, le spese dei gruppi| Al setaccio nuovi conti correnti

Le indagini sulle spese dei gruppi parlamentari si estendono ad alcuni rapporti bancari finora non presi in considerazione. La Procura ha affidato ai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria il compito di acquisire la documentazione.

L'INCHIESTA
di
7 Commenti Condividi

PALERMO – Ci sono nuovi conti correnti da spulciare. Le indagini sulle spese dei gruppi parlamentari si estendono ad alcuni rapporti bancari finora non presi in considerazione. La Procura ha affidato ai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria il compito di acquisire la documentazione.

A ciascun gruppo parlamentare della legislatura appena conclusa risulta intestato più di un conto. Due a testa per Pdl, Mpa, Fli, Gruppo Misto, Udc e Pid. Pd e Grande Sud ne hanno tre. C’è da dire che nel 2010 Banca Nuova è subentrata al Banco di Sicilia nel servizio di tesoreria regionale. Il numero dei conti potrebbe essere giustificato da questo passaggio. In ogni caso è giunta l’ora di verificare i movimenti dei vecchi conti correnti ormai chiusi, ma le cui tracce restano all’anagrafe tributaria. In altre circostanze, ad esempio in casa Pd, l’apertura di un terzo conto vincolato è motivato dalla scelta di farvi confluire i soldi per i Tfr dei dipendenti.

C’è, dunque, da rimboccarsi le maniche fra cifre (molte) e pezze d’appoggio (poche).  Qualche anomalia è già saltata fuori dal lavoro degli investigatori, coordinati dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci e dai sostituti Sergio Demontis e Maurizio Agnello. I soldi di un gruppo ad esempio sarebbero transitati su un conto personale. Un residuo di otto mila euro scovato tra le pieghe del passaggio da un gruppo a un altro. Per cosa sono stati spesi e perché sono finiti sul conto personale?

Molti invece, i prelievi in contanti. Uno, due, tre giorni di fila. Due, tre, quattro mila euro alla volta. Fino a raggiungere, in un caso, la cifra record di 50 mila euro. Ed ancora: politici in viaggio con mogli e fidanzate al seguito. Insomma, il lavoro non manca.

 


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Vabbè che sono tante stè spese, magari gonfiate, ma . . . spesse proprio no!

    Banca Nuova. Chissá se qualche magistrato e quanti politici hanno … Vabbé, non voglio insinuare niente.
    Ma Banca Nuova, quella di Maiolini? Strani intrecci.

    Un consiglio : a nessuno degli uscenti facciano assumere incarichi di alcun tipo ne come assessori ne di altro in assemblea , con cio’ Crocetta stia pure lontano da Cardinale Genovese e Lumia se ha intenzione di governare la Regione con trasparenza e correttezza.
    In caso contrario e’ possibile che si torni al voto ancor prima degli ipotizzati due anni.

    Dina assessore ma ve ne rendete conto ? Vergogna

    Sarebbe meglio per i rappresentanti dei vecchi partiti che collaborino con le forze dell’ordine preposte al controllo dei conti, almeno per evitare una altra figura di cocò.

    Ai capigruppi uscenti, per evitare al nuovo governo situazioni imbarazzanti, non darei nessun incarico istituzionale e li lascerei semplici deputati.

    salve.ci serebbe solo una cosa da fare è cioè passare a setaccio partito dopo partito è di conseguenza politico dopo politico, insomma sguinsagliare la guardia di finanza per controllare minuziosamente tutti iloro beni a partire almeno dall’ultimo ventennio sicuramente ne uscirebbero delle belle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.