Asu e Regolamento edilizio, chiarimenti della Regione dopo le richieste Asael - Live Sicilia

Asu e Regolamento edilizio, chiarimenti della Regione dopo le richieste Asael

L'associazione degli amministratori aveva chiesto l'integrazione oraria e come operare rispetto al regolamento sulle costruzioni private
COMUNI
di
0 Commenti Condividi

PALERMO – Dalla Regione due notizie che interessano il mondo dei Comuni e in particolare su Asu e Regolamento edilizio tipo. A diramarle è l’Asael, Associazione siciliana amministratori enti locali che ha sollecitato gli uffici regionali per ottenere chiarimenti e indicazioni.

Quanto agli Asu negli scorsi giorni l’Assessorato alle politiche del Lavoro ha diramato una circolare che spiega come verranno utilizzare le risorse per l’integrazione oraria stabilita con la legge sulle variazioni di bilancio pubblicata in Gazzetta il 13 agosto scorso. Con la nota, inviata agli enti attuatori delle attività socialmente utili, la Regione chiedeva di fare arrivare le richieste di integrazione oraria per i soggetti. Inoltre il dipartimento ha specificato che l’integrazione ha la funzione di portare tutti i lavoratori a 16 ore non potendo superare questo limite orario. Infine, l’ultimo indirizzo: l’integrazione vale fino al 31 dicembre 2022.

Altro tema riguarda invece la proroga dei termini per l’adozione da parte dei comuni del Regolamento edilizio dopo la pubblicazione del “Regolamento edilizio unico” in Gazzetta ufficiale. Stando alla norma regionale entro 120 giorni i Comuni devono adottare un proprio regolamento, stante che viceversa vale quello regionale. Per adeguarsi c’è tempo quindi fino al 30 settembre.

L’Asael chiedeva così una proroga a fine anno per dare più tempo alle amministrazioni locali. Per il dipartimento all’urbanistica dell’assessorato del Territorio e dell’Ambiente il termine non si può prorogare perché sarebbe necessaria una legge. Ciononostante, gli uffici ritengono che “il termine non sia perentorio”. Accadrà così che le previsioni del regolamento edilizio unico regionale si applicheranno a tutti i Comuni fin quando essi non si doteranno di uno strumento normativo sulle costruzioni più aggiornato.

Soddisfazione per i chiarimenti sui temi da parte dell’Asael. “Siamo felici – commenta il presidente Matteo Cocchiara – sia per il fatto che si sia attivato il percorso di integrazione oraria per i lavoratori Asu che per il fatto che dalla Regione provengano parole chiare sulla possibilità per gli Enti locali di esercitare la loro potestà normativa su una materia delicata come quella delle costruzioni private”.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

0 Commenti Condividi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *