Bagheria, le rapine della banda del flex: scatta un arresto - Live Sicilia

Bagheria, le rapine della banda del flex: scatta un arresto

Un 39enne avrebbe partecipato a uno dei colpi
NEL PALERMITANO
di
1 Commenti Condividi

I carabinieri della compagnia di Bagheria hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un 39enne accusato di avere partecipato ad un colpo ad un distributore di benzina aprendo la cassaforte del self service con un flex. Il provvedimento è stato emesso del gip del tribunale di Termini Imerese su richiesta della procura che ha coordinato le indagini.

La ricostruzione del colpo

La vicenda risale allo scorso 24 novembre, quando tre giovani aggredirono il custode di un distributore di carburante sulla strada statale 121, al confine tra i comuni di Ciminna e Mezzojuso, per portare via il denaro presente nella cassa automatica dell’impianto self service. Dopo averlo minacciato e picchiato i tre avrebbero costretto con la forza il custode ad aprire la cassa automatica forzando con un flex la cassaforte presente nel punto vendita. Il bottino era stato di circa 8 mila euro. In questi ultimi mesi sono stati diversi i colpi della banda del flex a Palermo e in provincia. Sono in corso indagini dei carabinieri di Bagheria e della Compagnia di Piazza Verdi per risalire ai due complici e stabilire se i tre del commando siano responsabili di altri colpi compiuti nelle scorse settimane.

CONTINUA A LEGGERE SU LIVESICILIA


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

1 Commenti Condividi

Commenti

    penso che queste cose non si dovrebbero fare, ma se il governo regionale si occupasse di creare posti di lavoro penso che molte cose del genere non accadrebbero. ma purtroppo i nostri politici vedono le risorse pubbliche come una tavola bandita x il magna magna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.