Caccia, il 'pasticcio' del calendario | Adesso si lamentano tutti - Live Sicilia

Caccia, il ‘pasticcio’ del calendario | Adesso si lamentano tutti

L'ordinanza del Tar e le polemiche. Parlano ambientalisti e cacciatori.

La polemica
di
9 Commenti Condividi

PALERMO– Le opinioni appaiono quasi unanimi, animalisti e cacciatori criticano il calendario venatorio 2018-2019 emanato ad agosto dall’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera e accolgono la decisione del Tar, che ha disposto la sospensione della stagione venatoria in Sicilia sino all’1 ottobre.

“Partiamo da questo presupposto in Sicilia i problemi della caccia si sono sempre manifestati – cosi Ennio Bonfanti referente del Wwf Sicilia- qualunque sondaggio si direbbe favorevole all’abolizione della caccia, ma, posto che la caccia è consentita e non volendo fare retorica, bisogna avere buon senso, dare ascolto alle prescrizioni dell’Ispra (l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale, ndr) e non fregarsene o prescinderne quasi del tutto. Come disse a suo tempo il Presidente della Regione, Nello Musumeci, ‘io sono ambientalista’ e allora non ci spieghiamo l’approvazione. Ripeto il buon senso è necessario”.

Dello stesso punto di vista Nino Provenza di Lega Italiana Protezione Uccelli – Sicilia (Lipu): “Il calendario era uno dei peggiori approvati negli ultimi anni. Ci dispiace ricorrere alla giustizia ma è necessario muoversi in questo senso. Quest’ordinanza è la vittoria della legalità”.

“Si è detto che l’approvazione di questo calendario venatorio fosse per i cacciatori. Invece non ci risulta, non è stato un calendario per i cacciatori – cosi il presidente regionale dell’Arci Caccia Francesco Delia – più che prevedibile che le associazioni ambientaliste si adoperassero per contrastarlo, ed oggi cosa abbiamo ottenuto? un calendario che sarà fatto dal Tar, ciò avrà ripercussioni anche nei prossimi anni”.

Il Presidente dell’Enalcaccia, Lamberto Cardia: “Sopra le parti sostengo a gran voce che bisogna conoscere il territorio per monitorarlo e gestirlo al meglio. La Sicilia è una regione particolare è necessario comprendere che di alcune specie i tempi migratori sono differenti rispetto ad altre parti del paese. noi cacciatori abbiamo tutto l’interesse a tutelare l’ambiente, checché se ne dica”.

Nonostante le aspre e ricorrenti polemiche tra ambientalistianimalisti e cacciatori su un punto sembrano concordare: il calendario venatorio previsto per questa stagione di caccia è in contrasto con il parere dell’Ispra. Tutti auspicano che il governo regionale lavori insieme alle associazioni per assicurare una corretta gestione della fauna. Dall’assessorato regionale all’Agricoltura, intanto, fanno sapere che l’assessore Edy Bandiera ha firmato il decreto per adeguare il calendario all’ordinanza del Tar.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
9 Commenti Condividi

Commenti

    Ma di cosa si può discutere con gli ambientalisti che sono contrari pure allo scafazzamento degli scarrafoni?
    Non hanno la minima idea della caccia ma la osteggiano a prescindere.
    Se dovessero emanare un calendario venatorio dal 1° ottobre al 2 novembre lo impugnerebbero.
    Tempo perso parlare con loro.

    bandiera si dovrebbe dimettere un incompetente totale

    Perché la caccia al coniglio e’ stata sospesa per tutta la stagione venatoria? Non mi sembra che l’ I.S.P.R.A si sia espressa in questo senso e neanche la sentenza del T.A.R. impone questo vincolo.Chiediamo chiarezza su questo provvedimento assurdo dell’assessore. Grazie

    Le associazioni tutte , ambientaliste in primis, dovrebbero osservare i video girati un tantino più a sud, in Egitto, Marocco… Laddove reti alte decine di metri fanno stragi di milioni di uccelli….un solo pensiero per le diatribe di cui sopra: BUFFONI!

    ma scusa in che mondo vivi,se sei uno che ha il porto d’armi,”non ti definisco un cacciatore”perche’esserlo veramente e’cosa difficile,sapresti sicuramente che da anni e in particolar modo in questo i conigli sono scomparsi per le epidemie che li colpiscono e quindi un cacciatore serio dovrebbe essere il primo a non cacciare i pochi rimasti.

    No alla caccia lo dico da critico verso le associazioni ambientaliste.

    vogliamo i soldi versati, con gli interessi sono soldi sudati.
    non vogliamo essere presi x i fondelli

    ANNO VENATORIO 2018-19
    VOGLIAMO I SOLDI INDIETRO. NON VOGLIAMO ESSERE PRESE X I FONDELLI
    DOMANDA: QUANTI SONO I CACCIATORI IN SICILIA?
    QUANDO INCASSA LA REG. SICILIA?
    CHE FINE FANNO QUESTI SOLDI?
    GLI ANIMALISTI E AMBIENTALISTI ECC. PERCHE’ NON FANNO VOLONTARIATO NEI BOSCHI
    PER L’INCENDIO ?
    IL CACCIATORE E’ UN GUARDIANO !!!!!!!!

    Io mi sento di essere un drogato per la caccia al coniglio selvatico. Ho il porto d’armi da45 anni e’ penso di essere una persona esperiente in materia. (la data dell’ apertura della caccia al coniglio selvatico deve essere dal 15/08 al 30/11, perche’ voi ammintratori non sapete il danno che si fa dal 30 novembre al 15 dicembre.voi non sapete quando un coniglio va in calore ,documentatevi, ma con i cacciatori con molta esperienza. (Io sono siciliano)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *