Caltanissetta, deceduta durante intervento chirurgico: 14 indagati

Caltanissetta, deceduta durante intervento chirurgico: 14 indagati

Domani l'autopsia sul corpo della donna morta
LE INDAGINI
di
0 Commenti Condividi

CALTANISSETTA – Sono 14 gli indagati – nove medici e cinque infermieri dell’ospedale Sant’Elia – per la morte di Antonella Geraldi, la 53enne nissena deceduta durante un intervento chirurgico. L’iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto. Domani alle 14.30 sul suo corpo sarà eseguita l’autopsia, così come disposto dal pm Dario Bonanno. La denuncia era stata presentata dai familiari di Antonella Geraldi, morta il 6 gennaio scorso.

Il fatto

La donna era arrivata il giorno prima all’ospedale in preda a forti dolori addominali. Dopo essere stata sottoposta ad accertamenti era stata eseguita una prima tac e una radiografia all’addome e successivamente era stata ricoverata in Chirurgia. I medici, secondo il racconto dei familiari, avevano comunicato che sarebbe stata operata il 5 pomeriggio ma ciò non sarebbe avvenuto. La cinquantatreeenne è stata sottoposta a intervento chirurgico l’indomani pomeriggio. Durante l’operazione all’addome si sarebbero verificate delle complicanze e la paziente è deceduta.

I familiari chiedono verità sul decesso

Il marito, assistito dagli avvocati Giuseppe Panepinto e Massimo Dell’Utri, e i figli assistiti dagli avvocati Salvatore e Antonino Falzone, chiedono di fare luce sul decesso. I legali dei due figli nomineranno due consulenti medici legali di parte per assistere all’autopsia. Gli avvocati della difesa tra cui Dino Milazzo e Michele Micalizzi nomineranno a loro volta propri consulenti.


0 Commenti Condividi

Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

Commenti

    Non ci sono parole adeguate.
    Condoglianze alla Famiglia
    Accedere al sistema sanitario pubblicoin questa epoca è un vero incubo.
    Spero che si faccia chiarezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *