Carini, malore fatale dopo la partita | Nino è morto dopo 6 giorni di agonia - Live Sicilia

Carini, malore fatale dopo la partita | Nino è morto dopo 6 giorni di agonia

E' deceduto stanotte dopo avere lottato per quasi una settimana tra la vita e la morte. Antonino Cucuzza, 15 anni, aveva perso conoscenza dopo una partita di calcetto improvvisata in una ex pista di pattinaggio a Carini. I suoi compagni hanno raccontato che era caduto a terra dopo uno scontro con un altro giocatore.

PALERMO - OSPEDALE VILLA SOFIA
di
7 Commenti Condividi

PALERMO –  Le speranze erano già appese ad un filo. E si sono spente nel cuore della notte, quando le sue condizioni sono precipitate. Antonino Cucuzza, il quindicenne ricoverato all’ospedale di Villa Sofia sei giorni fa dopo uno scontro avvenuto durante una partita di calcetto a Carini, è morto stanotte. Parenti ed amici gli sono stati vicino credendo fino all’ultimo in un miracolo: speravano che “Nino”, come tutti lo chiamavano, si risvegliasse. Volevano ancora una volta vedere il suo sorriso. Ma quel malore dopo la partita con gli amici si era rivelato molto più che un infortunio.

Il corpo di Antonino, nel pomeriggio del 25 aprile era rimasto immobile in mezzo al campetto, una pista di pattinaggio dismessa nell’area industriale di Carini. I suoi compagni, i sei giovani con cui stava giocando, avevano cercato di soccorrerlo, ma non dava segni di vita: la testata con un altro giocatore l’aveva scaraventato a terra, facendogli perdere conoscenza e rendendo necessario l’intervento dei sanitari del 118. Tutto è successo in un istante, per concludersi poi in tragedia: Antonino era infatti stato ricoverato prima al Trauma center, perché le sue condizioni erano gravissime. In coma farmacologico, non avrebbe dato alcuni segnali di ripresa, fino al decesso delle scorse ore.

“Nino sei nei nostri cuori non ti abbandoneremo mai per nessun motivo al mondo – scrivevano i suoi amici in un gruppo su Facebook dedicato al ragazzo -. Sarò sempre vicino a te, fino a quando non ti riprenderai del tutto, perché tu sei forte e ce la farai a riprenderti. Presto ti voglio molto bene”. E invece quelle preghiere non sono bastate. Il trauma cranico riportato dal quindicenne in seguito all’impatto si è rivelato gravissimo, e i medici non hanno potuto fare nient’altro per strapparlo alla morte.

Negli ultimi giorni i compagni di scuola e gli amici di Carini di Antonino avevano affollato la saletta nei pressi della stanza in cui si trovava il giovane studente. “Ci siamo organizzati per andare tutti lì – racconta Salvatore – e per fare coraggio a lui e alla sua famiglia. Eravamo in costante contatto per aggiornarci sulle sue condizioni di salute, ma le ultime notizie che ci sono arrivate dall’ospedale ci hanno distrutto. Antonino era un ragazzo pieno di vita, sempre molto disponibile, generoso. Ci manca già da quando è successo tutto, non ci diamo pace”. “Sì, ci ha provato. Ha lottato tra la vita e la morte per tutti questi giorni, Antonino era forte – dice Silvia -, ma adesso la sua famiglia ha bisogno di tutta la forza ed il coraggio possibile per affrontare questo momento”.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

7 Commenti Condividi

Commenti

    Troppe morti assurde. Che Dio ti accolga fra le sue braccia.

    Povero ragazzo. Condoglianze alla famiglia.

    che tristezza, mi dispiace leggere di tragedie simili.

    Che i genitori possano , al più presto, trovare la forza di andare avanti.Mi associo al dolore dei familiari.

    Mi dispiace moltissimo nn e giusto morire .

    mi associo ai familiari di questo ragazzo li capisco hanno un dolore immeso perche sono padre con un figlio di eta uguale.sono di carini non e giusto morire per l indifferenza di alcune persone che abitavano nei palazzi circostanti e che hanno visto quel ragazzo mgrave vergogna gente senza anima questo ragazzo voleva giocare al calcio ma vi rendete conto che siamo animali non abbiamo rispetto ne anche per i nostri giovani so che parlo alle nuvole ,ma il comune bhoo ,se vedi che questa struttura non va bene chiudi ,tanto abbiamo il castello ,questa e CARINI o carini moderna per salvaguardare i nostri figli siamo nel 2014 no nel 1550 ai tempi della baronessa . mi sono sfogato

    Mi manchi ontonino non smettero Mai di dirlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.