Catania fermato dall'Andria | Reti bianche al "Massimino" - Live Sicilia

Catania fermato dall’Andria | Reti bianche al “Massimino”

Etnei per nulla concreti nell'ultima gara dell'anno: solo un punto prima della sosta.

calcio - lega pro
di
5 Commenti Condividi

CATANIA – Il Catania fallisce l’appuntamento con i tre punti, archiviando con una sonora delusione il 2016. I rossazzurri sbattono contro il muro della Fidelis Andria, sbagliando anche un rigore e non sfruttando la superiorità numerica nell’ultima mezzora. Eppure mister Rigoli aveva schierato una formazione offensiva, proponendo contemporaneamente Russotto, Barisic ed il rientrante Di Grazia ed affidando la maglia da titolare, in mezzo alla difesa, al debuttante Mbodj.

Pronti via, ed i padroni di casa potrebbero sbloccare il risultato ma Russotto cincischia troppo dopo aver superato anche il portiere avversario mentre Poluzzi si salva, poi, sul perentorio colpo di testa proprio di Mbodj abile a svettare sul cross dalla bandierina. Il primo tempo scorre via senza particolari sussulti ma, ad inizio ripresa, il Catania pigia sull’acceleratore mentre gli ospiti mirano alle ripartenze. I ragazzi di Rigoli, tuttavia, sono poco lucidi dal centrocampo in su ma al quarto d’ora Di Grazia viene spinto in area: il mediocre arbitro Marchetti di Ostia Lido non può esimersi dall’indicare il dischetto ma Mazzarani tira troppo centralmente esaltando il riflesso di Poluzzi che neutralizza il penalty.

I rossazzurri non mollano e poco dopo Russotto costringe al fallo da ultimo uomo Aya che guadagna anzitempo la via degli spogliatoi lasciando l’Andria in 10 uomini. Rigoli inserisce man mano Piermarteri, Anastasi e Paolucci ma le “ammucchiate” in area ospite non producono il gol-vittoria più volte fallito anche per imprecisione degli attaccanti etnei e per quel pizzico di sfortuna che, in casi del genere, non manca mai. Adesso arriva la sosta e, soprattutto, il calciomercato di riparazione che dovrà, giocoforza, conferire linfa vitale alla formazione rossazzurra se si vogliono concretamente coltivare sogni di gloria.

TABELLINO

CATANIA – FIDELIS ANDRIA 0-0

CATANIA (4-3-3) – Pisseri, Di Cecco, Mbodj, Bergamelli (k), Djordjevic, Bucolo (dal 42° s.t. Paolucci), Scoppa, Mazzarani (dal 37° s.t. Anastasi), Russotto, Barisic, Di Grazia (dal 21° s.t. Piermarteri). A disposizione: Martinez, De Rossi, De Santis, Longo, Parisi, Manneh, Silva, Calil, Graziano. Allenatore: Pino Rigoli.

FIDELIS ANDRIA (3-5-2) – Poluzzi, Aya (k), Rada, Colella, Tartaglia, Matera, Piccinni, Minicucci (dal 16° s.t. Berardino), Tito, Cianci, Volpicelli (dal 26° s.t. Curcio). A disposizione: Pop, Cilli, Imbriola, Allegrini, Masiero, Paolillo, Mancino, Fall, Starita. Allenatore: Giancarlo Favarin.

Arbitro: Matteo Marchetti della sezione AIA di Ostia Lido. Assistenti:  Tiziano Notarangelo di Cassino e Veronica Vettorel di Latina.

Ammoniti: Bergamelli (CT); Cianci (FA); Scoppa (CT). Espulso: Aya (FA) al 67′

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

5 Commenti Condividi

Commenti

    Scusate, devo partire, però prima ditemi chi fici u Gadania?

    L’ANNO STA PER FINIRE E MI AUGURO STIA PER FINIRE ANCHE IL PERIODO RIGOLI AL CATANIA.

    Ma che dici? Per Turi e una immensità di tifosi catanesi avete il miglior allenatore della serie C che tutti vi invidiano!

    Ma com’è che Alfio, Santo, Turi, Nello, Agatino e paolo non commentano MAI un articolo su una memorabile partita di cacciogadania? Almeno Vulcano Etna lo fa solo quando vince e per raccomandare a se stesso di non occuparsi degli altri (non ci nomina per deferenza). Gli altri scienziati, alcuni usando un linguaggio da troglodita, un altro da colto professore, timbrano il cartellino solo per augurarsi che il Palermo scenda in serie B, venendo a sentenziare sugli articoli rosanero per sparare le loro sentenze, su Prestia, su Zamparini, ecc. ecc. ecc. Eppure a gadania avete una bella compagnia teatrale con il duo puvvirendi/lomonaco……ne avreste di commenti da fare, eppure….l’ossessione rosanero vi sovrasta la vita…………Che soggetti!! Tale squadra, tali “tifosi”: vergognoso.

    Meritavamo ampiamente la vittoria. Noi siamo Calcio Catania. E ho detto tutto!!!
    Un ringraziamento va soprattutto alla nostra dirigenza, al nostro Presidente e al nostro Direttore che tra mille difficoltà stanno facendo di tutto per riportare in alto i nostri ineguagliabili colori rossoazzurri. E questo è un avvertimento per tutti. Buon 2017 alla nostra squadra che certamente centrerà la sacrosanta promozione in serie B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.