Quando Martelli parlava - Live Sicilia

Quando Martelli parlava

Claudio Martelli ora ha i capelli bianchi. Nel suo libro racconta tutta la storia di quando aveva i capelli neri.

La memoria
di
2 Commenti Condividi

Quando Giampaolo Pansa mitragliava dalle righe del Bestiario. Quando Giuliano Ferrara – su Repubblica – era Cicciopotamo socialista islamico. Quando Bettino era Ghino di Tacco, Giuliano Amato un ‘craxino’ e Giusi La Ganga ‘Falstaff’. Quando la puzza di un presunto spinello piombò nella cronaca da Malindi. Quando un ministro ebbe le palle di chiamare Falcone a Roma. Quando Mario Chiesa era presidente del Pio Albergo Trivulzio. Quando Antonio Di Pietro ammanettò Mario Chiesa. Quando Craxi, in Parlamento, trovò il coraggio disperato di compiere il discorso più onesto e difficile da digerire di tanti anni di menzogne…

Quando tutti questi ‘quando’ ruggivano, mordevano, strillavano nella vita pubblica italiana, Claudio Martelli era ancora una grande promessa. Bobo Vittorio Craxi, figlio di Craxi senior, così descrisse nel 2006 il celebre connubio, in un libro con Francesco Borgonovo: “Mio padre e Claudio somigliavano ai Beatles. John e Paul della nostra epoca”. Oggi ‘Claudio’ è soprattutto uno scrittore. E’ rimasto un uomo dal pensiero acuto. E ha scritto un libro, presentato anche a Palermo, dal titolo a programma: “Ricordati di vivere” (Bompiani, 608 pagine, 19,50 euro). Nella copertina, Martelli conserva la chioma nera del passato. Dal vivo è un signore con i capelli bianchi, un profilo di vetro soffiato. E dal vivo l’hanno rivisto i suoi vecchi compagni nel simposio della Fonderia Oretea alla Cala. Primo commento di una signora attempata: “Mi che è fatto vecchio!”.

Ma questo libro non è un avvitamento carpiato sulla nota della nostalgia. Piuttosto si configura in forma di acrobazia non riuscita. Anzi, volontariamente fallita. Con la lucidità di ammettere che i conti non tornano. Con lo stomaco di urlare che non tornano per nessuno, perché, in fondo, niente si è salvato. E infatti, Piero Violante – nel dibattito governato con garbo da Manlio Orobello – va dritto alla ferita: “Perché il Psi non sfondò?”. Mistero doloroso. Punto di contraddizione ineludibile di tanta storia in chiaroscuro. Furono “i giudici in maniche di camicia”? Ma di più: “un partito con una democrazia interna bassissima. Un partito che talvolta mancò gli appuntamenti per colpa di Craxi”. Ed è doppiamente dolorosissimo rievocare il padre nobile, scomparso in esilio, padre in senso tecnico del bene e del male declinati tra i petali del Garofano. Bettino che aveva conosciuto i fasti del potere e che morì da esiliato, solo come un cane, nella tomba a cielo aperto di Hammamet.

Dunque, i socialisti. Dunque il giovane Guardasigilli socialista che – lo ricorda giustamente Giuseppe Ayala – ebbe l’intuizione di chiamare a Roma Falcone, sulla tolda di comando degli Affari penali. E lo convocò, parole di Ayala: “quando Falcone era bastonato, prima della sua morte, prima che ci fosse l’iscrizione al club postumo dei falconiani. Quando Falcone fu delegittimato – incalza Ayala – pure dalle parole dell’attuale sindaco di Palermo, con le accuse sulle carte nei cassetti della Procura”. “Un Falcone ingabbiato – Ayala c’era ed è ancora comprensibilmente arrabbiatissimo – ‘venduto ai socialisti’, secondo il Pci”. Martelli lo volle con sé nella Capitale per “costruire la casa dell’antimafia dalle fondamenta”. Memoria cocente che fa soffrire, “perché – rammenta Nino Buttitta, preparando il terreno all’autore – la memoria è il senso della realtà che abbiamo vissuto”.

E come era? Claudio Martelli prova a dirlo, nel suo libro e alla platea che lo ascolta con un palese sentimento della venerazione: “Io sono uno che ha avuto tutto e che ha perduto tutto. E’ l’esperienza umana più istruttiva. Mani Pulite fu una gigantesca operazione di polizia giudiziaria. Un complotto? I pareri sono tanti. E’ come se avessero tolto la serie A al campionato di calcio, lasciando le serie inferiori, scatenando la caccia al politico. La corruzione c’era, tuttavia durava da cinquant’anni e non se n’era mai accorto nessuno”. Che parrebbe affermazione risibile sui sentieri luminosi del politicamente corretto, già meno scandalosa, addentrandosi per certi vicoli e certe stanze, nella penombra dei poteri.

E c’è da chiedersi se il nitore discusso della visione di Martelli sarebbe una buona ricetta pragmatica, o è solo dottrina del sogno incompleto, del rammendo strappato, incapace di reggere davvero. Lui, Claudio, mostra di crederci e di rassegnarsi allo stesso modo. Ora lo vedono con i capelli bianchi. Vecchio della vecchiaia che è la bellezza e la condanna di tutte le promesse mancate.

Articoli Correlati


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

2 Commenti Condividi

Commenti

    Un gigante se lo paragonate ai nani di oggi

    Buona la metafora del campionato di serie A: le inchieste della magistratura decapitarono la classe politica degli anni Ottanta (salvando solo i post comunisti), aprendo la strada ad un imprenditore spregiudicato che ha calamitato per un ventennio i voti dei moderati senza una ideologia, senza una strategia, senza una cultura politica, circondandosi di personaggi squallidi e insulsi (idioti utili e inutili come si autodefiniscono). Dall’altro lato della barricata una sinistra imbelle, autoreferenziale, autolesionistica, sedicente progressista, ma in realtà votata alla conservazione, ingabbiata in un inconcludente antiberlusconismo che ha finito solo per rafforzare il ruolo centrale del nemico. Adesso ci troviamo governati da uomini e donne caratterizzati da una incompetenza pari solo all’arroganza, proiettati nell’attività politica da dinamiche che nulla hanno a che fare col consenso conquistato sul campo, in una situazione economica drammatica, aggravata dalle politiche recessive imposte dalla finanza internazionale che ha occupato militarmente le istituzioni europee.
    Se è vero che la classe politica della Prima Repubblica, accumulando il debito pubblico che oggi ci strangola, ha sperperato negli anni dal 1975 al 1992 il patrimonio di credibilità e lo slancio ideale che aveva portato l’Italia a risorgere dalle ceneri della guerra, è altrettanto vero che la politica è morta con Tangentopoli e i partiti sono ormai contenitori fungibili senza alcun ancoraggio alla società. Adesso godiamoci Crocetta e la sua scalcinata compagnia di pseudotecnici e di burocrati riciclati che straparlano di legalità, calpestando ogni giorno norme e buon senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *