Consulenze, ultimi botti - Live Sicilia

Consulenze, ultimi botti

Le nomine
di
46 Commenti Condividi

La giostra delle consulenze non si ferma nemmeno per le feste. Anzi, come si trattasse di “botti di fine anno”, nell’ultima settimana del 2011, sul sito della Regione siciliana ecco spuntare una dozzina di incarichi di collaborazione, a volte ben remunerati. A fare la parte del leone, come spesso accade, è il presidente della Regione Raffale Lombardo che, dopo aver sfondato “quota ottanta” con la nomina, a metà dicembre, di Umberto Vattani, ha aggiunto altri cinque contratti per esterni a circa duemila euro al mese.

Ma non è da meno l’assessore all’agricoltura Elio D’Antrassi. Per quindici giorni di lavoro per il periodico patinato “Terrà” (pagato con i soldi stanziati per lo sviluppo rurale), sono stati spesi circa 20 mila euro per collaborazioni varie. E non solo. Tra i consulenti, al Turismo stavolta, spicca anche Massimo Grillo, ex deputato nazionale, regionale, e assessore agli Enti locali e alla Sanità. Ce n’è per tutti i gusti. Per i nomi, le cifre e i curricula, quindi, è proprio il caso di andare con ordine.

Gli uomini (e le donne) del presidente
Come dicevamo, il presidente Lombardo ha assegnato solo nell’ultima settimana cinque nuovi incarichi di consulenza. Per Angela Fundarò 54 anni e una laurea in lingue e letterature straniere, duemila euro al mese per dieci mesi (quindi oltre ventimila euro complessivi) dal 9 dicembre 2011 al 31 ottobre del 2012 per “Attività di informazione e recepimento delle istanze dei Comitati di Base presenti nei territori interessati dagli eventi alluvionali; raccordo tra l’Ufficio Commissariale ed i diversi Soggetti Attuatori degli interventi; coordinamento dei rapporti con gli organi d’informazione circa le attività poste in essere dal Commissario Delegato”. Un incarico rinnovato, per la verità, visto che era stato ricoperto dalla stessa Fundarò dal gennaio all’ottobre di quest’anno. Per lei, poi, un curriculum che parla di diversi incarichi di collaborazione esterna negli anni passati. Spiccano proprio quelli per il presidente Lombardo, che chiamò la Fundarò nel suo gabinetto fin dall’insediamento da governatore (esperienza che durò però pochi mesi), per poi richiamarla successivamente come consulente sempre alla Presidenza per le attività della Protezione civile. La consulente, poi, tra le altre cose, nel 2010 fu anche incaricata dall’allora assessore ai Beni Culturali Gaetano Armao di collaborare al “found raising” per le celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia.

Anche per gli altri quattro consulenti del presidente, il corrispettivo è molto simile. Duemila euro al mese peroltre dieci mesi infatti anche per due architetti: Felice Zaccone e Dario Maria Rocco La Fauci. Per loro una consulenza in “Architettura, progettazione di opere pubbliche ed edilizia residenziale”. Immaginiamo (ma non è specificato sul sito ufficiale della Regione) che questi interventi riguardino le zone alluvionate del Messinese, visto che Zaccone ha già costruito a Giampilieri, mentre La Fauci è nativo di Saponara. Un altro consulente per le zone del Messinese, è una vecchia conoscenza. Il 23enne Francesco Micali, studente di giurisprudenza, nel suo vecchio curriculum, legato a una precedente consulenza, aveva elencato, tra le sue esperienze lavorative, quella di “Pianobar per serate e organista per matrimoni su richiesta”. Precisazione sparita, oggi, dal curriculum. Così come sono scomparsi i riferimenti alle attività di animatore ed educatore svolte “all’oratorio Salesiano “Don Bosco” di Messina nonché di organista presso la parrocchia “S.Nicolò” di Giampilieri”. Micali è stato inoltre “membro della Corale polifonica “S.Nicolò” di Giampilieri, che da 30 anni promuove la diffusione della musica polifonica sacra e profana, ricevendo lusinghieri apprezzamenti e importanti riconoscimenti a livello nazionale”. Tutto questo nel curriculum non c’è più. Per evitare “strumentali polemiche”, immaginiamo. Ma la consulenza continua. Il primo contratto infatti risale al marzo del 2010. Ed è stato più volte rinnovato. L’ultimo è di 1.846 euro mensili fino all’ottobre del 2012.
Stesso “stipendio” per Gabriele Amato. Nemmeno lui ha una laurea, ma un diploma di perito. Si occuperà di “Innovazione tecnologica, coordinamento del sistema informatico, gestione banche dati e rete informatica”. E fanno 85 in questa legislatura.Tutti gli uomini del presidente.

I consulenti di Terrà
Visto il periodo, ecco un’altra “cinquina”. Calata stavolta dall’assessore all’agricoltura Elio D’Antrassi. Ma l’agricoltura c’entra solo indirettamente. I soldi questa volta sono stati “elargiti” a consulenti chiamati a occuparsi della rivista “Terrà”. Un bimestrale “patinato” che nel primo numero ha annoverato una intervista “folk” al presidente Raffaele Lombardo. Il giornale, a detta del dirigente generale Salvatore Barbagallo, costerà alla Regione circa 270 mila euro per i primi sei numeri. Una cifra ricavata dal Piano di sviluppo rurale. Soldi europei, insomma, destinati all’agricoltura. Resta da capire se in quella cifra sono compresi i compensi pubblicati in questi giorni. Si tratta di cinque giornalisti. Per loro, un impegno lavorativo che va dai 20 e i 25 giorni. E un compenso che oscilla, invece, tra i duemila e cinquemila euro. Nel dettaglio, il piatto più ricco ad Annalisa Ricciardi e Adriana Mannino: 5 mila euro. Poco meno toccherà ad Antonella Lombardi: 4.936 euro. Duemila euro per Calogero La Rocca e Adriana Falsone. La collaborazione si esaurisce oggi. Ma in alcuni casi è stata pubblicata appena quattro giorni fa. Del resto, i tempi erano davvero stretti.

Consulenti gratuiti e nomi noti
Per la verità, tra i consulenti nominati negli ultimi sette giorni, ce n’è anche uno a titolo gratuito. Laura Leonardis è stata incaricata, fino al maggio 2012, di occuparsi di “Individuazione di misure di innovazione e sviluppo che consentano ai giovani di trasformare le loro progettualità in occasione di occupazione anche attraverso linee di finanziamento comunitario”. L’incarico è arrivato dall’assessore al Lavoro Andrea Piraino. Che nel frattempo, però, ha lasciato il governo.

A chiudere l’infornata natalizia, due incarichi conferiti a chi conosce assai bene la macchina amministrativa o quella politica. Per Giada Li Calzi, già componente dell’ufficio di gabinetto dell’assessore alla Salute Massimo Russo, ecco una consulenza da 6.197 euro per tre mesi di lavoro. L’incarico infatti avrà inizio con l’anno nuovo e terminerà a fine marzo. Dovrà occuparsi di “Problematiche connesse all’attività di interesse dell’Assessorato (Progettazione: animazione, supporto e coordinamento per la partecipazione a bandi e fonti di finanziamento; Ricerca: raccordo delle attività progettuali già attivate e da attivare; Fondi Europei: supporto all’attuazione della programmazione del PO FESR e attività di internazionalizzazione)”.

Per Massimo Grillo, invece, duemila euro per un incarico che va dal 23 dicembre 2011 al 22 gennaio 2012. Ma per lui, una storia politica assai intensa. Giovanissimo (a soli 23 anni) entra all’Ars da deputato regionale. Negli anni ricopre il ruolo di assessore agli Enti locali (in quella veste spinge per l’approvazione della legge che sancisce l’elezione diretta dei sindaci e dei presidenti delle Province), al Commercio e alla Sanità. Nel 2006 entra in aperto conflitto con Totò Cuffaro, e solleva, proprio riguardo alla candidatura di Cuffaro a presidente della Regione, la “questione morale” all’interno dell’Udc. Dopo esser transitato dal Pdl , all’inizio del 2011 è passato a Fli. Per lui, una consulenza all’assessorato al Turismo con l’incarico di promuovere la provincia di Trapani. Per un mese. Feste comprese.


Le nostre top news in tempo reale su Telegram: mafia, politica, inchieste giudiziarie e rivelazioni esclusive. Segui il nostro canale
UNISCITI


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI
46 Commenti Condividi

Commenti

    Presidente Lombardo …. Giada Li Calzi consulente per l’Assessore Russo alla Sanità contratto di 6500 Euro per tre mesi , lavoratore della Società Dusmann preso l’Ospedale Cervello addetto alle pulizie 500 Euro al mese … ma le sembra giusto , come devo fare per andare avanti , lei regala le consulenze e noi qui in ospedale moriamo di fame …. Viva l’Italia.

    ancora l’esercizio provvisorio non è stato pubblicato è già se ne vedono gli unici effetti voluti, con incarichi dati anche oltre i tre mesi di esercizio, e quindi in palese violazione di legge, così come le consulenze date a non laureati. a questo si somma la riconferma dei direttori fideisti e specializzati in risse o sistemazione di familiari e affini, ed ancora all’Ars non si rendono conto che è giunto il momento di staccargli la spina, e stanno li come cani randagi in attesa di un osso da spolpare. si sta uccidendo la speranza in questa terra.

    io dico solo che con Massimo Grillo la Regione puo’ solo arricchirsi di fede ed onesta’ , sicuramente la Regione Sicilia con questo nome sicuramente si da solo una ripulita , quindi ci guadagna in immagine , bisogna solo ringraziare . Massimo Grillo.

    Alcuni consulenti, si e no, sanno appena leggere e scrivere, e qualche volta neanche quello. Però sono “comprensivi” e riconoscenti.

    Sarebbe interessante monitorare il “percorso” che fanno le copie stampate della rivista Terrà: finiscono in gran parte sulle scrivanie degli stessi dipendenti regionali che, non sapendo cosa farne, le buttano direttamente.
    Ora, considerando che la raccolta differenziata è attiva solo per una minima percentuale presso gli uffici (basterebbe dare un’occhiata a quello che c’è davanti i cassonetti posti nelle vicinanze degli stessi, per rendersene conto), potremmo ben dire che simili “iniziative divulgative-culturali” rappresentano l’apoteosi dello spreco in salsa regionale.

    che questo governo con tutti i suoi consiglieri sia in maggioranza che all’opposizione fa schifo non vi è dubbio e lombardo e il capo dott. puglisi anche se mi censura il commento non cambio idea come la stragande maggioranza dei siciliani.

    Lui puo’tutto!!!!!

    ……….arraffaè, m….ia, ma non se ne può più,con quale coraggio rappresentate il popolo di sicilia.
    appello, staccate la spina, vi prego, altrimenti la prossima volta voteremo per bossi.
    …………..singolare che la presunta maggioranza e la presunta opposizione sulle consulenze non aprono bocca.
    sembrano dei soldatini ascari!!!!

    di questi consulenti ci terrei anche a conoscere i risultati del loro lavoro. Sul sito di mamma Regione, oltre al curriculum, dovrebbero postare anche una bella relazione di fine lavori. Chissà cosa fa il nostro amico organista di Giampilieri per guadagnarsi lo stipendio di mamma Regione. Suonerà il suo strumento nella piazzetta del paese per la gioia dei paesani……a 2000 euro al mese?
    Ma quanto mi fa inkkazzare tutto ciò..grrrrrrr

    @enzo 1: non hai ancora chiaro che solo un’azione giudiziaria ( con tutte le incognite del caso….)può impedire il protrarsi di tali abusi? se aspettiamo che i capponi collaborino alla preparazione del natale, stiamo freschi…………..si è visto con l’esercizio provvisorio…………

    Ecco chi sono gli alleati dei signori Lumia e Cracolici.

    SIAMO IN UN SISTEMA FEUDALE,i politici,meglio politicanti,sono i principi e i loro amici piazzati negli enti pubblici sono i vassalli,che ne cantano le lodi.Se il SUPERPRINCIPE cambia, i più astuti cercano di riciclarsi e diventano baciapile del nuovo.Non rappresentano i prodotti doc della casta, ma i loro sottoprodotti.Cambia la musica quando si tratta di enti con capitoli di spesa interessanti, o di direzioni regionali.In questi casi, vengono scelti personaggi di altro spessore di rapporto,che se pur non avendo ruoli politici,invadono tutti i settori pubblici,come ad es. le società partecipate-Il distema ha creato la demeritocrazia,tanto che i cervelli vanno all’estero,ma la cosa più grave è che frena l’arrivo delle eccellenze dall’estero.Così in tutta l’italia ,accomunando in maniera trasversale tutti i politicanti.Prima della rivoluzione ,in francia sul piano sociale, nobiltà ,clero ed i vassalli di turno godevano di numerosi privilegi,erano esentati dal pagamento di molte imposte e potevano accedere a tutte le cariche pubbliche di maggior prestigio,La storia si ripete.

    @menallo, pensi che io non abbia chiaro che purtroppo solo la via giudiziaria potrebbe porre fine a questa vergogna? ma se già la magistratura contabile non interviene pur avendo tutte le carte, che ti aspetti dalla magistratura ordinaria? derubricazioni, archiviazioni e non luogo a procedere, e fino ad ora è stato così. del resto con Vietti (udc) a capo del csm, la pletora di magistrati e prefetti in giunta e tra i consulenti, tutti si lamentano che il Governo Monti è la sospensione della democrazia, e questo di Lombardo cos’è se non la morte della democrazia?

    W la censura. Simpatie in gioco?

    E’ ora di scendere in piazza !!!

    ALMEKO LA FAMIGLIA LI CALZI POTRÀ COMPRARSI LO CHAMPAGNE STASERA … A SPESE DELLA MIA ADDIZIONALE REGIONALE! ALLA SALUTE!!!!!

    La responsabilità morale è del PD (PDL senza la L) che permette tutto questo.

    A man without scruples

    Solo BAZZECOLE!

    Rispetto alle CONSULENZE e alle CONVENZIONI d’ORO che i Managers di Russo “elargiscono” nella Sanità, a “parenti, amici e collaterali-compari di merenda”.

    UNA CONSULENZA NELLA SANITà,
    dove stanno i soldi pubblici(70%),
    vale (da sola) tutte queste
    …BAZZECOLE di piccole-consulenze!

    leggo a fianco dei titoli un intervento di Pippo Russo di IDV che critica il doppio compenso deglia assessori. Mi trova d’accordo, però mi stupisce che fa canno sulle doppie pensioni dei parlamentari regionale e nazionali, tra cui rientra il sig. Leoluca Orlando Cascio.

    “che NON fa cenno”

    Vergognati Lombardo stai massacrando tutti i siciliani onesti. Traditore!

    visto che alla regione ci sono tutti questi consulenti , perchè non cominciare a mandare a casa i dipendenti regionali , scusate ma che ci stanno a fare , se alla regione fanno tutto i consulenti !!!! Auguri

    @ enzo1: ma chi l’ha detto che la magistratura contabile non interverrà? solo, è pacifico che: 1) è vero che il marcio è dovunque nella società ( quindi anche nei tribunali e tra le forze dell’ordine ( v. vicende “talpe in procura”,”trattativa”, indagini sull’omicidio di peppino impastato, processi “ammucciati” in cassazione, ecc.ecc.); 2) che le indagini più grosse, sia per il numero degli indagati, sia per la necessità di portare al dibattimento prove irrefutabili hanno tempi più lunghi e, conseguentemente, è più facile rallentarle; 3) comunque non c’è alternativa: o così- con tutte le difficoltà suddette ed avendo fiducia in un manipolo di onesti – o sarà guerra civile, perchè il livello di pressione di questi figuri è ormai impressionante e non siamo stati educati per essere “bruti” ma per “seguir virtute e canoscenza”, ULISSE di Dante docet………….

    Purtroppo questa vergogna non finirà mai perché anche nella magistratura i criteri per conferire incarichi e consulenze sono identici. Senza raccomandazioni nessuno ti nomina, anche se hai maturato precedenti esperienze lavorative di elevata complessità. Lo “Jusso primae, noctis” spetta alle toghe, poi vengono gli amici.

    Purtroppo le regole di moderazione mi impediscono di esprimere in modo adeguatamente………. colorito il mio commento!!!!!!!!!

    I dirigenti regionali faranno i consulenti dei consulenti.ing.gaspare barraco marsala

    ho una preghiera da fare e non sò come farla pervenire al nostro Presindente Giorgio Napolitano “SIG, PRESIDENTE PER FAVORE A NOME DI TUTTI I SICILIANI ONESTI LAVORATORI (FORSE POCHI) LA PREGO COMMISSARI LA SICILIA” NON ABBIAMO ALTRE SPERANZE O A CHI RIVOLGERCI …………..

    vogliamo l’attuazione integrale dello statuto autonomo siciliano! basta con ste fesserie, lombardo sì, lombardo no, borsellino,ecc… il solo articolo 37 dello statuto farebbe arrivare nella nostra terra 30 miliardi di euro, che in questo momento s’intascano le industrie del nord che estraggono il petrolio in suolo siciliano.

    Salve
    Tutti i consulenti nominati dovrebbero pretendere e ottenere la divulgazione dei risultati ottenuti.
    Non facendo questo potrebbero essere definiti tutti cani di bancata.
    Il cane da bancata, è il cane che di per se guarda cioè “ talia “ la bancata, cioè il bancone, della carnezzeria di turno in attesa di un bel pezzo di carne o di un bell’osso da mangiare, per cui il cane da bancata lo possiamo definire come un nobile cane dalla vita paciosa, di carattere per lo più permissivo, dotato di enorme pazienza il quale per lo più passa il tempo con la panza spaparanzata al sole, che mocio mocio dorme sul marciapiede antistante la carnezzeria di turno in attesa del suo osso da assaporare noncurante di quello che gli accade attorno, seguendo alla lettera l’antico detto “ l’acqua mi vagna e u viantu m’asciuca “ .

    Ma cosa volete che siano delle consulenze pagate in modo “appena decente”? Giusto Presidente? In realtà ci fate solo un favore e noi popolo irriconoscente sappiamo solo lamentarci.

    cari lettori, quando andremo a votare ricordiamoci (non lo dimentichiamo) chi permette al Presidente di fare tutto questo. Ogni altro commento è superfluo. A noi la parola, a noi elettori che se vogliamo, ma solo se lo vogliamo possiamo cambiare le cose.

    So far tutto o forse niente, voglio fare il consulente, signor Lombardo, presidente, ne approfitti celermente. Ventimila regionali,bravi dotti e preparati, sono pochi certamente ne approfitti presidente.

    Pianeti diversi. Analizzando i dati delle indennità 12, si scopre che c’è un abisso tra una Regione e l’altra: tra gli 11.400 euro di un consigliere sardo e i 5.600 euro percepiti da un consigliere in Emilia-Romagna (la prima ad abolire i vitalizi, già nel 2010 13). Così come si nota che l’Assemblea regionale siciliana, nel suo complesso, costa a ogni contribuente 14cinque volte il consiglio regionale lombardo e più del doppio di quello laziale e piemontese. E che le Regioni meridionali sono nelle primissime posizioni per gli stipendi percepiti dai loro presidenti. Ma, al di là delle differenze, di sicuro moltissimo nel 2012 può ancora essere fatto(tratto dal quotidiano la Repubblica.

    Presidente, poche chiacchere per l’anno nuovo!!!!!!Provveda!!!!!!!!!!!

    Commissariare questi politici è compito che spetta a noi elettori siciliani e non al presidente della Repubblica. Napolitano trasmette ogni giorno l’importanza e la forza della coesione nazionale ma questa dipende dalla civiltà e capacità degli amministratori locali. Diversi sindaci, a cominciare dal nostro, sono sordi ai richiami e ciechi davanti allo spettacolo delle città-latrina. Irresponsabili che pretendono potere e quando la giustizia chiede conto di come hanno governato pretendono solo assoluzioni giudiziarie.

    HA SUPERATO IL LIMITE DELLA DECENZA DEVE AANDARE A CASA

    Voglio essere controllata dall’onesto popolo tedesco.
    Commissariate la Sicilia!

    Ragazzi non rivolgetevi ai politici per lavorare; elemosinare quello che ci è dovuto è una vergogna.
    Controllate piuttosto come avvengono le assunzioni e andate dal Giudice del lavoro che è l’unico preposto a risolvere questi problemi
    E’ necessario andare in tribunale, perchè i sindacalisti siciliani sono morti che si trascinano

    Gli LSU senza contratto sono stati dimenticati da Lombardo, dai giornalisti e non voglio nominari i nulla facenti dei sindacati.
    Si pensa solo a quelli raccomandati che hanno avuto il contratto anche se a tempo determinato.
    Facciamo le loro stesse ore e ci ritroviamo con 500 euro mensili da 15 anni

    solo per precisare che i ragazzi lavorano a terrà da agosto, quindi il massimo compenso non arriva nemmeno a 1000 euro al mese. se la matematica non è un’opinione… buon lavoro a tutti e buon anno

    …ma Piraino cerca ancora un francobollo per spedire la lettera di dimissioni…….o la colla alla sedia è troppo potente……ridicoli lui e d’alia!!!!!ha ragione lombardo a trattarli per quello che sono………..

    mi scuso signor presidente sono ignorante in merito ma con tutti i dirigenti che abbiamo alla regione cosa fanno i consulenti? e’come la famosa barzelletta dei carabinieri camminano in due perche’uno legge e l’altro scrive?le do un consiglio invece di fare impiegati faccia solo consulenti mi sa che a cose fatte risparmieremmobuon anno

    Grillo,ma come è caduto in giu,da deputato a consulente…..di che?????

    Pensare che Lombardo e l’ESERCITO DI COMMISSARI E CONSULENTI ,sono al governo DISTRUTTIVO della nostra Sicilia grazie al PD , è veramente raccapricciante.
    Mi sento tradito e offeso da questi piccoli pseudo politici del centro sinistra ,CERTAMENTE NON AVRANNO MAI PIU’ NE’ IL MIO VOTO NE’ IL VOTO DI TANTI ALTRI CITTADINI ONESTI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.